11 settembre e un cous cous al pesto cavolfiore e zucchine

per ascoltare
Sigur Ròs – Saeglopur 

L’11 settembre del 2001 è, purtroppo,  diventata una data da commemorare. Gli attentati alle Twin Towers di New York hanno cambiato il nostro mondo.
Inutile dire che il terrore ha invaso il cosidetto mondo occidentale, il mondo moderno ed evoluto, il mondo “migliore”… si, perchè noi ci consideriamo migliori. E non fate quella faccia. Fin dalle Crociate contro gli infedeli noi siamo “migliori” di loro.  Noi siamo  democratici, noi importiamo la democrazia (con le bombe e il piombo ma la importiamo), noi importiamo il pensiero libero  (Voltaire – illuminismo francese – Disapprovo quel che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo) da tempo immemorabile, noi siamo bravi, noi siamo intelligenti, noi siamo….
Ma com’è allora che i vigili del fuoco americani, quelli che l’America considera eroi, sono lasciati a morire di una malattia professionale (tumore?) che hanno contratto nel cercare di salvare più vite possibili nel crollo delle torri?
Si, perché moltissime persone, vigili del fuoco, volontari, persone normali si sono ammalate respirando le polveri sottili cercando di salvare le persone prima, e di bonificare, dopo, l’area che adesso si chiama Ground Zero.
 E il governo americano cosa fa per questi erori? Li lascia a morire da soli, li lascia senza assistenza, senza lavoro e senza nessuno….. già, ma noi esportiamo la democrazia…. con le bombe!
Sento adesso un notiziario che dice che invece è stato istituito un fondo per chi si è ammalato di tumore prestando aiuto nel crollo delle torri gemelle: peccato che ancora nessuno abbia visto quei soldi.
Io non ho niente  contro nessuno, ho qualcosa contro la stupidità, contro l’ingordigia, contro l’avarizia e contro il potere in generale della razza umana. Perchè, non è vero secondo me, quel che dice il nostro Andreotti che “il potere logora chi non c’è l’ha”, il potere corrode anche gli animi più nobili…
Ma se noi popoli occidentali siamo così evoluti perchè continuiamo a fare queste … atrocità? Perchè imponiamo il nostro sistema di vita ritenendolo migliore e per imporlo uccidiamo chi non è d’accordo con noi? Siamo tutti uguali: piccoli uomini avidi e stupidi.
Non ci sono serviti a niente 5000 anni di filosofia, proprio a niente. Siamo sempre i soliti animali avidi e poco intelligenti… ma ci fermiamo mai a chiederci dove ci porterà questo modo di vivere?
Un pensiero a tutti gli innocenti morti per una causa che NON SARA’ mai giusta perchè non si può uccidere per nessuna causa, nessuna.

Un cous cous di fine stagione? Onoriamo ancora una volte le zucchine dell’orto? Le ultime, finalmente….

Per 4/5 porzioni:

per il pesto:
un gheriglio di cavolfiore bianco
1 zucchina
4/5 mandorle pelate (facoltative)
olio extra vergine di oliva 
una spolverata di pecorino stagionato
2 filetti di pomodoro secchi
peperoncino  piccante
sale q.b. 

Lavate il cavolfiore e la zucchina. Della zucchina prendete solo la parte esterna verde mentre del cavolfiore potete usare anche il gambo un po’ più duro. Io li ho passati nel microonde per 60 secondi per ammorbidire un po’ il cavolfiore. Ho messo la verdura nel mixer, ho aggiunto le mandorle, il pecorino, i pomodorini secchi e un pizzico di peperoncino, l’olio e ho frullato il tutto fino ad ottenere un pesto liscio. Aggiustate di sale se necessario e il vostro pesto è pronto.

Lessate il cous cous con acqua salata (versate fino a superare appena l’acqua sopra il cous cous dentro una ciotola e lasciatelo riposare per qualche minuto coperto da un canovaccio) e sgranatelo con una forchetta. Conditelo con il pesto freddo e mettetelo nelle cocotte a freddare e compattare nel frigo mentre preparate le verdure.

per la ratatouille:
le foglie esterne di un cavolo verza
1 peperone rosso
alcuni fagiolini verdi 
un paio di cucchiai di passata di pomodoro 
capperi
uvetta sultanina
pinoli 
1 carota
1 cipolla
1 gambo di sedano
1 spicchio d’aglio
olio, sale e peperoncino
Tagliate a strisce il cavolo verza e mettetelo in acqua fredda. 
Affettate la cipolla a fette di 1 cm. circa, la carota a fettine un po’ più fini e il sedano a pezzettini. Scaldate un filo d’olio in uno  wok capiente e cominciate a mettere la cipolla, l’aglio intero,  le carote e il sedano. Fateli dorare e aggiungete i fagiolini tagliati a metà e poi il peperone affettato e infine il cavolo. Fateli arrosolare bene e poi aggiungete un cucchiaio di capperi e qualche chicco di uvetta sultanina. Sfumate il tutto con uno spruzzo di aceto balsamico e fatelo evaporare. Aggiungete a questo punto la  passata di pomodoro allungata con un po’ di acqua. Cuocete a fuoco lento, aggiustando di sale e pepe, a tegame coperto per una ventina di minuti. Assaggiate i fagiolini: se sono cotti loro siete pronte. 
In un piatto rovescaite il cous cous dalla cocotte e aggiungete la verdura… qualche pinolo (facoltavivo) e siete pronti per portare in tavola…..
Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

27 commenti

  1. Sei fantastica, e non mi riferisco alla ricetta che pure sembra deliziosa!! Sei fantastica per la passione e l'intelligenza che trapelano tra le tue righe, e per la tua capacità di esprimerle. Sono appena tornata da un viaggio in Marocco e mi sono trovata a chiedermi….ma chi è meglio davvero, il Berbero musulmano che vive in armonia con la natura e con i suoi tempi, che con minime risorse può sopravvivere in un deserto, ma che può ugualmente vivere in una metropoli e parlare sei lingue, o io, occidentale, che levata dai miei comfort e dal mio ambiente senza una guida non credo sopravviverei?!?

    1. Roberta, tu non sai che piacere che mi fai! Hai compreso perfettamente quello che sentivo e che ho scritto… noi siamo solo delle erbacce su questo pianeta!

    2. Purtroppo sono d'accordo con te, è per questo che nel mio piccolo mi sforzo ogni giorno di alleggerire il mio peso nel mondo e di coltivare la conoscenza degli altri….non è molto, ma se lo facessimo tutti!!

  2. E' quello che mi chiedo ogni giorno, passano il termine per favore, perche' l'uomo e' cosi stronzo che oltre ad uccidere gli animali uccide con lo stesso menefreghismo anche i suoi simili?!

    Il cous cous e' colorato, bello e buono, il che non guasta e' davvero speciale! Arrivederci zucchine 😉

    Un baciottolo a te

    1. L'uomo è il peggiore abitante che questo pianeta abbia mai avuto…. prima o poi ci si scrollerà di dosso come ha fatto con i dinosauri…. e loro non erano cattivi come noi! ciao ciao zucchine!
      :O)

  3. La nostra epoca e quella dei nostri figli è stata segnata da questa data.
    Ricordo come se fosse adesso dove mi trovavo quel giorno e cosa stavo facendo e soprattutto ricordo il senso di smarrimento nel vedere quelle immagini in diretta e il senso di pericolo imminente, ed è incredibile come si rinnovi ogni volta che le vedo.

    Si è creato uno spartiacque…prima e dopo '11 settembre.

    Io credo che stia a noi creare un "dopo" migliore!

    un abbraccio e grazie per averci dato uno spunto di riflessione.

    Cri

  4. ricetta mooolto invitante! Ovviamente da provare!

    Per quanto riguarda l'11 settembre … il mondo è pieno di grandi persone capaci di dare la propria vita per aiutare gli altri… ma quando gli uomini fanno politica dimenticano il cuore e diventano insensibili a tutto se non ai soldi….
    Buona settimana

  5. Sandra quando ti incavoli sei una delizia, grazie per aver dedicato ai miserelli allergigici alla frutta secca quella parentesi facoltativa 😉 solo un appunto correggi la prima ricetta ultima riga condite con il pesto il cous cous……

    1. Mia nonna diceva che bisogna andare a fare la spesa a stomaco pieno: credo valga anche per mettersi a guardare i blog di cucina… hai pranzato oggi? Io ancora no, ora vengo a vedere che cosa mi proponi! :O)

  6. marunnina che meraviglia! un piatto vegetariano da ristorante a 5 stelle. appena mi riviene la vena cucinifera te lo copio, tutte quelle verdurine saporite… e che idea originale il pesto di cavolfiore e zucchine e la ratatouille di cavolo verza? fantastica (ps: ho cominciato a postare le mie ricette anche in italiano e se vossignoria volesse fare un salto da me ne sarei molto onorata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.