Cappuccetto (G)Rosso e i panini delle coccole

Panini all’olio extravergine di oliva al profumo di agrumi

quando Stefano della Locanda Toscani da Sempre e Francesco mi hanno coinvolto nel progetto di Cuculla Rubra, Cappuccetto Rosso, mi sono emozionata, subito ed inevitabilmente.

David Bowie, Heroes

(perche possiamo essere tutti un po’ eroi)

in questa quarantena strana, in questi tempi fuori dal comune, distanti e singolari, in questi tempi in cui abbracciare è un lusso, in cui bisogna mantenere la distanza sociale per combattere contro un nemico invisibile, in questi tempi che in fondo all’anima rimane quel sentore di solitudine, di insofferenza, di impotenza. in questi tempi bisogna essere “diversamente sociali” e aiutarci, allievare le solitudini, accudire i nostri “nonni”, sentire i bisogni dei vicini, ascoltare le nostre paure e essere più forti di loro, in questi tempi cosa meglio di un cestino di mangiari buoni e una favola direttamente portata a casa?

lo sapete, io devo sempre sfamare il mondo e quando mi hanno chiesto di far parte di “Cappuccetto Rosso” quel senso di impotenza un po’ è stato alleviato: forse potevo portare un sorriso dentro tante case, dentro tante solitudini, potevo collaborare a portare un sorriso a quei “nonni” che purtroppo non ho più ma che posso adottare a distanza….. poca cosa, in realtà, pensare e fare una ricetta di pane per accompagnare le prelibatezze del Frassineti ma se ne esce fuori un sorriso poca cosa non è!

e allora mi sono confrontata con lo chef e abbiamo pensato a come coccolare tutti i fruitori del delivery di Cappuccetto Rosso e….. come sempre il pane fa la sua magia!

la prima ricetta è quella dei panini all’olio “bono” (extravergine di oliva toscano) al profumo di agrumi: buoni, soffici e profumati di estate.

chiudete gli occhi, davvero, chiudete gli occhi e sognate di essere su una terrazza con davanti un magnifico mare e il sole che scende, sentite i profumi, sentite la brezza del tramonto, quando l’aria diventa più fine e lascia l’afa del giorno, e assaggiate un morso di pane agli agrumi: lo sentite?

Panini all'olio extravergine di oliva al profumo di agrumi

QUA trovate tutte le indicazioni per ordinare la cena di Cappuccetto Rosso

Continue Reading

Corona di pane con farine miste senza impasto

mele e primavera

il telefono non mi riconosce più, non riconosce più l’impronta del mio pollicione a forza di lavare le mani, tra un po’ avrò una pelle come una carta a vetro, accidenti al covid-19!.

ho fotografie fatte in questi giorni e nella scorsa settimana da scaricare ma non mi decido, dovrei pulire casa ma non ne ho voglia, con oggi ho finito lo smartworking e sono in cassa integrazione fino a prossima riapertura della azienda per cui lavoro.

sono qua che cerco di fare un piano di battaglia per non finire schiacciata dal dolce far niente di questa quarantena, se penso che fino a tre settimane fa dovevo scrivere tutto sull’agenda perchè altrimenti non mi ricordavo gli appuntamenti, le cene da foodblogger, gli shooting fotografici, il lavoro, la spesa, le uscite, se penso che quando potevo non uscire mi sentivo una signora e mi organizzavo letture e serie tv direttamente a letto…. se ci penso già rimpiango quel movimento che adesso non posso fare.

ma non mi arrendo, no, non starò a guardare quello che non posso fare, comincio a guardare quello che invece ho IL TEMPO per fare adesso, in tempi di COVID-19.

voglio fare le cose con lentezza, voglio godermele, pezzettino per pezzettino, e soprattutto voglio fare quello che mi va.

io sono una introversa, lo so non ci si crede, una intimista, lo so, non si crede nemmeno a questo, una solitaria, incredibile anche questo, io sto bene con me, a casa mia, con me. questa quarantena non mi spaventa,

quindi, in ordine sparso, comincerò a riordinare il mio archivio fotografico (che di casino ce n’è tanto), cucinerò quello che mi sembrava troppo lungo perchè ora non lo sarà più, leggerò tutti i libri che sono rimasti sul comodino in attesa di essere letti, mi svaghero fra chat e serie tv, ascolterò tutta la musica del mondo direttamente negli auricolari e ballerò senza ritegno quando mi andrà. porterò avanti quei due o tre progetti che mi girano in testa di diversi mesi e per cui non ho mai avuto tempo, per essere pronta al dopo-quarantena.

mi alzerò con calma, guarderò l’alba con un caffè fumante in mano affacciata alla finestra di camera e poi ritornarò a letto a pisolare pigramente, uscirò la Holly con gli schiantilli da pioggia e poi senza furia mi truccherò e mi vestirò come tutti i giorni, e alla domanda di mio figlio che chiederà “per chi lo fai?” risponderò “per me” perchè è la verità, lo farò per me e poi scriverò e, perchè no, sarà la volta buona che ricomincio a provare a dipingere?

lo so che non sono ferie e spero vivamente di essere a lavorare tutto il mese di Agosto perchè ci sarà il lavoro, lo so, non sono fierie. ma invece di passare questi giorni arrabbiata a perdere tempo pensando a quello che non posso fare li posso passare a fare quello che mi piace ed essere il più serena e contenta possibile per rinforzare le mie difese immunitarie? :O))

ma passiamo alle cose serie, visto che siamo diventati tutti panettieri io vi lascio la ricetta della corona di pane con farine miste……

Corona di pane con farine miste senza impasto
Continue Reading

Spaghetti di farina di segale agli aromi estivi

Spaghetti di farina di segale agli aromi estivi
Light of the seven, music of Games of Thrones

una ricetta veloce veloce, semplice, il condimento lo fate mentre cuocete la pasta, con quello che avete in casa, niente ingredienti roboanti ma tutta roba normalissima, eppure….

e se non avete voglia di fare la pasta fresca potete usare uno spaghetto secco di buona qualità ma il risultato sarà comunque delizioso.

ho amici che si invitano a cena, non in tempo di coranavirus, e quando si invitano mi dicono: “mi fai gli spaghetti quelli boni?”

perchè a volte non importano le cotture stratosferiche, le preparazioni astronomiche, le giornate passate in cucina, a volte in dieci minuti si tira fuori dal frigo una meraviglia.

e io amo cucinare aprendo il frigo e prendendo quello che trovo, a volte quasi a caso, ma difficilmente sbaglio. si fa con quello che si ha, come questo sughetto veloce veloce che ho perfezionato a forza di farlo fino a trovare la dimensione giusta. a volte ci metto i pomodorini freschi, a volte quelli secchi, a volte mi manca qualcosa e aggiungo qualcos’altro ma sempre tutti ingredienti di casa, e tutte le volte funziona.

quindi, se non avete i peperoni crusci non li usate, metteteci che ne so, la rucola tritata o il peperone fresco, se non avete la semola usate la zero e se non avete i filetti di acciuga usate il tonno ma non vi fermate e inventate!

Spaghetti di farina di segale agli aromi estivi
Continue Reading