Pici al pecorino e pesto di fave: toscani fino in fondo!

 

pici pecorino e pesto di fave orizzontale II

 

Musica per la cucina

Norah Jones – Sunrise

 

la Toscana è terra di sapori, di alchimie alimentari, di buon cibo.  chi non conosce i prodotti tipici toscani ?

in questo caso parliamo di pecorino e fave per un semplice ma incredibile primo piatto,

i pici al pecorino e pesto di fave

si, toscani fino in fondo che  più toscani di così di muore!

io adoro i formaggi e ogni tanto mi concedo un tuffo nel buono (colesterolo permettendo). con questo pecorino, un semistagionato con un profumo e una consistenza prorompenti ed importanti, mi sono detta che per sentirne tutta la forza non bisognava esagerare con gli ingredienti e con le praparazioni.

e poi giocano molto i ricordi: io il pecorino con i baccelli (cosi si chiamano le fave in toscana, baccelli), per rimettersi la bocca a fine pasto, come diceva sempre mia nonna, l’ho sempre adorato.

un chicco di sale grosso, un paio di fave, un morso di pecorino, un bicchiere di rosso e tanta convivialità, tante risate, tanta armonia. e come tutti ben sappiamo i ricordi giocano molto sul nostro palato, mangiamo prima con gli occhi, con il ricordo:  vediamo quello che abbiamo davanti e il nostro cervello ha già richiamato il profumo, il sapore, il piacere del cibo.

questa è una ricetta semplice, facile e anche relativamente veloce, con prodotti tipici toscani che potete acquistare su Bottegheria

 

pici pecorino e pesto di fave formaggio_

Continue Reading

Crêpes suzette

crêpes suzette E

 

le  crêpes suzette hanno una lunga storia, lunga lunga, che parte dall’origine delle crêpes, che non sono francesci ma sono le crespelle fiorentine  che  Caterina De’ Medici ha “esportato” da Firenze e dalla corte Medicea quando si è trasferita in Francia per diventarne la Regina.

sulla nascita delle crêpes Suzette invece la leggenda narra che tale  Suzette fosse ospite di Edoardo VIII, principe di Galles,  e che  durante un pranzo al Cafè de Paris a Montecarlo lo chef  Henry Charpentier commise un errore, lasciò cadere del liquore sulle crêpes   che stava preparando come dessert per il principe. con il calore del fuoco le crêpes si infiammarono e l’effetto flambè fu trovato molto meritevole e i dessert furono portati comunque in tavola.. Sembra che il Principe Edoardo fosse rimasto talmente colpito dalla bontà delle crêpes  che chiese allo chef se potessero essere dedicate alla giovane ospite, Suzette.

e come vedete dagli errori spesso nascono fiori….

crêpes suzette C

Continue Reading

Mini Babà rustici su carciofo liquido

pagnana -3131-2

 

 

 

babà rustico su   carciofo liquido

Vorrei e non vorrei.
oggi è un giorno così, avete presente? di quei giorni che vorresti andare a fare una passeggiata ma anche no, vorresti essere a casa ma anche fuori, vorresti essere serena e invece hai quella punta di “cazzimm” che si affaccia sotto sotto, maligna e dispettosa.
un giorno del cavolo in effetti, di quelli che partono storti, certo, è lunedì, che ti vuoi aspettare da un lunedì?

e allora mi metto a pensare a giovedì prossimo venturo, corso di cucina da Eataly:
– menù importante
– ingrediente dominante uno solo
– titolo del corso:

SUA MAESTA’ IL CARCIOFO

una delle ricette che presenteremo io e Sara sarà questa, il babà rustico sul letto di carciofi liquidi e ora ve la racconto.

babà rustico carciofo liquido -2-11

babà rustico su   carciofo liquido

come tutti i grandi lievitati il babà ha una lunghissima lavorazione e una lentissima doppia lievitazione.
avendo noi tre ore di tempo per presentare ed insegnare quattro ricette abbiamo pensato bene di usare il miracoloso lievito di birra, lievitazione veloce veloce oppure potete usare una macchina per pane per far lievitare velocemente.

Continue Reading