Spaghetti di farina di segale agli aromi estivi

Spaghetti di farina di segale agli aromi estivi
Light of the seven, music of Games of Thrones

una ricetta veloce veloce, semplice, il condimento lo fate mentre cuocete la pasta, con quello che avete in casa, niente ingredienti roboanti ma tutta roba normalissima, eppure….

e se non avete voglia di fare la pasta fresca potete usare uno spaghetto secco di buona qualità ma il risultato sarà comunque delizioso.

ho amici che si invitano a cena, non in tempo di coranavirus, e quando si invitano mi dicono: “mi fai gli spaghetti quelli boni?”

perchè a volte non importano le cotture stratosferiche, le preparazioni astronomiche, le giornate passate in cucina, a volte in dieci minuti si tira fuori dal frigo una meraviglia.

e io amo cucinare aprendo il frigo e prendendo quello che trovo, a volte quasi a caso, ma difficilmente sbaglio. si fa con quello che si ha, come questo sughetto veloce veloce che ho perfezionato a forza di farlo fino a trovare la dimensione giusta. a volte ci metto i pomodorini freschi, a volte quelli secchi, a volte mi manca qualcosa e aggiungo qualcos’altro ma sempre tutti ingredienti di casa, e tutte le volte funziona.

quindi, se non avete i peperoni crusci non li usate, metteteci che ne so, la rucola tritata o il peperone fresco, se non avete la semola usate la zero e se non avete i filetti di acciuga usate il tonno ma non vi fermate e inventate!

Spaghetti di farina di segale agli aromi estivi
Continue Reading

Pane senza impasto ai semi di papavero

pane senza impasto semi di papavero

pane facile e veloce con lievito di birra

Pane senza impasto ai semi di papavero

The end, Daughter

questo pane senza impasto ai semi di papavero è facile, facilissimo, veramente alla portata di tutti e con il lievito di birra: basta solo avere tempo e adesso, in mezzo a una pandemia, il tempo lo abbiamo.

mi stupisco però, mi stupisco degli italiani. la sera si affacciano al balcone e cantano l’Inno d’Italia, tutti tronfi, tutti belli e patriottici e la mattina dopo li vedi tutti uscire con le scuse più assurde.

com’è che si diceva: fatta le legge trovato l’inganno, ecco noi si fa così, si inventa le giustificazioni per uscire perchè “siamo stressati” a stare a casa sul divano a cazzeggiare. davvero, una fatica immensa stare a casa a fare i “cazzi” propri per una giusta causa, si, ma no, ora siamo tutti filosofi e dottori in giurisprudenza, oltre che virologhi e medici sin intende, perchè è “ledere la libertà” delle persone chiedere di stare in casa per limitare il contagio di una pandemia, certo. allora usciamo, freghiamocene, poi però si fanno i flash mob a cantare e ringraziare i medici italiani che sono in prima linea davvero. onestà intelluttuale non è una parola per noi, evidentemente.

io credo che non abbiate capito, ma proprio non ci avete pensato, non vi siete sforzati di capire o di pensare, non vorrei credere che non ci possiate arrivare. STARE in CASA con i propri per LIMITARE I CONTAGI di una PANDEMIA.

PANDEMIA: dal greco pan-demos, tutto il popolo

“la pandemia è una malattia epidemica che diffondendosi rapidamente tra le persone si espande in vaste aree geografiche su scala planetaria, coinvolgendo di conseguenza una percentuale significativa della popolazione mondiale. Tale situazione presuppone la mancanza di immunizzazione dell’uomo verso un patogeno altamente virulento.”

e dopo? cosa sarà dopo? ci avete pensato al dopo? la nostra vita non sarà più uguale. dovremo cambiare il nostro modo di vivere e di essere. Viene da pensare, se guardiamo la storia delle specie di questo pianeta, che noi non siamo una specie che merita di sopravvivere. dall’inizio del mondo, del nostro, tante sono le specie scomparse perchè non funzionali, dannose o non abbastanza forti per essere di aiuto al nostro sistema. e chi ci dice che noi non siamo una di quelle specie? basta guardare i nostri due ultimi secoli per avere una risposta: lo stiamo distruggendo e noi con lui, e quindi? sarebbe normale per un ecosistema complesso come quello della terra liberarsi degli ospiti non graditi, liberarsi di noi. e come meglio che con una pandemia? poveri piccoli esseri ridicoli, guerrafondai, sporchi e inutili che siamo.

quindi signori, tutti, cominciamo ad essere rispettosi, se ci dicono che DOBBIAMO STARE IN CASA stiamo in casa, non ci inventiamo storie per “fregare” e uscire perchè quando lo facciamo ci stiamo prendendo per i fondelli, stiamo fregando noi e nessun altro.

e dopo stiamo pronti, pronti a cambiare modo, pronti a cambiare sistema, pronti a diventare diversi, perchè lo dovremo fare se vogliamo sopravvivere, dovremo imparare e rinunciare all’avere per ricominciare ad essere.

che questo 2020 era l’anno del cambiamento lo avevano predetto ma questo supera tutte le aspettative!

Pane senza impasto ai semi di papavero
Continue Reading

Frollini ai cereali e fiocchi di avena

in tutti i posti, in tutti i tempi

This must be the place, Talking Heads

devi fare attenzione. devi stare attenta ma non devi aver paura. sii quella che senti di essere, non censurarti, mai, non preoccuparti di quello che gli altri potrebbero vedere, sii te stessa e basta. non aver paura di sembrare strana, oppure diversa, non aver paura.

devi solo camminare, a testa alta, guardando avanti che tanto dove metti i piedi lo sai, lo senti, dentro la pancia e nella testa. cammina, avanti, sempre avanti e non voltarti indietro che dietro c’è solo il passato e non puoi cambiare niente, puoi solo accettarlo e dimenticarlo.

brucia tutti i ricordi che non vuoi, tieni solo quelli buoni, quelli che ti accendono il fuoco dentro. guardati intorno e cammina, spalle dritte, schiena inflessibile, alza il mento e guarda. guarda tutti negli occhi, che non abbiano a pensare che hai paura perchè tu non ne hai, non ne puoi avere.

tu hai me, io sono qui per te, in tutti i posti e in tutti i tempi. per te, solo per te. e finchè saremo insieme le brutture del mondo non ti scalfiranno, io raccoglierò il male davanti ai tuoi passi e lo distruggerò, per te. io lo afferrerò con tutta la mia forza e lo spingero lontano, lontano da noi. perchè io sarò la tua spada, il tuo scudo, il tuo cuore pulsante e niente e nessuno potrà mai fare del male al tuo cuore. non lo permetterò. mai più. adesso che ho imparato, adesso che so come fare, so come tenerti al sicuro in questo mondo disonesto, confuso, disordinato, immorale, scandaloso, sporco e vergognoso. perchè io ti farò vedere solo la parte bella, onesta, pulilta, perbene per non contaminarti. lascia che sia a prendere quest’infezione perchè io so come bruciarla e tu no, tu rimarresti annientata da tanta cattiveria.

lasciami fare, fidati di me, affidati a me, io sono te e ti porterò lontano, in un mondo imperfetto ma reale. perchè io saprò sempre prendermi cura di te. in tutti i posti, in tutti i tempi.

Per tutte le mie “sorelle”

Frollini ai cereali e fiocchi di avena
Continue Reading