Panbioche alla cannella a colazione

panbriochè alla cannella

 

Mio fratello che guardi il mondo, Ivano Fossati

 

 

perchè era ora di provare un panbrioche alla cannella
perchè di panbrioche una golosa come me ne ha sperimentati diversi, questo per esempio, o questo salato o anche questo sfogliato 
perchè la colazione del sabato mattina, a casa, con calma e devozione non se ne puo’ fare a meno

perchè magari, e dico magari, una tua cara amica ti regala un vasetto di marmellata di arance amare che ci sta da Dio spalmata sopra

perchè la golosità è una parte importante della vita e i golosi mi daranno ragione
perchè so resistere a tutto tranne che alle tentazioni (come diceva il vecchio Oscar Wilde)

perchè impastare comunque mi rimette in pari con il mondo
perchè la magia dei lieviti tutte le volte è diversa e mi emoziona

perchè…. perchè è buono!

 

panbriochè alla cannella Ceramiche e eletrodomestici da cucina LUIGI FANTECHI

 

La ricetta del

panbioche alla cannella

 

Continue Reading

Hummus

hummus

che cosa sarà mai l’hummus, una semplice e scontata crema di ceci, perchè  hummus in arabo infatti significa ceci.
no, semplice si, facile da fare, ma scontata no.
perchè per un buon hummus bisogna trovare la giusta alchimia fra limone-tahine-cumino.

sono sempre stata una appassionata di hummus  e dei ceci, mi piace anche la farina di ceci.

ultimamente sono stata in ferie e ne ho mangiato spesso, mi sono ricordata di quanto fosse buono e di quanto mi piacesse e una volta a casa l’ho fatto, subito.

 

 

HUMMUS

Continue Reading

Paccheri al ragù….di soia

paccheri al ragu' di soia

Get up, Chinese man

Ci sono giorni in cui ho bisogno di certezze, anche minuscole ma che siano certezze.

Alzò gli occhi a guardare il cielo e lo vedo celeste, una certezza. Prendo un caffè e il profumo, il sapore, il calore li riconosco. Mi volto quando mi sento chiamare per nome. Piccole certezze che portano avanti nel giorno, il giorno prima della felicità.

Perché la felicità non avverte, arriva. Arriva sparata come un colpo di fucile e poi passa altrettanto veloce. Ma il ricordo di quei pochi attimi non ti lascia mai più, per tutta la vita. Quando ti tornerà in mente quell’attimo preciso sorriderai dentro di te e ti ricorderai la stessa scossa elettrica che hai sentito, lo tesso colpo al cuore. Che sia oggi il giorno prima della felicità?

paccheri al ragu' di soia

Una delle certezze della vita per me è sempre stato il ragù di carne, il sugo, come si dice a Firenze. Mi ricordo che fin da bambina tornando da scuola riconoscevo il profumo già dalle scale e allora correvo come una matta, a rotta di collo per arrivare a casa e intuffare il pane dentro la pentola.

E mi ricordo la risata della nonna, la sua soddisfazione: io che ero sempre stata una bambina secca secca e pallida, ciucciata dalle streghe, come diceva lei, io che correvo a mangiare il suo sugo!!!?

E non sono mai riuscita a fare un sugo come il suo, nonostante sia stata a rubar con gli occhi i suoi gesti, i suoi movimenti mentre lo cucinava. D’altra parte come può un sugo competere con un ricordo?

Ma questo non è un sugo di carne, al posto del macinato di carne ho usato il granulato di soia: vuoi per necessità (tengo il colesterolo alticcio) sia per curiosità ( potevo io non sapere che sapore avesse il ragù di soia che mia zia decanta sempre come buonissimo?) Sia mai!

Sottoposto, senza dichiarare che non fosse di carne (l’aspetto non tradisce, praticamente uguale e il profumo quasi nemmeno), al severo giudizio di intenditori carnivori, alla domanda: “com’è?”la risposta è stata “buono ma diverso dal tuo solito, che carne hai usato?”

Ecco. Ecco ecco ecco. Non vi rimane che provare.

Per una volta lasciare da parte lo scetticismo e provate. E poi fatemi sapere.

paccheri al ragù di soia

Continue Reading