Le Insalatone: croce e delizia estiva

le insalatone

 

Estate=caldo

in cucina non si puo’ stare ai fornelli per ore come si fa in Inverno, ci vogliono cose veloci e magari  anche senza fuoco.

allora la scelta cade sulle tante idee di insalatone, crostoni, pasta fredda, frutta.

ultimamente sono molto attratta dalle insalate: mi piace sgranocchiare le verdure crude, sentirle crocchiare sotto i denti e assaporare  tutte le sfumature del sapore nudo e crudo. mi piace sentire il fresco, i sapori che si mischiano.

ma se quando pensi “oggi a pranzo mi mangio un’insalatona” e ti viene quel senso di tristezza latente, quella sottile sensazione di malessere alla bocca dello stomaco, della serie “mi convingo che mi fa male lo stomaco così non posso mangiare e quindi niente insalatone yuppieeee!!!“, ecco, allora c’è qualcosa che non va. il pensiero del cibo vi dovrebbe mettere bene e non mettere male.  MA CHI L’HA DETTO?

Ma chi l’ha detto che le insalatone debbano essere tristi?
io mi sono divertita a usare i colori, quelli belli, brillanti, allegri. l’arancio, il verde, il viola. estate.
ho mischiato i sapori confondendoli: il melone in contrasto con la cipolla di Tropea o con le zucchine.
niente vieta di divertirsi e di mangiare con piacere e con soddisfazione una bella insalata, colorate e saporita. sani ve lo lascio dire a voi.

avere poi un fratello che “coltiva”, che si è appassionato all’orto…. beh, mi piace!

sapete come funziona con l’orto vero? quando cominciano le zucchine è come l’invasione degli anticorpi: zucchine dappertutto, di tutte le dimensioni, fiori. fiori di zucca come se non ci fosse un domani. tutti i giorni.  oppure il periodo delle melanzane o dei pomodori o dei peperoni.

vogliamo parlare delle virtù delle insalate?
– se fatte con accortezza possono essere a basso apporto calorico (sia mai che la prova costume vi colga impreparate, io ormai me ne frego altamente, mi dispiace per voi)
– rinfrescanti e fresche, facili da digerire
– disintossicanti (sempre che non l’appesantiate con ingredienti piccanti)
e quindi? che aspettate?
tutti a produrre le insalatone allora, però insalatone colorate, divertenti, simpatiche, accattivanti: si perchè anche l’occhio vuole la sua parte:

questa è una versione un po’ diversa di insalata, un’insalatona direi, un pochino più elaborata ma deliziosa. il melone si sposa benissimo con il piccante della cipolla e del cavolo rosso, bisognerà che facciate un atto di fede e vi fidiate di me, credetemi sulla parola.

Le Insalatone: croce e delizia estiva

 

le insalatone

Continue Reading

Hummus

hummus

che cosa sarà mai l’hummus, una semplice e scontata crema di ceci, perchè  hummus in arabo infatti significa ceci.
no, semplice si, facile da fare, ma scontata no.
perchè per un buon hummus bisogna trovare la giusta alchimia fra limone-tahine-cumino.

sono sempre stata una appassionata di hummus  e dei ceci, mi piace anche la farina di ceci.

ultimamente sono stata in ferie e ne ho mangiato spesso, mi sono ricordata di quanto fosse buono e di quanto mi piacesse e una volta a casa l’ho fatto, subito.

 

 

HUMMUS

Continue Reading

Spuma di topinambur con uova di quaglia e granella di mandorle tostate

Spuma di topinambur con uova di quaglia e granella di mandorle tostate

Muse, Time is running out

è bello aspettare l’arrivo di un temporale. mi piace”ascoltare” i rumori preparatori, capirli, riconoscerli.
come le note scritte su un pentagramma, ordinate. l’aria si ferma, il tempo si ferma. Il vento si placa per un attimo, gli uccellini smettono di chiaccherare, il silenzio arriva. la calma prima della tempesta. un profumo di terra e aria. e nel cielo della notte arriva: un disegno di luce, filamenti, e tutto si illumina. un baleno. un attimo di luce, di bellissima luce. si riesce a vedere oltre, oltre l’ostacolo, verso l’infito ed oltre. solo dopo arriva il tuono, immenso, totale. per pochi secondi non c’è nient’altro che quell’incredibile vibrazione nell’aria, nella pancia, nella testa.
la pioggia che ticchetta sul tetto, prima piano piano, goccia a goccia e poi più fitta, le gocce si confondono, si accavallano. e ancora il profumo, diverso da prima, ora di terra e erba bagnata, di muschio, di lindo.
rimango sempre in trepidante attesa del prossimo lampo, del prossimo spettacolo.

vogliamo parlare di ricette?

si, meglio, senza dubbio. mi scuserete se ogni tanto farnetico, se non vi piace basta andare direttamente alla ricetta :=)

ed eccola la

spuma di topinambur con uova di quaglia e granella di mandorle tostate

Spuma di topinambur con uova di quaglia e granella di mandorle tostate

Continue Reading