ceci sotto vuoto e pomodorini in agrodolce: ma ho bisogno di coccole

profumo di gelsomini e  ricordi lontani.
oggi sono un po’ triste. oggi sono un po’ giù. 
mi ci vorrebbe una bella notizia, pensavo stamani, dopo tutte quelle brutte di ieri. ed è arrivata. 
per la verità ne sono arrivate due e un po’ mi sono rimpannucchiata, come si direbbe a Firenze. 
non che il problema sia sparito, ma mi sento più positiva, più disponibile a pensare e credere che tutto si risolverà bene. 
ho le farfalle nel cervello e i cavalli nello stomaco. stanotte più che dormito ho fatto la mille miglia. sapete quelle notti che ti senti di aver sonno ma invece ti svegli di continuo, ti alzi  e guardi l’ora (ma l’avevi già intuita perchè dai lucernari intravedevi ancora il buio della notte): porca miseria sono solo le 3 e 13. richiudi gli occhi e di nuovo ti appisoli e poi ti risenti, e poi ti rigiri e poi….. e poi ti alzi, prima che suoni la sveglia e comincia la nuova giornata. 
cerco di scacciare i pensieri grigi e prendo in considerazione solo quelli gialli sole ma i grigi si riaffacciano ogni tanto. 
allora, mi sono detta, allora scriverò qualcosa sul mio blog, un post in cerca di affetto e di comprensione. aspetto commenti sdolcinati e sfacciati, commenti assolutamente pieni di affetto e di amicizia.  aspetto commenti scoppiettanti che mi facciano sorridere. aspetto. datevi da fare per tirarmi un po’ sù…..
grazie comunque a tutti.
So think before you eat and help save our environment!

Quindi, pensa prima di mangiare e contribuisci a salvare la natura!

per la giornata mondiale dell’Ambiente 2013, oggi, ricette leggere e in “tema”

pomodorini in agrodolce e ceci sottovuoto

quando si cuociono i ceci di solito se ne cuociono un bel po’ per ammortizzare i tempi di cottura. prima li surgelavo (quelli che pensavo non mi sarebbero serviti) adesso invece ho scoperto il sottovuoto fatto in casa: appena i ceci sono cotti e ancora bollenti metterli in vasetti di vetro (recuperate pure quelli dei sottaceti ecc. ecc.) sterilizzati in lavastoviglie. chiudete con forza il barattolo con i ceci e capovolgete fino a che non saranno raffreddati: in questo modo potete utilizzare i vostri ceci che dureranno almeno un mesetto chiusi al buio nella dispensa.

avevo nel frigo dei pomodorini ciliegini che erano un po’ troppo maturi, li ho lavati, divisi in quattro parti e cotti dolcemente in acqua, un filino di olio e un paio di cucchiai di zucchero di canna bruno. dovete avere la pazienza di farli cuocere pianissimo fino a che il sugo dei pomodori si confonde con lo zucchero sciolto e si asciuga. conditeli con prezzemolo fresco e serviteli come salsa di apertura con crostini di pane secco arrostito. dimenticavo: anche un pizzico di sale in cottura!!!
 

pensa prima di mangiare, ragiona e non sprecare: 
aiutiamo i nostri figli ad avere un ambiente più sano e più vivibile.
Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

38 commenti

  1. Mia cara Sandra qualcuno ci dovrebbe spiegare come mai i pensieri giallo sole non riescano mai a cacciare quelli grigi:io posso solo abbracciarti virtualmente e strapazzarti di coccole e dirti che quel grigio poi se ne va….se ne deve andare.E in questi momenti il calore di un abbraccio seppur telematico fa tanto.E' una piccola copertina di Linus.
    Ti abbraccio forte forte mitica donna
    Monica

  2. L'unica bella notizia che ho e` che oggi cera il sole ….il sole caldo d;estate dopo un infinita` di tempo….mi sono quasi presa un eritama al tavolino del bar gustandomi un acquosisimo ed estremamente lungo caffe` espresso tedesco….ma di un buono che non puoi credere
    francesca

  3. Cara Sandra
    …che ti succede?
    Lasciati scivolare addosso le contraddizioni, i pensieri tristi, le cattiverie, le malinconie. Regala un'ora a te stessa, fai solo cose che ti allietano, pensa solo alle cose belle. Questa è la mia semplice ricetta per farmi passare le "paturnie": chissà che facciano effetto anche per te!
    Un abbraccio forte! 🙂

  4. Da diversi giorni non vedevo più i tuoi post nel mio elenco letture blog e mi domandavo: ma Sandra di indovina chi viene a cena non scrive più?? Ero un pò rammaricata perché se proprio devo essere sincera il 50% dei blog che seguo li seguo per "educazione", per contraccambiare il favore ad una collega blogger. Così tra tanti post del tipo "Ciao ragazze, oggi ho ricevuto il carinissimo premio dalla simpaticissima blogger…..", "Salve bellissime, oggi sono stata omaggiata dalla ditta pincopallino di una nuovissima e sfiziosissima crema depilatoria…." ecc. ecc. (ci siamo capiti, no?)ai quali avrei voglia di rispondere solo "E CHI SE NE FREGA??", i tuoi post mi facevano dire "oh finalmente, qualcosa di interessante!" Poi , continuando a non ricevere più tue notizie, mi sono un pò preoccupata e mi sono decisa a venire sul blog…. e che ho scoperto? Che non c'era più la mia faccina nel tuo google friend connect….. mah, i misteri di Google!!! Comunque mi sono reiscritta, una follower persa e ritrovata! Un abbraccio! Costanza

    1. E perché mai dovresti fare senza di noi?!?!?
      senti, io ho un pane per te..ma un pane…ma vedrai che pane!!!
      Baci grandi!

    2. passata dalla signorina Michela, col botto!!!!
      Sandra…. non mi mettere le pulci nelle orecchie: che pane? ho tutte le piume ritte per la curiosità…..

  5. Sandra carissima
    in questo periodo ( e tu sai bene a cosa mi riferisco visto che mi sei molto vicina) non ho che da offrirti un grande abbraccio pieno di affetto!!!
    con tutto il cuore!!

  6. E io ti coccolo, ora, domani, oggi, ieri, PESSEMPRE ♥ in un abbraccio infinito…usami per sorridere, sai che puoi!
    Tua Berry

  7. Allora, intanto vieni qui che ti abbraccio, poi dimmi quello che ti spaventa che lo seppelliamo insieme, poi prendimi per mano e andiamo a comprare scarpe..oppure un gelato..oppure ci sediamo sull'erba e guardiamo lavorare le formiche ..poi ci armiamo di farine e gliela facciamo vedere noi!!!! Dai, dai che oggi è un altro giorno..

    1. mi piace stare a guardare lavorare le formiche con te e poi impastare insieme… ma come sarebbe bello Sandra! grazie tesoro, e…. buono il gomasio!

  8. Ciao Sandra! Che succede? Mi allontano dal blog per un po' e trovo la mia blogger di cucina in crisi, proprio lei che sforna ricette meravigliose che non farò mai ma che mi fanno sognare e venire l'acquolina in bocca? …
    La mia vita e il lavoro che faccio mi hanno insegnato che da un secondo al'altro la vita può essere stravolta, sia in bene che in male. Ma si rimane sempre in piedi…Lasciati passare questi attimi di crisi, affacciati alla finestra della tua bellissima casa, guarda i fiori, i giochi del sole finalmente arrivato, la vita degli animali…i cactus hanno le spine ma ci regalano fiori meravigliosi! …un grande abbraccio e se hai ancora bisogno di coccole chiamaci, noi diam qui!

    1. Oggi sono io bisognosa di coccole…aspettavo due risposte e sono arrivate oggi entrambe negative…e ad una ci tenevo molto…in più ho rovinato un lavoro che stavo facendo (paragonalo ad una torta bruciata) …c'è il sole ed esco a camminare: questo week end non lavoro e sono libera!!!
      Un abbraccio

  9. Oh Patatina, mi spiace che tu sia così.
    La tua richiesta mi viene spontanea.. non faccio proprio fatica.
    Posso solo dirti che se hai voglia di sfogarti scrivimi anche in privato.
    Sò che non ci conosciamo da tanto.. ma apprezzo dalla prima volta che sono capitata qui la tua persona e quindi.. che dire.. la piccola ma sincera Vally è pronta a ricevere ogni tuo sfogo!
    Spero tu possa passare una notte serena, fatti una bella camomilla questa sera.. oppure chessò prepararci un dolcetto super, gustalo e poi postalo per ricevere i nostri immensi e gioiosi complimenti!

    1. vado per il dolcetto super e poi mi porto via anche questo complimento tuo: grazie Vally, topolotta! un abbraccio.

  10. Ciao cara, mi dispiace per il tuo stato d'animo, qualsiasi cosa sia successa spero torni tutto a posto in brevissimo tempo!
    Baci!

    1. un momento di sconforto sconfortante: a chi meglio che a voi potevo chiedere affetto?
      ho chiesto e mi è stato dato.
      grazie

  11. …..io invece dormivo come un cavallo ma "qualcuno" alle 3 e 13 (o giù di lì) ha deciso di chiamare "mammaaaaaaaaaaaa"……….un abbraccio grande tesoro:-)

  12. Cara Sandra, capitano le giornate così..sono quelle giornate in cui nonostante il nostro essere ottimisti e proiettati verso la vita, ci sentiamo schiacciati da pensieri e preoccupazioni..anche io sto così da qualche giorno, ma poi, ecco che ritrovo la spinta..mi dico e mi ripeto che star male, stare giù, stare arrabbiata e imbronciata non cambia le cose..e allora ?? Allora schiena dritta e via ! Su Sandra bella, fammi un bel sorriso !
    Mi piace la tua ricettina !
    Bacini !

  13. Bella l'idea dei ceci cotti e conservati. Mi piace anche questa insalata (la posso chiamare così?)!
    Per tirarti su? Oggi c'è il sole, è una temperatura gradevole, è mercoledì. Quindi, andiamo al mare a passeggiare sulla spiaggia, mangiare un bel gelato o sorseggiare una bevanda fresca.
    Magari mettiamo i piedi in acqua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.