mini cheesecake al gorgonzola dop, fichi caramellati e Ficotto

musica consigliata  per l’impasto 

entri in cucina tornando dal lavoro, tutto spento, al buio di una giornata di dicembre,
 piovosa e umida.
unica luce nella stanza il bagliore del fuoco nel caminetto. 
e subito ti lasci avvolgere dal profumo del legno che brucia, 
dal tepore e dal calore rilasciato dal fuoco.
il primo istinto è quello di sedersi, davanti al fuoco, sulla poltrona e rimanere là, 
assorta, beata e senza pensieri, 
ancora completamente vestita con tanto di cappotto gocciolante di pioggia.
poi piano piano  rientri nella  realtà  e ti  rimette in moto.
ma il calore del fuoco rimane, anche dentro, nell’anima. 
e allora per me  la migliore prosecuzione di questo momento   è cucinare
entrare in sintonia con gli ingredienti, con calma, con tranquillità, in lentezza.
è un lusso che mi concedo, almeno una volta alla settimana. 
accendo la musica, mi verso un buon bicchiere di vino, 
annodo il grembiulone nero che liscio sui fianchi   e cucino.
e cucino con passione, con amore, con delicatezza. 
ed  in ogni ingrediente scopro con gioia  la bellezza, l’unicità, il profumo.

quando sono stata invitata dall’az. Terra Vecchia a provare i loro  prodotti  a partecipare ad un loro concorso  ho accolto con molto piacere l’invito.
avendo scoperto che la cucina è fatta di particolari, di accortezze, di niente e di tutto ho pensato che con quei fichi caramellati avrei potuto fare scintille.
sono cresciuta in una famiglia di tradizioni contadine, dove far da mangiare era una cosa seria, non uno scherzo.  mia nonna non cucinava se gli ingrediente non erano come voleva lei, tante volte siamo rimasti delusi e depressi pensando di mangiare i suoi famosi ravioli e trovando un piatto di pasta al pomodoro. Non c’era la ricotta fresca oppure  gli spinaci erano brutti  diceva con il candore tipico di tutte le  nonne.
devo ammettere che allora, poco più che bambina, non capivo tutta questa differenza fra spinaci e spinaci. adesso si. adesso so per certo che con un ingrediente “buono” puoi fare un lavoro speciale, una cosa unica.

e meglio avere ingredienti  naturali, il più naturali e semplici possibili.
verdura dell’orto, adesso vanno di moda gli orti sui balconi, ma soprattutto prodotti di stagione (difficile trovare le zucchine in dicembre nell’orto!), possibilmente di provenienza bio, frutta di stagione, colta e mangiata. un lusso insomma, se consideriamo che siamo abituati ad acquistare di tutto e  per tutto l’anno sugli scaffali dei supermercati. 
io abito in campagna, in mezzo a un bosco, per questo sono una privilegiata. 
il terreno è duro, galestro e roccia calcarea,  ideale per le vigne, ma noi testardi abbiamo provato lo stesso a piantare olivi e alberi da frutto. fra gli alberi da frutto abbiamo due fichi, un borgiotto fiorentino e un fico verdino.  il borgiotto è il mio preferito: frutti neri e dolci da non si dire.
è bellissima la generosità dei fichi, danno tanti di quei frutti dolci e succosi che ci si devono inventare modi di conservazioni alternativi al solito fico secco. 
i fichi sono piante nobili, eleganti. 
comunque, appena scartato il pacchetto mi sono sentita in dovere di assaggiare almeno un fico caramellato… me ne sono mangiata tre come fossero noccioline senza battere ciglio, deliziosamente perfetti.





la ricetta nasce a quattro mani, o a due tastiere, chiaccerando/chattando con la mia amica Amanda, che mi mette sempre i pulcini nelle orecchie…..

Amanda, pensavo a qualcosa di salato, voglio il gorgonzola nella ricetta, voglio il formaggio, voglio il contrasto fra il dolce del fico e l’acidità del formaggio…. 

e lei senza colpo ferire:

un cheesecake salato?

è  stato amore a prima vista, io già mentre lei lo scriveva me lo vedevo davanti  il mio chessecake…..
che donna l’Amanda!



per una tortiera diametro 18 


per la base:
3 pacchetti di cracker non salati
5 gherigli di noce
60 g. di burro fuso

sminuzzare grossolanamente i cracker
frullate invece finemente le noci in modo da ottenere quasi una farina
mischiate ed aggiungete il burro fuso
modellate l’impasto sul fondo della tortiera foderato di carta forno e livellatelo pressandolo con il fondo di un bicchiere
lasciar riposare in frigo

per la crema 

125 g. ricotta fresca
50 g. gorgonzola dop
135 g. mascarpone
60 g. di formaggio spalmabile tipo labne
1 uovo intero
noce moscata
sale e pepe

per la guarnizione

fichi caramellati Terravecchia
Ficotto Terravecchia (mosto cotto di fichi rosa)

emulsionate la ricotta con il mascarpone e il labne in  modo da ottenere una spuma a cui aggiungerete la noce moscata grattugiata, un pizzico di sale e pepe e l’uovo sbattuto. amalgamare bene la crema e versarla sopra la base.
infornare il tutto per 25 minuti, i primi 10 minuti a 200°C e i restanti 25 coprite con carta stagnola per non far colorire troppo e cuocete a 180°C.

tagliate i vostri mini cheesecake della forma voluta e decorate con gocce di succo di fico e fichi caramellati appoggiati sopra.

con questa ricetta partecipo al concorso   A ME PIACE FICOTTO 

in collaborazione con il blog  Scatti Golosi e Cuochi Lucani 

con i prodotti messi a nostra disposizione da

                                                                               Ficotto 

                                                                 fichi caramellati 

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

31 commenti

  1. Un sogno vivere in mezzo alla natura.. un desiderio che mi porto da tempo avere un caminetto in casa… E ti immagino in tutta la tua eleganza sorseggiare un buon bicchiere di vino rosso in quel ambiente caldo e piacevole.. ♥ Tua nonna sapeva i fatti suoi, le cose buone hanno un loro privilegio, e sono essenziali nella buona riuscita di una ricetta, è la base! Mi piace il tuo cheesecake salato, racchiude abbinamenti dolce-salato, adoro questo tipo di contrasto ♥

  2. Allora, voglio trasferirmi e voglio venire ad abitare vicino a casa tua per respirare insieme la stessa aria, fatta di cose buone e genuine.
    Ti amo!

  3. Non sai da quanto sognavo una cheesecake salata e tu proprio come in un sogno l'hai realizzata, con ingredienti ottimi e sapientemente abbinati! …quella base con le noci…. oltre a tutto il resto
    è davvero un bel regalo a se stessi cucinare con calma perdendo la nozione del tempo…
    bacioni Su

  4. Cara sandra, non commento la tua ricetta che come sempre mi affascina, perchè preferisco incantarmi sull'immagine di te che torni a casa, che trovi calore e silenzio e ti concedi il lusso (un lusso che ti invidio) di cucinare con calma. Da quanto non mi posso concedere questo lusso? troppo….
    Claudette

    1. mi auguro che ti succeda presto Claudette, tornare a casa senza avere qualcosa di irrimandabile da fare e poter cucinare con CALMA e tranquillità!
      un abbraccio

  5. mamma mia cara Sandra!!! amo tanto i fichi, mia mamma ha un albero e quest'anno per la prima volta li ho caramellati.. divini, li amo in particolare proprio con il formaggio e quindi non posso che spalancare occhi e bocca davanti a queste delizie!!! super!!! ti abbraccio cara

    1. la raccolta dei fichi a casa mia la facciamo io e mia figlia: sono più quelli che mangiamo che quelli che portiamo a casa, sempre!
      colti e mangiati sono una vera goduria!

  6. Ma che super sfizio!! Brava Sandra!! Eccome se hai avuto un' idea favolosa!
    Per quanto non ami i formaggi io questa la vorrei davvero assaggiare!!
    Buona serata!

  7. che bontà!!!!
    a settembre avevo fatto anch'io un cheesecake salato con fichi caramellati (buoni!!!) e aceto balsamico.
    e mi era piaciuto tanto. In versione mini come lo presenti tu, è ancora più stuzzicante.

    1. io invece a settembre di anno scorso avevo fatto i fichi caramella e mi ero ripromessa che non li avrei fatti più: ci siamo fatti fuori tre barattoli enormi in una settimana…. e la dieta???? ha ha ha! troppo buoni i fichi Eleonora!

  8. Ahhhh che spettacolo! Ci siamo godute il rientro a casa con il bagliore del fuoco scoppiettante come unica luce come fossimo appena rientrate noi! Sembrava di leggere l'incipit di un romanzo culinario caldo e avvolgente e la ricetta ha continuato a scaldare cuore e stomaco! Deve essere paradisiaco affondare i denti in quel capolavoro di croccante, voluttuoso e caramellato! Cos' altro poteva uscire da tanta passione se non una delizia come questa?! Buona serata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *