Decadimento cellulare: combattiamolo con i chifferi

Dicesi decadimento cellulare il normale invecchiamento delle cellule.
Invecchia la pelle, invecchiano gli organi interni, invecchia il sistema nervoso, invecchia il cervello.
Vengo da una tre-quattro-cinque giorni di decadimento mentale e fisico….. ogni tanto mi lascio sprofondare in questi meandri tortuosi e tipicamente femminili, in questi avvitatissimi pensieri susseguenti tristi e affossanti, e più mi rendo conto di avvitarmi e più mi avvito.
A volte è come se fosse  bisogno di farsi del male…. poi, la parte migliore di me,  quella che comunque non molla mai riprende il sopravvento e si impone: niente pensieri negativi. 
E si comincia la risalita, costellata di ricadute brevi e faticosa.  Il mio carattere è sempre stato così, melodrammatico, teatrale, introversamente sfacciato, lunatico, passionale. Invecchiando ho limato alcuni angoli, smussato spigoli duri, ma la base…. la base è quella e ogni tanto cedo e cede anche il  mio cervello.
Decadimento cellulare, invecchiamento dei tessuti e degli organi vitali dovuto a una normale usura nel tempo.
E io mi guardo nello specchio, al mattino, dopo aver lottato tutta la notte con il caldo, con una zanzara e con l’insonnia e mi trovo in pieno decadimento cellulare.
Per fortuna c’è il trucco e parrucco, indossi un bel sorriso, tiri su le spalle insieme ai capelli, rossetto e via, verso l’infinito e oltre……

Ci facciamo due chifferi?
Si che è meglio, dai! Comatteremo la nostra battagglia contro il decadimento cellulare con allegria, fantasie e….. chifferi? Il cibo è per me una meravigliosa gratifica, lo avete capito vero, e so di non essere la sola.
Alzi la mano chi la pensa come me…. non è forse una delle cose più belle della vita mangiar bene?

 ingredienti per 4 belle bocche
chifferi rigati 400 gr. 
una bella fetta spessa di speck 
1 enorme cipolla rossa di Tropea
4 pomodorini secchi
200 gr. formaggio tipo labne 
olio extra vergine di oliva
sale e pepe
Cominciate con mettere in una padella antiaderente la cipolla tagliata ad anelli piuttosto spessi, lo speck a dadini e i pomodori secchi a fettine sottili sottili con UN FILO d’olio. Soffriggete il tutto per pochi minuti e quando sia lo speck che la cipolla saranno diventati trasparenti spegnete e aggiungete i 200 gr. di formaggio.
Scolate la pasta lessata e raffreddatela in acqua fredda. Passatela in padella dentro al vostro sughetto ancora tiepido, pepe e via, siete pronti. Il buono di questa pasta è la cipolla che scrocchia sotto i denti e il profumo dello speck, è buona anche fredda, se ce la fate a farla avanzare…..

buon fine settimana a tutti

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

28 commenti

  1. Ci sto anch'io a combattere il decadimento cellulare con questo piatto appetitoso ma …servono proprio le cipolle?…cosa mi suggerisci di alternativo? ….
    …ho appena compiuto xx anni e sono in pausa di riflessione: capita a tutti!
    Buona domenica!

    1. Loriana, al posto delle cipolle…… aglio? Andiamo di male in peggio?????? Secondo me le cipolle servono, rimangono croccanti e dolciastre e gli danno un bel sapore…..

  2. carissima Sandra, il tuo post mi ha ricordato quello scritto di Anonimo, ma famoso per molti, che dice "… abbandona con un sorriso la giovinezza ed accogli con garbo gli ammaestramenti dell'età.."
    Si perché, in barba all'invecchiamento cellurare dei miei 48, giovinezza significa troppa inconsapevolezza e quindi troppa sofferenza, quindi accetto di incontrre lo specchio ogni mattina, in cambio dei tuoi chifferi, sai che baffetti mi faccio 😉

    1. Cinzia, la migliore soluzione sarebbe quella di avere un corpo di 25 anni e la maturità dei nostri 48…. sai che sballo sarebbe! Bisognerà accontentarsi dei chifferi …..

  3. Ciao Sandra,grazie per la visita e per i tuoi cari commenti.
    Mi fa piacere che hai notato le mie piantine; non ho il pollice verde(ma amo il verde) e quelle sono le più facili da coltivare: credo che le fotograferò di più!
    Decadimento cellulare!?!?!?
    Non immagino minimamente la tua età, visto che il tuo blog ha un'aria di freschezza e leggiadria, ma quel decadimento è di ognuno di noi; ma poi mi piace tanto quando dici: niente pensieri negativi…via verso l'infinito!
    Ti seguirò con piacere!

  4. Slurp, l'insalata con i cornetti 🙂 Non ho mai visto quel formaggio e sono andata a informarmi, curiosa come sono!! Un'alternativa sana al classico formaggio spalmabile! Spero che vi arrivi presto qualche temporalino dei nostri quotidiani, che rinfresca lo spirito e le nostre cellule!!
    buon weekend

  5. non conosco il formaggio che hai usato ma tutto il resto mi piace da morire, un primo saporito, di quelli che si divorano!!! hai proprio ragione sul decadimento.. io ora sono alle prese coi capelli bianchi.. ho cercato di ignorarli per tanto tempo ma ora iniziano ad essere più prepotenti e mi toccherà prendere il sopravvento.. mah… e fortuna che d'estate c'è l'abbronzatura, almeno mi sento un po più carina!!!! buon wekkend un bacioooo

    1. Chifferi, fusilli, trofie, celentani, penne, spaghetti….. ti basta come artiglieria pesante o vado avanti? buon week end anche a te cara!

  6. di mani ne alzo due!!!! altro che decadimento, cara…facciamo doppia dose pure di chifferi…ho alzato 2 mani….
    Ottimo piatto! bacioni!

    1. Ciao Monique, in realtà è un formato da minestra di legumi, da zuppe….. ma noi l'abbiamo scoperto "asciutto" e ci piace un sacco…. provare per credere!

  7. Ciaoo, Sandrina, passa da me che c'è un pensierino per te! Anche se sò che non hai tempo per fare tutto l'ambaradan il premio te lo meriti alla grande lo stesso!
    bacioni

  8. io ho scelto di vivere nella mia totalità in stato di neurone gallinoso…è il topo dell'evoluzione: credi a me…..soave lievità leggera che vola 🙂

  9. Ciao Sandra mentre stavo commentando "mi trovavo in una selva oscura" e' arrivato Antonietta del blog la trappola golosa e insieme abbiamo fatto il post su "Una passione tutta Campana".
    Stavamo parlando anche del tuo delizioso blog, e sicuramente al primo evento sarai l'ospite d'onore con un bel tuo scritto.
    Bellissimi e deliziosi questi tuoi chifferi.
    Un abbraccio e a presto

    1. un'iniziativa micidiale! Certo che farò l'ospite d'onore, mi sto già lisciando tutte le penne per fare la ruota…. io sono pronta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.