Praticamente perfetta sotto ogni aspetto…. Filoncini di pane con emulsione di olio extra vergine di oliva (olio evo)

Filoncini di pane con emulsione di olio extra vergine di oliva

Nun te reggae più, Rino Gaetano
(purtroppo ancora maledettamente attuale)

 

noi sagittari abbiamo avuto Saturno contro per oltre  tre anni, e lo sappiamo bene noi quello che lo “stronzo” ci ha combianto

quest’anno invece Giove, il re dell’Olimpo, ha deciso che dopo 12 (do-di-ci) anni forse era ora ti tornare a “casa” nostra e ci regalerà fortuna, amore, gioie professionali e personali, nuovi inizi, grandi sfide e successo in ogni campo semplicemente transitando nel nostro segno

ora, io mi chiedo: MA DOVE CA@@O STAVI GIOVE? possibile che non fossi in grado di fermare sto’ Saturnocontro? che tu ti fossi distratto un attimo ce ne siamo accorti ma insomma, un’occhio a questi  poveri sagittari incasinati lo potevi buttare! che eri a fare? eri su una spiaggia di Marte o di Saturno (appunto) a prendere il sole? o eri ad amoreggiare con Venere???

comunque,  il cielo astrale del 2019 del Sagittario –  segno di fuoco, ascendente leone, il sole in casa ma anche la luna, le quadrature, i sestili, i pianeti …. boh, mi ci vorrebbe un traduttore perchè confesso la mia ignoranza in materia – comunque il cielo astrale del 2019 promette fuochi d’artificio.

insomma, volendo credere all’oroscopo dovrei essere nel pieno dello splendore, dovrei fare i fuochi nell’acqua con una facilità incredibile, potrei essere meglio della fata Smemorina di Cenerentola o praticamente perfetta sotto ogni aspetto come Mary Poppins…… e allora?

allora non so, sono qua che galleggio nel niente, apaticamente apatica.

e non conta il sole, i paesaggi mozzafiato toscani, gli amici vicini e lontani, i figli, il cane la casa o tutto il resto, non conta.  ho il vuoto dentro, la voglia di fare niente, niente progetti, ho smesso di sognare,  niente…. aspettiamo, che dite? aspettiamo Giove o chi per lui?, aspettiamo.

nel mentre mi basterebbe aver voglia di qualcosa, anche di piccino piccino.. ha ha ha!

…. che sia un buon anno!

 

 

vi lascio  la ricetta di questo pane strano (chi si azzarda a dire che è strano come me rischia stamani 🙂 ),  di questi pseudo

filoncini di pane con emulsione di olio extra vergine di oliva

 

Filoncini di pane con emulsione di olio extra vergine di oliva

Print Recipe
Filoncini di pane con emulsione di olio extra vergine di oliva
Istruzioni
IMPASTO e LIEVITAZIONI:
  1. PRIMO IMPASTO: in una ciotola capiente sciogliete il lievito con circa300 g. di acqua. setacciare le farine e inserirle insieme al lievito impastando con un mestolo. aggiungere la restante acqua, il sale e l'olio e impastate grossolanamente fino al completo assorbimento dell'acqua.
  2. a questo punto avrete un impasto morbido e appiccicoso, non del tutto uniforme. coprite con un canovaccio e aspettate. trenta minuti. fate il primo giro di pieghe prendendo l'impasto dall'esterno verso il centro (vedi video sotto). ancora l'impasto sarà morbido e appiccicoso, abbiate fiducia. NOTA BENE: OGNI TIPO DI FARINA prende una quantità diversa di acqua e quindi i 500 g. sono indicativi e non obbligatori, controllate il video sotto per capire la consistenza e per vedere come si fanno le pieghe circolari.
  3. ripetete le pieghe per almeno 4 volte a distanza di 30 minuti l'una dall'altra: è un lavoro di pazienza, di tempo, di cuore. niente fretta. vedrete che all'ultimo giro di pieghe l'impasto sarà maturato, sarà già molto più compatto e soffice e avrà una bella morbidezza. a questo punto lasciate lievitate: a temperatura ambiente a me ci sono volute quasi 7 ore, nel forno spento con la luce accesa forse sarà un po' più veloce.
  4. rovesciate l'impasto sulla spianatoia e formatelo senza maneggiarlo troppo per non sgonfiarlo: dividetelo in 4 parti. formate dei filoncini lunghi circa una trentina di centimetri e metteteli a fare la seconda lievitazione uno accanto all'altro ben infarinati in modo che non si attacchino fra di se in un telo di cotone con la stoffa fra uno e l'altro. INFARINATELI BENE, non abbiate paura. copriteli con un panno e lasciateli lievitare nel forno SPENTO ma con la LUCE ACCESA. un paio di ore dovrebbero bastare
FORMATURA e COTTURA
  1. togliete li filoncini dal forno e scaldatelo alla massima temperatura (250°C o quanto il vostro forno supporta) lasciando all'interno, sul fondo, una teglia vuota: dopo vi spiego perchè. mentre il forno arriva a temperatura versate in un barattolo di vetro (tipo da 400 g.) quattro parti di olio evo e una scarsa di acqua, chiudete il barattolo con il coperchio e scuotetelo per preparare l'emulsione.
  2. una volta che il forno è arrivato a temperatura prendete ogni singolo filoncino e appoggiatelo sulla teglia coperta con carta forno oleata e con un tarocco incidete come in foto: non tagliate completamente la pasta ma incidete decisi. cospargete abbondantemente con l'emulsione ogni filoncino
  3. inserite le teglie nel forno e aggiungete 5 o 6 cubetti di ghiaccio sulla teglia sul fondo per formare vapore che farà la vostra crosta croccante e profumata. cuocete a 250°C per 15 minuti e altri 20 a 200°C, gli ultimi cinque minuti con lo sportello del forno fessurato. se vi piace ben cotto aumentate il tempo di cottura. togliete dal forno il pane e lasciatelo raffreddare su una griglia in modo che possa prendere aria anche sotto.
Recipe Notes

vi stupirà la crosta saporita, sia sopra che sotto, che otterrete con l'emulsione.

se ce la fate, sempre se avete una bella forza di volontà, lasciateli raffreddare prima di cominciare a mangiarli..... io li adoro ancora bollenti invece!

Filoncini di pane con emulsione di olio extra vergine di oliva

 

Filoncini di pane con emulsione di olio extra vergine di oliva

 

Filoncini di pane con emulsione di olio extra vergine di oliva

 

Filoncini di pane con emulsione di olio extra vergine di oliva

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

5 commenti

  1. Che insopportabile impiastro appiccicoso che sei, una pentola di fagioli in ebollizione che borbotta, lagnosa e lamentosa, dico ora, hai avuto tre anni che non avrei augurato al mio peggior nemico, io sempre lì a dire, questa è troppo ora mi va in pezzi, e invece lei dritta lì che neanche di caprio sul Titanic resisteva di più, e ora che puoi, devi respirare, ti sgonfi come il sufflè, ti accartocci mugolando, mi tocca gonfiarti come il materassino e mollalla, sali sui 12 cm e guarda il panorama accidenti a te

  2. Cosa vuoi che ti dica amica mia? Con tutto stò casino che c’è in astrologia se dovessero azzeccare ogni singola persona sarebbero dei geni, non credi? Io sono una delle tante che ascolta sempre gli oroscopi e poi non ci crede e quando si avvera o non si avvera qualcosa dice: visto? Chiaro che non ci prendono! Del mio ho sentito qualcosina in tv e pare sia un buon anno, invece per quello di mio marito ancora jella e fatica … sai che ti dico? Prendiamola come viene e non aspettiamoci niente, almeno se succede qualcosa di bello sarà una bella sorpresa. Io sto avendo delle grosse soddisfazioni anche con unn chicchino di lievito di birra ma non ho voglia nè di fotografare il pane che sforno, nè di prendere nota delle quantità quando lo faccio. Per adesso va così, me lo godo e basta. Così come mi godo (anche se solo virtuale) anche il tuo. Bono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.