Gli gnocchi del sabato sera

Ricordo di aver visto, qualche anno fa, una trasmissione su Gambero Rosso. Uno chef di cui non ricordo il nome, ricordo solo che era giovane e non se la tirava ma che aveva un ristorante segnalato su tutte le guide gastronomiche d’Europa, fece vedere in diretta come si fanno gli gnocchi di patate.
Sugli gnocchi di patate ci sono un sacco di leggende metropolitane.
Premetto, io seguo le indicazioni del giovane chef.
Le leggende metropolitane vogliono che gli gnocchi di patate siano fatti solo con le patate bianche, perché con quelle a pasta gialla NON VENGONO assolutamente, non stanno insieme, o che le patate DEVONO  essere rigorosamente cotte con la buccia e intere. Altra cosa, non bisogna fare gli gnocchi quando si hanno le mestruazioni o quando c’è la luna piena o quando……. le streghe ballano in giardino!!?!!?!
Il mitico piccolo chef alla domanda della conduttrice che gli chiedeva che tipo di patate usava per fare gli gnocchi rispose con candore:

“io adopero le patate che ho a disposizione in quel momento”

Aaaaaaahhhhhhhhhh!
Apriti cielo, spalancati terra!!! Blasfemia! Bestemmia! Come si permette questo piccolo omuncolo di dire che si può usare qualsiasi tipo di patate per fare gli gnocchi? Come si permette, fare lo gnocco è un’alchimia, ci vuole una ricetta speciale, una procedura speciale, una patata speciale….. un cervello normale????
E io seguo il mitico piccolo chef e quando ho voglia di fare gli gnocchi prendo le patate che ho in dispensa e faccio gli gnocchi con ottimi risultati e senza uova….. e allora? Allora venerdì gnocchi…. no, allora sabato gnocchi!

E quindi ieri sera, dopo anni che io e una mia amica minacciavamo tutti con un ipotetica cena di solo gnocchi, abbiamo fatto gli gnocchi. Si, sissignori, colpa un po’ anche di quella Patty che mi fa venire le voglie con le sue ricette e le sue foto super….. grazie Patty!!!!

Quindi, ieri sera, io e la mia carissima amica ci siamo trovate a casa mia alle 4 del pomeriggio e ci siamo messi a fare gli gnocchi insieme.
Quando lei è arrivata io stato pelando le patate e facendole a pezzetti e mettendole in acqua fredda corrente per lavarle. E  anche lei stupita:

“Sandra, ma la mia mamma le cuoceva intere e con la buccia!”

Non ti preoccupare, ho risposto, ho un trucco speciale che si chiama pentola a pressione!!!
Si è rilassata e ha detto:

“allora faccio un caffè”

 ingredienti:

patate 
c.ca 250 gr. a persona 
farina tipo 0 q.b. 



Sbucciate, tagliate a piccoli pezzi e lavate in acqua fredda le patate. Mettetele nella ragazza a pressione sgocciolandole un po’ e con un pizzico di sale. Cuocete per 10 minuti dal fischio. Fate uscire il vapore dalla ragazza a pressione e cominciate a passare le patate con il passapatate.
Io sono un po’ esosa e le ripasso almeno 3 volte, devono essere liscie. Aggiungete un po’ di sale ma non troppo, appena appena, e cominciate ad impastare aggiungendo piano piano un po’ di farina. 
La quantità di farina dipenderà dalle patate: noi su 2 kg e 12 di patate abbiamo usato 450 gr. circa di farina, piuttosto poca quindi. Quando la pasta sarà omogenea provate a fare un bastoncino e a tagliare qualche gnocco per vedere se tiene. Appoggiate gli gnocchi su un canovaccio spolverato di farina in attesa di cottura.
per il condimento: 
1 kg di lupini di mare
(vongole piccoline e saporitissime)
busta di funghi misti surgelati con porcini
400 gr. di code di gamberoni 
aglio e prezzemolo
sale e pepe
olio extra vergine di oliva
un bicchiere di vino bianco (di quello buono)
Noi abbiamo tenuto i lupini di bagno in acqua e sale, dentro un colino a maglia fitta completamente immerso in una ciotola. Non vi dico quanta sabbia abbiamo tolto. Cambiate l’acqua spesso e ogni tanto lasciatela anche scorrere. 
Preparate un trito di aglio e prezzemolo abbondante. In un padellone scaldate l’olio e fate arrosolare l’aglio e il prezzemolo: aggiungete i lupini di mare sgocciolati, sale e pepe e un bicchiere di vino bianco (di quello buono, mi raccomando) e coprite con un coperchio scuotendo di tanto in tanto. 
Quando i lupini sono aperti togliete gli animali e filtrate il liquido di cottura. Tenetelo da parte in una ciotola. Togliete anche metà dei lupini dal guscio e lasciate l’altra metà nella conchiglia. 
Ancora aglio e prezzemolo e olio evo, fate soffriggere e buttate i funghi. Sale e pepe e lasciate cuocere coperti. A metà cottura aggiungete l’acqua dei lupini e continuate a cuocere coperto.
Intanto sgusciate i gamberi, toglieteli il filo nero intestinale e divideteli in 3 o in 2 pezzi a secondo di quanto sono grandi.  Quando i funghi sono cotti aggiungere i gamberi e i lupini sgusciati e fate  saltare il tutto per un paio di minuti con gli gnocchi che avrete cotto in abbondante acqua salata e un filo d’olio. Obbligatorio leccarsi i baffi.

P.S.  abbiamo provato anche il condimento con burro nocciola, limone e ricotta…… che Dio benedica la nostra Patty!!!!

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

36 commenti

  1. Alla parola lupini mi avevi già stregato….poi gli gnocchi sono il mio piatto preferito..non ti dico altro!
    Quando passo da te per una magnata?
    Hai ragione, Holly e Zorro si assomigliano molto, l'ho appena portato con me in montagna, ed è stato bravissimo, pure in albergo non ha dato fastidio ed è piovuto 5 giorni su 5 …non ti dico altro… sono splendidi!
    Bacioni e ti aspetto!!!

  2. Caspita, davvero vanno sempre bene degli gnocchi così!! Non sapevo il trucco della pentola a pressione. Ma anche mia mamma aveva le sue "leggende", quella delle mestruazioni era la più assurda (non bagnare le piante che muoiono ecc..).
    Divertente questo post, mi hai fatta sorridere ne avevo veamente bisogno 😉

  3. Dal lunedì al lunedì della settimana successiva potrei mangiare gli gnocchi. Mi piacciono proprio tanto tanto tanto. Se poi, sono conditi con quel sugo strepitoso, allora li posso mangiare tutti i giorni a pranzo e cena.
    Un bacio, buona settinana

  4. Mammamia che abbinamento, di lunedi sera vanno bene lo stesso, no? perchè fino a sabato non si può aspettare :-)) Mi unisco alle tue seguaci..se ti va passa a trovarmi, a presto!

    1. Si ssi.. vanno bene di lunedì di martedì di mercoledì, vanno bene a pranzo, vanno bene anche a merenda se proprio prorio…. ciao cara!

  5. Oh Sandraaaaa…..mi fai morire dal ridere. Tu sapessi. Dopo avere fatto gli gnocchi a casa, venerdì pomeriggio sono partita per il Molise per andare a prendere la piccola dai nonni dove è stata 2 mesi. Arrivo e mia suocera, tutta contenta: ho preso le patate, domani facciamo gli gnocchi! Mi sono ritrovata domenica mattina ad impastare 2 chili di patate a pasta gialla, che essendo state cotte in acqua con la buccia, avevano assorbito acqua e quindi mi ci è voluta più farina del normale. Avrò fatto 500 gnocchi, non lo so, ma adesso mi escono anche dalle orecchie. Devo dire che la cottura sotto sale evita alla grande il problema dell'acqua. Devi provare (visto che hai fatto 30, adesso fai 31!). E grazie per la citazione, sono felice che ti siano piaciuti! Un abbraccio grandissimo (la tua ricettà è da acquolina immediata!). Pat

    1. Io risolvo con la pentola a pressione, la ragazza vuole poca acqua e le patate non se la possono prendere…. mi immagino la tua faccia mentre impastavi gnocchi….. avrei voluto essere un uccellino e guardardi smaneggiare!!!! Ok, farò anche 32 e proverò con le patate sotto sale….. la citazione… la citazione… "date a Cesare quel che è di Cesare"? come potevo io non dare gli gnocchi alla Patty? ciao tesora!!!

  6. Io non amo molto mescolare i funghi col pesce ma questi gnocchi hanno un appeal notevole tanto che mi sembra di sentirne il profumo. Brava. Ciao a presto.

    1. Io sono una pasticciona Annarita, amo mischiare i sapori e i profumi…. questa di pesce e funghi merita provare, credi! 🙂

  7. Io li faccio sempre con le patate gialle e le faccio cuocere tagliate a pezetti e senza la buccia. Praticamente non ne azzecco una… però mi sono sempre venuti bene!
    P.s. se vuoi passare da me c'è un giveaway, ti aspetto!

  8. una meraviglia!!!!! Sono estasiata dal tuo post….io adoro gli gnocchi e li faccio spesso…però che sbattimento scottarsi le dita per sbucciarle….ed ecco che arrivi tu!!! Proverò al più presto questa ricetta!
    Ottimo anche il condimento …mi inviti a mangiarli ???? Un bacio

    1. Valentina, è una sicurezza, credimi anche perchè nella pentola a pressione di acqua le patate ne possono prendere davvero poca! Ti aspetto a cena allora!

  9. senti senti che cose interessanti si scopre passando di qua… anche io ero super legata alle leggende metropolitane, specialmente quella delle streghe che ballano. Nonstante cio' mi pare che ti sia venuto davvero un bellissimo e profumatissimo piatto! Mi pare che questi gnocci siano fantastici!

    1. Giulia, c'è anche chi dice che per farli buoni bisogna vestirsi di rosso e ballare la tarantella…. chi si accontenta gode!!!
      Grazie tesoro per i complimenti!

  10. cara Sandra, i tuoi gnocchi sono gustosissimi! ^_^
    Comunque, anche io uso le patate a disposizione e non mi faccio troppe paranoie…devo solo dire che di norma le faccio lessare con la buccia perché mantengono di più il sapore…ma questo perché l'ho sperimentato da sola, non me l'ha detto nessuno 🙂 per quel che riguarda la pentola a pressione, purtroppo non la uso e quindi non mi pronuncio.
    Complimentissimi!! ^__^

    1. Michela: apri la pentola, ci metti quello che devi cuocere, un filo d'acqua, sale, chiudi il coperchio. Accendi il fuoco aspetti che fischi e conti i minuti indicati sul libretto delle istruzioni. A fine tempo spengi, sfiati e apri. Fatto, hai imparato a usare la pentola a pressione, e credi, a volte è davvero comoda. Notte notte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.