l’insalata arrotolata e poi basta!

me lo hanno detto ieri sera. 
la furios girl è al mare con le amiche e siamo io, lui (il figlio, principe ereditario) e lui (il 1/2 pompelmo). mi hanno fatto sedere a tavola e mi hanno chiesto:

che si mangia?

e io sottovoce, piccina piccina

….insalata …..

è stato un coro.

 e no, ora basta con tutte queste insalate! va bene che ci piacciono ma sempre queste  insalate  e pure strane!!!!

io l’ho pensato ma non l’ho mica detto che tanto questa era l’ultima della serie perchè oggi e poi basta si possono inviare ricette all’MTC. mi sono guardata bene dal dirlo ad alta voce.
e poi, caro LEO alias COZZAMAN, sappilo che i nostri mariti non ti amano alla follia, sappilo.
perchè io di insalte ne ho fatte diverse, anche per prova, e quindi mi capite: si sono ribellati.
eccchevuochessssiaunpo’diinsalata!!! ma quanto la fanno lunga: lo facessero loro da mangiare allora!
veniamo a noi caro Cozzaman, questa è l’ultima della serie, se Dio vuole: 
l’insalata arrotolata 
arrotolata dentro una bella tortilla di farina di mais. leggera, condita con una salsa yogurt e quasi vegetariana, quasi, non fosse per quelle due fettine di salame toscano che ci stavano da Dio.

allora, gli ingredienti: 
cavolo verza dell’orto***
cipolla di tropea fresca
pomodoro fiorentino dell’orto
basilico dell’orto
salame toscano
yogurt grego 
maionese fatta in casa
 salsa worcester
******
100 g. farina di mais 
100 g. farina tipo 0
olio extra vergine di oliva
sale
acqua calda q.b.
*** i prodotti dell’orto sono assolutamente bio e di mio suocero 
io ho tagliato il cavolo a fettine sottilissime con la mandolina. ho affettato un paio di fette di pomodoro e lasciato in pezzi piuttosto grandi. due fettine di salame toscano, quello buono, una cipolla di tropea tagliata a fettine sottili e ho mischiato il tutto. l’ho condita con una salsina fatta con due cucchiai di yogurt grego, due cucchiai di maionese fatta da me me medesima, due gocce di salsa worcester e la coda verde del cipollotto tritata finemente.
ho setacciato insieme le farine con un pizzico di sale, ho unito l’olio extra vergine di oliva e ho amalgato il tutto con l’acqua tiepida. impastato per una decina di minuti e diviso la pasta in palline che ho steso con il mattarello e ho cotto nella padella antiaderente senza grassi.
 appena cotta la tortillas ci ho infilato dentro la mia insalata e ho arrotolato la pasta intorno.
hanno protestato tanto per le insalate che quasi non giela volevo dare questa versione, si potevano benissimo mangiare un uovetto a olio i lor signori. ebbene, sono riuscita a mangiare una perchè era quella che stavo fotografando, da veri signori si sono spappolati tutto!
con questa insalata vado ad aggiungermi al già lunghissimo elenco da quelle figliole per l’MTC che questo mese mi sembra…. esondante!

 

un pensiero di Alda Merini che mi gira nella testa da stamani:
 …ma anche io come Pinocchio vendo il mio abbecedario per un bacio d’amore
 
Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

25 commenti

  1. ma tu sei una forza della natura, guarda… sto ridendo ancora adesso!!
    Senti, a gara finita, ti dico che l'unico dubbio, su questa, riguarda la presentazione: perchè la carta paglia come tovaglia e – soprattutto- la tortilla arrotolata ocme contenitore non sa tanto di Bella Epoque.
    Ma sa di buono, di genuino, di intrigante, di divertente- di una fantasia sconfinata, che affonda le sue radici nella conoscenza sicura di un territorio che si conosce e si ama, ma non al punto di restarne prigionieri e di non saper levare lo sguardo anche più in là. Il tutto, sempre animati da un gusto raffinato, che coniuga sapori decisi con altri più sfumati, con la disinvoltura che viene dalla consuetudine alla curiosità e dal talento.
    Quasi quasi mi dispiace, che sia finita la sfida… chissà cos'altro ci avresti proposto! 😉

    1. ma lo sai che dopo che ho pubblicato ho sentito come qualcosa che non andava….. poi ho realizzato: e la belle epoque? va be Alessandra, l'insalata era proprio buona, nonostante i mugugni dei mie uomini di casa… peccato non poterne fare ancora di insalate, stavolta bisogna dare atto a Cozzaman di aver indovinato il piatto!
      baci e grazie per tutto il lavoro che fate per noi con l' MTC!

  2. L'insalata in questo guscio merita un premio… io ti auguro la vittoria perchè l'idea è davvero geniale e golosa… io la rifaccio sicuramente domani per pranzo, visto che sono sola con la bimba e le insalate sono il must di questi giorni! un bacione sandra:**

  3. Ma quante idee sperimenti in una settimana? Sei vulcanica!
    Qui non si sente gran voglia di insalata (che peraltro è l'unica verdura che con questa pioggia cresce e prospera nell'orto), perche….. fa freddo!
    Claudette

    1. io metto a cena tutti 7 giorni alla settimana e siccome mi annoio a cucinare sempre le stesse cose… divago! baci baci

  4. ahahahhah sandra me li vedevo a dire "mò basta!" ahahahah però diciamo che la tua insalata ha un certo perchè.. quindi.. vai di insalata anche per noi! ;D un bacione

  5. ahahah..io vivrei di questi piatti 😀
    Bella e golosa la tua proposta, con me andresti sul sicuro!
    la zia Consu

  6. ma quanto sei forte???ma che ne sanno loro della vita?le insalate sono il meglio,saziano e ti tengono in linea….come dici te,perché non cucinano loro,anzi devono provare sulla loro pelle l'ansia giornaliera del:"e oggi cosa cucino??"",vediamo se si lamentassero poi cosi tanto…:)
    per me doppia porzione di questa goduria,approvata a pieni voti….baci Sandrina,felice fine settimana :*

    1. troppo bello se cucinassero loro, anzi, quando gli chiedo se hanno voglia di mangiare qualcosa mi dicono… no, fai tu… e poi regolarmente non va mai bene! tutti uguali…

  7. Oh Sandrina nooo anche la tortilla di mais! Io la adoro! E le due fettine di salame che ci stavano benissimo…mi fai scompisciare! Domani ti bacio tutta!

    1. tutto a posto per le tue allergie e intolleranze? quando verrai a cena da me mi toccherà studiare un menu' particolare…. tutto pe tia!

  8. aho sti masculi e l'insalata nun gli va, la pasta fresca con le noci neanche, tu chiedi asilo, vieni qui, ti lascio la lista delle mie allergie e cucini tutto il giorno, tutti i giorni, parola che nessuno si lamenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.