insalata di rapa bianca, kefir e songino alla maniera di Ottolenghi

DSC_6696 rapa bianca _01

musica per l’ascolto

This Mortails Coil, Kangaroo

 

 

La rapa bianca mi piace. anche Yotam Ottolenghi mi piace.
mi piace il suo modo di cucinare così speziato e colorato, mi piace, con quel sapor mediorentale…
ammetto che ho cercato le rape bianche dopo aver visto una ricetta sul libro, Gerusalem, e che nonostante sia una semplicissima insalata il risultato è così fresco, frizzante e gentile che sarà una ricetta quotata per questa estate.
in fondo al post trovate le caratteristiche della rapa, ricca di vitamine, sali minerali e clorofilla.
una piccola rapa bianca piena di risorse insomma.

DSC_6768 rapa bianca _01

insalata di rapa bianca, kefir e songino

 

ingredienti:

2 rape bianche
coriandolo fresco – 1 mazzezzo – in alternativa al coriandolo usate il prezzemolo
1 cucchiaino di pepe rosso
1 cucchiaino di semi di senape
1 cucchiaino di sommacco in polvere
1 cucchiaino di origano in polvere
50 g. di kefir o yogurt naturale
1/2 limone
qualche ciuffo di songino
olio extra vergine di oliva

 

 

DSC_6718 rapa bianca

 

 

preparazione:

  • Pelare le rape e tagliarle a cubetti e salarle leggermente
  • in una ciotolina unire il kefir, il succo di 1/2 limone e un filo di olio evo
  • aggiungere al composto di kefir le spezie in polvere e mischiare
  • condire la rapa con il composto di kefir e spezie e aggiungere songino o insalata a piacere

 

 

DSC_6699 rapa bianca

ALTRE insalate alternative

Insalata di code di gamberi alla paprika piccante

 

L’insalata del contadino, Forchettina Giramondo

Insalata estiva di avocado, An experimental cook

 

DSC_6718 rapa bianca

DSC_6696 rapa bianca _01

Rapa bianca –

proprietà: le rape bianche sono alimenti ricchi di vitamine, in particolare di vitamina A e β-carotene, vitamina C, vitamine del gruppo B e Acido Folico. In particolare, per quanto riguarda la vitamina C pare che ne contengano molto più che le arance. Sono ricche inoltre di sali minerali come fosforo, calcio (le crucifere ne sono la principale fonte di origine vegetale), ferro utile nell’anemia e potassio utile nel controllo della pressione sanguigna.

Sono ricche di clorofilla che aiuta la produzione di emoglobina contrastando l’anemia, mucillagini e fibre utili a livello intestinale nelle infiammazioni e fitonutrienti particolari che non sono presenti in nessun altro alimento come i composti fenolici denominati tiocianati cui sono state attribuite proprietà antitumorali (cancro al seno, polmoni e stomaco).

Studi hanno dimostrato l’efficacia di queste molecole nel contrastare la proliferazione e il diffondersi delle cellule cancerose.

100 gr di rape hanno circa il 90% di acqua, mentre il resto è suddiviso tra glucidi, proteine e sali minerali per tale motivo, sono alimenti ipocalorici (circa 20 Kcal ogni 100g) e perciò adatti a tutti coloro che vogliono seguire un corretto stile di vita.

Non contenendo glutine sono adatte all’alimentazione dei pazienti che soffrono di celiachia.

ti potrebbe interessare anche

3 commenti

  1. anch’io adoro entrambi, sia la rapa bianca che Ottolenghi! Mi piace particolarmente proprio cruda, con quel suo gusto unico, fresco e piccantino, arricchisce una semplice insalata verde oppure, diventa una protagonista assoluta come nella ricetta che hai pescato da Ottolenghi, un mago delle verdure e delle spezie!!
    anche le foto fanno sbavare…. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *