Io non mangio da solo

per le orecchie e per l’anima
guardate anche il video, è bellissimo

C’è un contest in giro, io l’ho trovato girellando fra i miei preferiti, che mi ha molto colpito.
Non ci sono premi “bellissimi”, ma il premio, per me, è quello di  poter partecipare. Parla di pane, parla di fame, parla di cibo.

L’iniziativa è nobile.
E mi ha fatto pensare ancora una volta a quanto noi siamo fortunati senza rendercene conto.
 NOI  siamo quelli nati dalla parte giusta del pianeta: ma che cosa abbiamo mai fatto per avere questa fortuna? Siamo solo nati dalla parte giusta dell’emisfero terrestre,…… una gran botta di c……. scusate l’espressione!
E allora  lo dico sempre io, lo dico sempre che non si puo’ buttare via niente, non si può sprecare niente per rispetto a chi non ha di che mangiare, per rispetto a chi con i nostri sprechi ci potrebbe NON  morire di fame. 
Lo spilucchino  insieme a   Progettomondo Mlal  hanno  promosso questo contest con l’idea di fare un calendario per il 2013 con le più belle foto e le più belle ricette inviate dai blogger,  il cui ricavato andrà in beneficienza  per aiutare chi è meno fortunato di noi.
Io non sono niente di eccezionale in cucina, non sono uno chef (più facile una “ceffa”), ma ho un cuore. E il mio cuore ha bisogno di mandare un contributo a questi occhi che mi guardano da dietro una focaccia….E me li immagino tutti questi occhi che mi guardano, tutti insieme e mi scappano le lacrime dagli occhi e dal cuore. E mi sento cattiva, ingrata e  egoista. Ma postare una ricetta con il pane, chi mi conosce sa della mia venerazione per il pane, postare una semplice ricetta con una foto che potrebbe aiutare anche un solo paio di questi occhi lo posso fare. 
La ricetta originale la trovate  qui, ma a me piace in maniera particolare per la sua semplicità e soprattutto perchè è fatta con  “materiali di scarto” che si trovano in tutte le nostre cucine.
E’ fatta di pane raffermo, di foglie verdi di  insalata (quelle che di solito si buttano perché troppo dure per i nostri palati altezzosi), di peperoncini, di olio e di poco altro.
 gli ingredienti:
fette di pane (io toscano) raffermo
le foglie esterne dell’insalata 
(quelle verdi di clorofilla, saporitissime  ma un po’ dure)
qualche spicchio di aglio
1 ricciolo di ‘nduja
1 peperoncino piccante fresco
fettine di scamorza dolce o un altro formaggio a pasta filante 
olio, sale e pepe 

Tagliate le fette di pane non molto alte e arrostitele nel tostapane.
Lavate l’insalta, separate  le foglie centrali per condire dalle foglie esterne verdi e con le coste grosse.
Spezzate con le mani abbastanza grossolanamente le foglie dell’insalata e
lasciatele in acqua fredda. Nel frattempo  sbucciate  2 spicchi d’aglio e
tagliateli a fettine non troppo sottili, soffriggetelo  in padella con olio
extra vergine di oliva, due fette di peperoncino  fresco piccante e il
ricciolo di ‘nduja. Al posto della ‘nduja secondo me ci potrebbe stare anche un filettino di alici accompagnato da qualche cappero….
 Fate soffriggere e aggiungete un pizzico di sale.
Aggiungete l’insalata sgoccialante e fate cuocere scoperta nella padella fino a che le
foglie si sono ridotte. A questo punto coprite con un coperchio e
cuocete per qualche minuto.
 Aggiustate di sale e pepe se necessario e finite di asciugare il liquido in eccesso facendo cuocere senza coperchio.
Predente una fetta di pane arrostito, conditela con un filo d’olio e se vi va anche una bella “stropicciatina” di aglio crudo,  
metteteci sopra un po’ di insalata, se li trovate anche l’aglio e il
peperoncino cotti  e coprite il tutto con  qualche pezzettino di formaggio. 20
secondi nel gril del microonde  per fondere il formaggio, un filo d’olio
buono……
Sono crostoni buoni, appetitosi, divertenti e sicuramente economici.

Ringrazio Virginia  per avermi dato l’opportunità di poter fare qualcosa per quegli occhioni sopra….

P.S. Guardate tutti quegli occhi, come mi ha detto Virginia!

 

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

29 commenti

  1. hai ragione noi siamo davvero fortunati!! avevo visto quest'iniziativa ed è davvero bella com'è bella la tua ricetta semplice ma appetitosa!!! un bacione

  2. i tuoi post sono sempre interessanti e pieni di riflessioni ed iniziative…la tua ricetta semplice ma appetitosa…e questa è una sicurezza…adesso però devo pensare a come partecipare a questa iniziativa anch'io che sono una frana in cucina!
    Buon week end!

    1. Non è la frana in cucina, sono quegli occhi che chiedono…. io ho postato una fetta di pane in fondo! ciao Loriana, buona domenica!

  3. Il tuo post rispecchia il mio modo di fare e come dovremmo comportarci con il cibo.
    Dal cibo povero escono sempre i migliori piatti, semplici veloci e super super super gustosi.
    Partecipero' anche io a questa iniziativa.
    A presto
    Buon Week

    1. La mia mamma mi racconta che quando erano bambini (lei è nata nel 1938) il dolce per loro era il pane con la caramella….quando andava di lusso! buon fine settimana Pasquale!

    1. Sono uno dei miei gruppi preferiti, li ascolto quando sono un po' triste o anche quando sono un po' arrabbiata, oppure quando sono un po' allegra…. sempre insomma! Verrei, verrei volentieri anch'io a Londra……

  4. Quanto è vero quello che dici. Noi ci arrabbiamo perchè i nostri figli lasciano il mangiare nel piatto e in altri posti ci sono mamme che si disperano perchè non hanno nulla, niente per sfamare i propri figli. Penso che questa iniziativa sia molto importante e mi piacerebbe aderire. Grazie per averne parlato e per la tua splendida ricetta.Ciao.

  5. Sandra, sono io che ringrazio te! Per le foto, se riesci a recuperarne una senza scritta e a mandarla all'indirizzo mail iononmangiodasolo_contest@mlal.org ci fai una cortesia.
    Se vuoi vedere chi sta dietro a quegli occhi che tanto ti hanno colpita, guarda qui:

    Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"


    Di nuovo grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.