La storia di una “canoa” e delle zucchine pestate

Sabato sera, cena in terrazza con i soliti amici, quelli di sempre, quelli storici. Caldo calato, leggera brezza.
Conversazione varia. Che si mangia stasera? Pasta fresca al pomodoro piccante, tramezzini vari, crostini e antipastini misti e….. quinoa…..
– Canoa?
– No, QUINOA
– Dove andiamo? Scendiamo qualche tipo di cascata? Facciamo rafting? Il giubbotto salvagente?
– No, Q U I N O A con il pesto di zucchine?
– Povere zucchine, pestate e ridotte in brandelli per la canoa…
E’ stato un susseguirsi di battute fra lo stupido e l’ironico…. alla fine delle CANOE non è rimasto neanche l’odore però.
– Ma guarda questo cereale così bellino….. ma guarda un po’…..
– Guarda che non è un cerale..
– A no? E che cos’è allora? Sembra grano o riso o miglio…
– Famiglia degli spinaci  e delle barbabietole, ottimo antiossidante, contro l’invecchiamento cerebrale, senza glutine e molto proteica….
– In quanto a invecchiamento cerebrale….. comprane un  camion Sandra e avanti a tutta CANOA!!!

Era la prima volta che mangiavo la quinoa, devo fare ammenda,  e  scusateci tanto anche la discussione demenziale con la canoa.
Mi è piaciuta. Mi è piaciuta così tanto che ieri sera ho fatto queste uova ripiene di …. quinoa e pesto di zucchine……

E ora ve la racconta, la quinoa , falso cereale perché in realtà appartiene alla famiglia degli spinaci.
Ha un sapore importante, non è insipida, si fa notare insomma.  Io l’ho prima tostata e poi lessata in acqua bollente leggermente salata per 10/15 minuti. Si conserva in frigorifero benissimo e puo’ essere usata sia calda che fredda. Originaria degli stati andini del sud America, cresce sopra i 1500 mtr. Unico dato a suo sfavore il prezzo…. Credo che mi divertirò un mondo questo inverno con le zuppe….

per le uova ripiene:

1 uovo sodo a testa
quinoa
pesto di zucchine 
olio extra vergine di oliva 
sale  e peperoncino piccante
basilico fresco
olive in salamoia
pomodoro maturo a fettine
Tostale la quinoa e poi lessatela in acqua leggermente salata (2 parti di acqua e una di quinoa). Una volta cotta scolate l’acqua in eccesso se ce n’è. Lessate le uova e togliete la punta in modo che appoggino bene sul piatto e non dondolino. Poi taglietele a metà e togliete il tuorlo. 
per il pesto di zucchine: 
3 grosse zucchine verdi fresche
una manciata di mandorle pelate
3 pomodori secchi
qualche foglia di basilico
olio extra vergine di oliva
sale 
Lavate le zucchine e tagliate la parte verde lasciando il bianco interno. Mettetele nel frullatore.
Mettete in acqua calda i pomodori secchi, che perderanno un po’ del sale e si ammorbidiranno.
Prendete le mandorle e sminuzzatele grossolanamente. Mettetele nel frullatore.
Strizzate e tagliate a listarelle i pomodori. Metteteli nel frullatore.
Lavate una decina o più di foglie di basilico e asciugatele. Mettetele nel frullatore.
Sbucciate uno spicchio d’aglio piccolo. Tagliatelo in quattro. Mettete una parte nel frullatore.
Sale, olio e accendete. Controllate e aggiungete olio fino a che non avrete ottenuto un pesto  abbastanza fine.

Prendete la quinoa, aggiungete un paio di cucchiani di pesto e il tuorlo delle uova. Mischiate tutto e aggiustate di sale. Riempite le uova a metà.
Con la quinoa avanzata ho fatto delle palline e le ho appoggiate su delle fettine di pomodoro…. ottimo abbinamento.

Allora, posso non mandare questa ricetta al Salutiamoci?  Sarebbe un peccato mortale, vero Cobrizio?
E allora, avanti a tutta CANOA!
Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

14 commenti

  1. il pesto alle zucchine lo faccio già causa mega produzione di zucchine nell'orto di mio cognato…mi alletta l'abbinamento con le uova e la quinoa….Consigli sempre ricette molto particolari: complimenti!

  2. un bel piattino da provare per le giornate calde insomma e per ridere un pò, mi hai fatto morire con la canoa

  3. Non conosco il tuo nome, sono capitata per caso, ma ti faccio i coplimenti per le ricette e per il blog che continuerò a seguire. Buona serata, Verbena*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.