maltaglliati: l’ortica non l’ho trovata ma la bietola si!

sapete quando uno si alza la mattina con un’idea in testa? io non lo so come è capitato ma da ieri  mi frullava in testa questa idea e non ho saputo resistere.
mi ricordo mia nonna, mia nonna li faceva con le ortiche: sono uscita, sotto questo diluvio universale, io e la Holly per campi e per prati in cerca di ortiche. niente, nemmeno l’ombra.  vuoi vedere che l’ortica sta diventanto rara? eppure mi ricordo che da bambina l’ortica era temuta ma si trovava spesso nei campi. i primi anni che abitavamo nella casa del vento ce ne era un prato enorme sotto le vigne. adesso, da quando hanno dismesso le vigne e seminano a granaglie non se ne vede più. mi sono quindi dovuta arrendere e me ne sono tornata a casa, inzuppata come un pulcino bagnato ma un po’ più serena, mi piace camminare sotto la pioggia senza ombrello. 
allora ho sopperito, se non è ortica sarà qualcos’altro di verde, mi sono detta: bietola.
ho lessato la bietola e le coste in acqua leggermente salata e l’ho fatta ben scolare, le ho strizzate e fatto delle palline che ho poi sminuzzato con la mezzaluna. ho preso 1 uovo e un albume che mi era avanzato, 300 g. di farina di semola rimacinata, 100 g di farina tipo 0 e ho cominciato ad impastare. 
ho aggiunto un goccio di acqua di cottura delle bietole per far si che la pasta prendesse la giusta elasticità.  dopo aver lavorato per una decina di minuti la farina l’ho avvolta nella pellicola e l’ho messa in frigo a riposare per una  decina di minuti. e siamo a venti, di minuti, per la preparazione.
non è difficile fare la pasta fresca, anzi, è facilissimo e divertente, puoi liberare la fantasia e modellare la pasta come più di piace. io ho fatto maltagliati e tagliatelle, per esempio, perchè mi sono resa conoto che era tanta e che sarebbe bastata per due volte (noi siamo 4 e mangiamo per 8, quindi fidatevi, dividete le dosi!)
questa sotto è la palla di pasta compatta e bellina da morire appena tolta dal frigo.

ho preso il mattarello e ho steso la pasta dividendola in due parti. sottile ma non troppo, tagliata a strisce lunghe dai 5 ai 10 cm e larghe  un paio. tutte diseguali, tutte storte, tutte strane ma verdi…. belle!!!
si chiamano MALTAGLIATI mica per scherzo, devono essere davvero maltagliati!
ho fatto bollire l’acqua e ho cotto per qualche minuto la pasta, cuoce veloce
ho condito con burro fuso e parmigiano reggiano a scaglie….. non ve lo dico come erano, non ve lo dico… dovete solo provare. regalatevi questa mezz’ora di tempo per fare un piatto di pasta come Dio comanda, un piatto di pasta con i sapori antici, quelli tosti, contadini, ma di una delizatezza strabiliante. sentirete il sapore della pasta, la consistenza prepotente, il verde della bietola, il burro, il formaggio, un tripudio di sapori meravigliosamente amalgamati.
semplice, semplicissimo. meraviglioso. incredibile. da fare, rifare e rifare ancora. 
perfetto. 
un primo piatto perfetto.

 ingredienti

300 g. farina di semola rimacinata
100 g. farina tipo 0
acqua di cottura delle bietole
100 g. di bietole sgocciolate
1 uovo intero + un albume
un pizzico di sale  
tempo di preparazione della pasta, compreso cottura e condimento:
3o minuti

ho scoperto perchè avevo in testa questa idea: sono diventata maga, chiromante, fattucchiera, preveggente nonchè sensitiva……
eccolo, il contest di una delle più belle al mondo, la Roberta, donna meravigliosa, lasciatemelo dire. un vulcano in eruzione, paturniosa ma combattente, bella davvero…
Roberta, ciottolino mio, questo è il mio semino, è per questo tuo contest che da stamani mi balla in testa questa ricetta, giuro non lo sapevo, ho scoperto ieri sera alle 10,00  che facevi un contest ma non ero ancora venuta a vedere perchè avevo voglia di scrivere di questi maltagliati che mi sono tanto piaciuti ….. solo dopo aver scritto il post sono venuta a vedere il tuo blog….. è un segno del destino!!!!

buona vita!

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

48 commenti

  1. Strepitosa questa pasta anch'io adoro fare la pasta fatta in casa, è una gran soddisfazione!!!
    Ottima con le bietole!!
    E perfetta per il contest di Roby!!
    Un abbraccio! Roberta 😉

  2. Due donne che amo in un unico post, una meraviglia! E con questa pasta che vorrei tanto imparare a fare…brava Sandra! Ti bacio e abbraccio!

  3. Inzuppata per le ortiche!!!! Ci vuole proprio una buona causa e sicuramente la tua pasta nella sua versione originale, deve essere buonissima, ma sicuramente anche la tua variante deve essere altrettanto buona. Veramente invitante il tuo piatto. Complimenti anche per la tua simpatia. Un abbraccio.

    1. mi piace camminare nella pioggia, e poi con l'impermiabile giallo da pompiere non mi ammollo mica!!! grazia tesoro, baci!

  4. io ho un pane in testa da fare con le ortiche, da anni ormai ma non ho trovato modo di procurarmele, ottima la tua versione con le bietole è vero la pasta fatta a mano è una soddisfazione che parte dala mattarello fino alla forchetta… baci buona settimana. mony

    1. Mony, ti aspetto a Panissimo per il pane con le ortiche, non fare scherzi!! ogni 15 giorni la raccolta da me e da Barbara per tutta l'Europa!
      baci

  5. Ciao Samdra!
    Sono passati i tempi in cui andavo a raccogliere mughetti e ortiche! Mia mamma si limitava al risotto mentre io ho sperimentato anche le frittate…. La tua ricetta é invitante…finita questa pioggia potrei andare per campi a cercare ortiche…se non annego nelle pozzanghere!
    Buona domenica!

    1. anche la minestra, mi nonna faceva anche la zuppa ora che mi ci fai pensare…. ma bisogna che mi metta d'impegno e torni a cercare ortiche per campi e per valli!!!
      bacissimi Loriana!

  6. Ottimi i maltagliati Sadrì… così anche i frettolosi capiranno quanto è rilassante e appagante farsi la pasta in casa… In bocca al lupo per il contest di Roberta, un bascio!!

  7. tu cara mia ha la capacità di incuneare il seme della follia, il mò ce provo pure io, ma mica mi verranno così buoni, maltagliati quelli sì perchè fossero stati ben tagliati non mi ci provavo proprio

    1. ora non fare la modesta, tu mani di fata, patchworkista d'eccezione, dottora di professione e nel tempo libero la mia passerotta preferita…. ma come mi piacerebbe mangiare un bel piatto di maltagliati insieme… tranqui, li faccio io!
      baci

  8. Sandra, sei stata la primissima, non me lo dimenticherò mai!!!!
    Torno or ora da un matrimonio, travolta, dò una sbirciatina en passant al blog e guarda tu che sorpresa meravigliosa che mi hai fatto trovare! Ma poi la telepatia, non ci posso proprio credere! E ti immagino camminare sotto la pioggia per i campi bella strega mia, in cerca di ortiche e erbe magiche!!!
    Mamma mia, ma ti conoscerò prima o poi, vero????
    Grazie, mi hai fatto un regalo bellissimo!
    Ti abbraccio, buona domenica! 🙂

    1. ho fatto un infuso con le erbe magiche raccolte (tarassaco) che mi farà correre al bagno ogni 3×2!!! grazie a te per l'ospitalità tesoro!!!!!
      baci

  9. ….quasi quasi ti rubo l'idea e li faccio con l'ortica: ne sono piena, la tengo perché so che è uno dei posti preferiti dove depositare le uova per le farfalle…da piccola avevo deciso di fare gli gnocchi con l'ortica…passai una mattina per campi (come te), tornai strapunta, ma felice!! (e feci gli gnocchi!!) Notte cri

    1. le farfalle depositano fra le ortiche? che bello!!!! su, fai gli gnocchi o i maltagliati, veloce veloce e via ancora per campi e per valli!!!
      baci! :O)

  10. Sandra anch'io mi sveglio con le idee di…. mio marito li chiama "i pallini" che tiro fuori dal cilindro.. naturalmente quando sono alla ricerca di quel tal ingrediente sparisce dalla circolazione;D ma la bravura è proprio saper ovviare e trovare soluzioni nuove… come hai fatto tu! sai che ti dico? che mi piacciono da morire se non di più rispetto alle ortiche questi maltagliati!! complimenti:**

    1. sapessi quanti "pallini" mi vengono a me!!!!! meno male che ogni tanto qualcuno lo perdo per strada! questi maltagliati sono veramente da provare, non lo dico solo io, lo hanno detto anche i miei amici che se li sono allegramente spappolati per cena!!!
      baci Simona!!!

  11. Bellissimo risultato, troppo carino il panetto con la texture alle bietole, i puntini verdi che riposano assieme al tutto..
    E poi ti sei fatta una bella passeggiata!
    Pure qui le ortiche sono meno presenti che in passato.
    Buona Domenica cara Sandra,
    Dany

    1. Dany!!!! o quanto era che non ci si prendeva!!! opra vengo subito a vedere un po' di foto bellissime…. niente ortiche, che peccato!
      baci grossi

    1. La mattonellona l'ha fatta il 1/2 pompelmo… incisa a mano e smaltata quando ancora lavorava alle ceramiche Brunelleschi,… ora tutto chiuso, fallito come mezza Italia del resto…. sigh! ma mica per caso abbiamo messo su Panissimo insieme, abbiamo un cordone ombellicale che ci unisce!!!!
      baci topina!

  12. ma lo sai che io ho una voglia di maltagliare pazzesca in questo periodo…ma poi rimango indecisa…io non sono una gran donna come te che sfida le intemperie quando le viene un'idea in testa…e appropposito di chiodi fissi ..non è che ti viene quello delle mandorle? baciotto

    1. mi è già venuta l'idea con le mandorle, non ti preoccupare!!!!
      ma a te non ti viene l'idea con il lievito madre per noi?
      ti dice niente Panissimo? no? …. etutenevaiingiroperilmondoconilcamper!!!!!
      guarda, guarda sotto che c'è il banner…
      un bacio grosso e un abbraccio stretto stretto

  13. Concordo: fare la pasta in casa è facile e divertente… e anche molto rilassante.
    Buonissimi questi maltagliati… appena se ne va quel metro e un tot di neve stazionante nel mio prato, vado a cercare le ortiche 😉 Buon fine settimana!

  14. hahaha…anche io ieri mi sono alzata con l'idea dei maltagliati….diversi dai tuoi ma sempre maltagliati! 🙂
    Quanto mi ingolosisce il tuo piattino!!!
    un bacio cara!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.