Marmellata di mele cotogne

 

Marmellata di mele cotogne

marmellata-di-mele-cotogne-mele

Stereophonics – Maybe Tomorrow

 

potrebbe essere domani, o forse no
potrebbe essere stato ieri, o forse no
potrebbe essere un’alba, o forse no
potrebbe essere l’altra faccia della luna, o forse no
potrebbe essere l’orizzonte delle cose, o forse no
potrebbe essere la fine, o forse no
potrebbe essere
qualsiasi cosa io voglia, basta solo crederci
e i sogni si possono avverare,
potrebbe essere …. sarà

 

 

Marmellata di mele cotogne

(la marmellata LINA)

mi hanno regalato delle mele cotogne, tante per essere sincera.

marmellata-di-mele-cotogne-marmellata-cucchiaino-primo-piano-mela

e io ho pensato: sai che belle da fotografare? ma poi, una volta fotografate mica le posso buttare via…. e allora ho pensato alla marmellata. e mentre ci pensavo vedo una foto su Facebook, bellissima foto, di mele cotogne e marmellata, appunto.
e di chi era la foto? di quella meravigliosa creatura che si chiama Mary, di quelle stupenda creatura, di quella meraviglia della natura, di questa amica di blogger.
ecco, mi sono detta, è un segno del destino, una scorciatoia, una richiesta: marmellata sarà!

e poi ecco lei, la mia Amanda, che mentre chiaccheriamo amabilmente e ci scambiamo il buongiorno via chat mi dice che la marmellata di mele cotogne era la preferita della sua mamma, della Lina, e allora…… allora questa è la MARMELLATA LINA in onore di tutte le mamme del mondo, per quelle che non ci sono più, come la mia e quella della mia Amanda…..
perchè la mamma è davvero sempre la mamma, fatevelo dire da chi non puo’ più chiamare “mamma”, da chi puo’ solo pensarlo che “ora chiamo la mamma”.

per tutte le mamme del mondo una marmellata dolcissima e sofficissima come fossero ricordi di baci, carezze e occhiate da mamma….

 

 

marmellata-di-mele-cotogne-pezzi-mele

 

Print Recipe
Marmellata di mele cotogne
Tempo di preparazione 1 ora
Tempo di cottura 30 minuti
Porzioni
Ingredienti
Tempo di preparazione 1 ora
Tempo di cottura 30 minuti
Porzioni
Ingredienti
Istruzioni
  1. Lavate bene le mele cotogne e poi sbucciatele: con pazienza. Togliete la parte interna dei semi e fatele a pezzetti più o meno piccoli. Una volta che tutte le mele saranno a pezzetti cospargetele con il succo del limone e lo zucchero di canna.
  2. In una pentola dal fondo spesso adagiate tutte le mele, lo zucchero e il limone, aggiungete la punta di vaniglia e i due semi di cardamomo interi e fate bollire insieme ai 200 ml di acqua. La mela deve bollire dolcemente, non fatela andare troppo veloce. Appena diventa trasparente, ci vorranno circa una trentina di minuti, mettete tutto nel frullatore e frullate aggiungendo acqua a temperatura ambiente se necessario (io ne ho aggiunta più o meno altri 200 ml) in modo da ottenere una marmellata morbida e soffice.
  3. Travasate la marmellata nei barattolini che avrete lavato e sterilizzato passandoci un po' di liquore (tipo grappa), riempieteli fino all'inizio del collo (non fateli troppo pieni) e avvitate il tappo. Mettete i vasetti a testa in giù in modo che si formi il sottovuoto e lasciateli rovesciati fino al giorno dopo.
Recipe Notes
  • Frullate bene in modo da incorporare aria e formare una soffice e liscia marmellata.
  • Ricordate di scrivere le etichette: adesso ve lo ricordate che marmellata c'è dentro, fra qualche mese sarà un'incognita.
  • Usate vasetti piccoli, non più grandi di 450 ml, perchè potrebbero essere dei bellissimi pensieri da regalare agli amici per Natale!

 

due notizie sul melo cotogno:

Il cotogno (Cydonia oblonga) è uno dei più antichi alberi da frutto di cui si ha notizia di coltivazione, lo coltivavano con piacere i babilonesi già dal 2000 a.c.
Questo antico frutto è una fonte di sostanze nutrienti per il nostro organismo:
100 grammi di frutto hanno 57 calorie, grassi 0.1 g., acidi grassi praticamente quasi zero, colesterolo 0 mg MA i soliti 100 g. di frutto hanno 4 mg di sodio, 197 mg di potassio, 15 g di carboidrati, 1.9 g. di fibra alimentari, 0.4 g. di proteine e poi vitamina A-C-B12, magnesio e calcio e pure il ferro!

UNA MERAVIGLIA questo piccolo e antico  frutto che non è molto dolce da crudo ma in cottura sprigiona un profumo di miele meraviglioso e dato che è ricco di pectina si addensa facilmente senza nessun aiuto e si conserva molto bene.

 

 

 

marmellata-di-mele-cotogne-marmellata

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

12 commenti

  1. Credo che questa sia proprio una marmellata per le mamme, anche la mia l’adora e la fa ogni anno.
    Buona giornata Sandra, hai proprio ragione: quel che potrebbe essere… sarà :-*

  2. Quando ho visto la ricetta ho pensato a Mary… e infatti eccola, c’è lei tra le righe e la morbidezza di questo post! Amo le cotogne per la loro forma, per tutte le curve accentuate che hanno, per come sanno essere “diverse”, per come mostrano la loro personalità senza nascondersi, ben consce del loro profumo e della loro bontà… sono maestre valide, no? I sogni sono nei vasetti, come la confettura… e quest’anno ne faremo produzione abbondante…

  3. Se hai letto il mio post, sai che valore affettivo ha per me la confettura di mele cotogne. Mi commuovo… davvero, e non esagero. Sai che domenica l’ho preparata anche io? Per me è una coccola, infilare il cucchiaino nel vasetto e lasciarla sciogliere piano sotto al palato è un viaggio. Mi piace moltissimo il modo in cui hai aromatizzato la tua 🙂 Ti ringrazio per le parole bellissime che mi hai dedicato… un abbraccio caldo e avvolgente che oggi mi serviva proprio <3

    1. Ho visto la foto su fb, ho cercato la ricetta per andare sul sicuro e ho letto il post….. era lei, per tutto: i ricordi, i sentimenti, la dolcezza ….. le coincidenze per me non esistono, esistono congiunzioni astrali che sembrano strane e contorte ma c’è sempre un motivo, anche se a noi in quel momento non ci pare, c’è sempre un motivo dietro! e questa marmellata ci ha regalato ricordi in comune!

  4. E così mi fai piangere però … Belle le foto delle tue cotogne, difficili da sbucciare ma molto buone, fatte in marmellata. Io adoro anche le tavolette di mele cotogne, da mangiare a tocchetti. Amore mio, ti abbraccio stretta stretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Marmellata di mele cotogne

Print Friendly, PDF & Email
Print Recipe
Marmellata di mele cotogne
Tempo di preparazione 1 ora
Tempo di cottura 30 minuti
Porzioni
Ingredienti
Tempo di preparazione 1 ora
Tempo di cottura 30 minuti
Porzioni
Ingredienti
Istruzioni
  1. Lavate bene le mele cotogne e poi sbucciatele: con pazienza. Togliete la parte interna dei semi e fatele a pezzetti più o meno piccoli. Una volta che tutte le mele saranno a pezzetti cospargetele con il succo del limone e lo zucchero di canna.
  2. In una pentola dal fondo spesso adagiate tutte le mele, lo zucchero e il limone, aggiungete la punta di vaniglia e i due semi di cardamomo interi e fate bollire insieme ai 200 ml di acqua. La mela deve bollire dolcemente, non fatela andare troppo veloce. Appena diventa trasparente, ci vorranno circa una trentina di minuti, mettete tutto nel frullatore e frullate aggiungendo acqua a temperatura ambiente se necessario (io ne ho aggiunta più o meno altri 200 ml) in modo da ottenere una marmellata morbida e soffice.
  3. Travasate la marmellata nei barattolini che avrete lavato e sterilizzato passandoci un po' di liquore (tipo grappa), riempieteli fino all'inizio del collo (non fateli troppo pieni) e avvitate il tappo. Mettete i vasetti a testa in giù in modo che si formi il sottovuoto e lasciateli rovesciati fino al giorno dopo.
Recipe Notes
  • Frullate bene in modo da incorporare aria e formare una soffice e liscia marmellata.
  • Ricordate di scrivere le etichette: adesso ve lo ricordate che marmellata c'è dentro, fra qualche mese sarà un'incognita.
  • Usate vasetti piccoli, non più grandi di 450 ml, perchè potrebbero essere dei bellissimi pensieri da regalare agli amici per Natale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.