ossobuco di manzo ai porri su crema di riso e gelatina di dolcetto

assolutamente consigliato l’ascolto mentre si cucina

Sul filo del rasoio, oggi è il penultimo giorno per partecipare al contest di Arricciaspiccia e l’Azienda agricola Mariangela Prunotto.

pensavo di aver finito con le ricette ma invece ieri me ne è scappata fuori un’altra, così, è arrivata da sola senza preavviso e mi ha bussato: toc toc, posso entrare? e io che sono una personcina educata l’ho fatta accomodare nel mio cervello e insieme abbiamo elaborato….

avevo in casa dei pistilli di zafferano, con il rosso della gelatina di dolcetto mi sembravano un bell’abbinamento….

così mi sono buttata nella preparazione…..

ingredienti

per gli ossibuchi ai porri
pistilli di zafferano
2 ossibuchi di manzo
1 grosso porro
olio extra vergine di oliva 
sale e pepe


per la crema di riso 
70 gr. di riso cotto in acqua o in brodo
pistilli di zafferano
sale e pepe
olio extra vergine di oliva
qualche fettina di porro 
pulite il porro, il mio era enorme, e non buttate via la parte verde ma usatela tutta. un filo d’olio nella pentola a pressione e mettete i porri leggermente gocciolanti di acqua. cuocete per 4 minuti dal primo fischio. togliete i porri dalla pentola e arrosolate gli ossi buchi infarinati. bagnate con mezzo bicchiere di vino rosso (di quello buono) e fate sfumare: l’ossobuco tende a raggranzirsi, incidete all’esterno in modo che si distenda un po.
sale e pepe e aggiungete di nuovo i porri, chiudete la pentola a pressione e cuocere per 20 minuti dal primo fischio.

stufate il riso con qualche rotellina di porro e cuocete per 30 minuti in brodo di carne, se lo avete, o in acqua salata. il riso deve essere scotto per essere frullato con il mixer. a fine cottura aggiungete i pistilli di zafferano sciolti in un goccio di acqua. fate in modo che il riso sia quasi asciutto a fine cottura. frullate tutto e disponete la crema ottenuta sotto gli ossibuchi e i porri. sciogliete la quantità necessaria di gelatina di dolcetto  con il calore delle mani o semplicemente tenendola al caldo vicino ai fornelli. guarnite con goccie di gelatina e godetevi il risultato….

e questa è la ricetta raccontanta …..

buon appetito a tutti!

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

30 commenti

  1. Ciao Sandra, gli ingredienti di questo piatto non sono tra i miei preferiti ma scrivi talmente bene che potrei anche assaggiarlo! Mi prenoto per una cena!
    Un abbraccio!

  2. Ma tu raccogli i crochi nel bosco e pensi a queste ricette? Credo che tu sia ispirata, ecco , la parola è questa :
    ISPIRATA. ..e io m'inchino.. ♥

    1. io e la Holly facciamo passeggiate nel bosco e troviamo sempre qualcosa da portare a casa, fiori, rami secchi, foglie colorate…baci!

  3. Cara Sandra, adoro quando le ricette vengono così, spontanee e leggere, a bussare alla mia porta…..sono le migliori, e questa ne è la prova! Un connubio riuscitissimo di gusti, consistenze, sfumature e colori!
    Un bacio genio!

  4. …oddio Sandra ma questi ossobuchi sono la quintessenza della bontà e del sapore! Mi inviti??? Li voglio assaggiare!!! Porri, crema di riso…il top!
    Ti abbraccio…che belle le parole che usi sempre!

  5. Che abbinamento particolare… e gustosissimo. Amo molto la carne tenera e accompagnata da purea. Mi segno la ricetta!

  6. Ahh, non mi puoi fare vedere questo, dopo che ho mangiato solo un'insalatuccia scondita!!! Brava, mi sembra buonissimo!!!
    PS è uno dei pezzi che mi piacciono di più dei DCD!!!

  7. che voglia che mi fai venire!!!!! gli ossobuchi li adoro, i miei maschietti di casa purtroppo un po' meno quindi mi tuffo sui tuoi;-)

  8. Tu sei unica.. che piatto spettacolare! Sai, io non amo la carne, ma se c'è una cosa a cui non posso resistere è il midollo. Mi fa impazzire.. e come hai cucinato tu questi ossi buchi è qualcosa di unico!! Cremosità, corposità, sapore.. beh, complimenti amica mia!! TVB!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.