Al 588

 

 

 

 

Al 588 è Giulia, è Andrea, è Giacomo e Lorenzo,
è il nostro orto, è l’olio dei nostri olivi,
è il profumo del pane fatto in casa, è la passione,
è la ricerca di fusioni fra sapori antichi e qualche trasgressione
…. Al 588….. In fondo ci somiglia

 

questo si legge nella prima pagina del menù del Ristorante

Al 588

di Borgo  Vecelli in quel di Bagno a Ripoli.

ambiente raffinato, musica che aleggia per la “sala da pranzo” all’aperto, panorama mozzafiato, cucina sapiente e precisa di Andrea, il giovane “folle” chef, perchè ogni chef è folle a modo suo, lui lo è con gli oli per esempio, con la sua collezione di oltre 70 oli extra vergine da abbinare a ogni piatto.

Continue Reading

AMARE: INFINITO presente del verbo. Triangolini di pane con farina integrale di semola di grano duro Monte Sante Marie con semi di papavero

 

Triangolini di farina integrale di semola di grano duro Monte Sante Marie con semi di papavero

 

 

FUTURIBILE

Kurt Cobain, Across the universe

“..Amore senza limite e senza fine che splende
Attorno a me come un milione di soli
Continua a chiamarmi per l’universo
Jai guru deva om”
Jonn Lennon

 

 

E dei sentimenti non e’ cosi’ facile liberarsi come delle idee: queste vanno e vengono, ma i sentimenti rimangono.
Alberto Moravia

Ho passato mesi avvolta nella nebbia dei sentimenti: quelli perduti, quelli nuovi, quelli ritrovati.
alla fine ho accettato che i sentimenti, come dice  Moravia, rimangono.
non puoi smettere di voler bene ad una persona, forse modifichi quel modo di voler bene, ma non puoi smettere.
come non puoi scegliere a chi voler bene.

perchè le persone te le trovi sulla strada della vita, che siano figli, genitori, amori, amici.
e sta a te collocarli nel giusto posto “dentro alla tua vita”, scegliere a che categoria di amore appartengono.
ma una cosa la devi sempre tenere bene a mente: non puoi smettere di voler bene.
per quanto quella persona ti possa deludere, per quanto quella persona ti possa fare male (nei limiti del lecito), per quanto quella persona ti faccia incazzare, comunque…. impossibile smettere di volergli bene.
perchè se “ami” una persona la ami per quello che è e non per quello che vorresti che fosse. se ami una persona la ami con tutti i suoi difetti, anche se sono grandi, e non ti importa quanto male possa averti fatto, la ami e basta.

puoi prendere le distanze, si, questo lo puoi fare, puoi allontanarti ma non puoi non amare più.
bisognerebbe solo ricordarsi che comunque l’amore è quel sentimento che ci tiene vivi, che ci mantiene curiosi, che ci fa scoprire, che ci fa andare avanti, sempre e comunque, non la rabbia, non la vendetta, non la cattiveria….
non abbiamo ancora capito che siamo tutti connessi, non con il web  ma siamo tutti connessi su questo pianeta vivente e quello che ci tiene insieme è l’amore e non la guerra.
chissà quando riusciremo a capirlo, forse prima che il sole si spenga…. speriamo.

HO ACCESO IL FORNO……..

Panini semolato e semi DSC_6767

Triangolini di pane con farina integrale di semola di grano duro Monte Sante Marie con semi di papavero

Continue Reading

Siamo tutti migranti

 

Venerdì scorso ho avuto il piacere e l’0nore di poter vedere e toccare con mano una delle realtà più belle e realmente utili fra le comunità di accoglienza dei rifugiati della Toscana, il Villaggio La Brocchi a Borgo San Lorenzo, tramite un invito di  UNHCR Italia , l’ Agenzia ONU per i rifugiati in Italia.

Ho conosciuto persone, ho sentito storie, ho “letto” un libro della Biblioteca vivente, il libro della vita di Omar Osman Adan, somalo, che nel  1977 iniziò un cammino di settimane sotto il sole, attraversò una fetta di Africa per scappare da una guerra civile.  Omar una volta arrivato a Mogadiscio, riesce a laurearsi e poi di nuovo è costretto a migrare  perchè i 50 $ mensili non bastano a vivere e nemmeno a sopravvivere. Omar lascia quindi Mogadiscio  nel 1991 per sbarcare  in Italia e qua inizia la sua altra odissea, quella nel mondo “civilizzato”.

Nel 1992 il governo italiano decide di espellere tutti i somali: Omar si ritrova con un foglio di via per lui e per sua moglie incinta.

Senza passaporto, senza cittadinanza inizia la sua vita da apolide, da cittadino del mondo, senza casa, senza identità, fino a che arriva al Villaggio Brocchi dove riesce ad integrarsi  nella comunità (adesso siede negli scranni del Consiglio Comunale di Borgo San Lorenzo in secondo mandato).  E’ cittadino italiano, si sente un borghigiano, come dice lui, parla perfettamente l’italiano con un vago accento toscano.

Omar ci ha raccontato la sua storia mentre sedevamo in circolo, nel giardino del villaggio, con una serenità, una pacatezza che commuovevano.  Raccontare la sua storia come fosse naturale, senza quasi farci sentire le sofferenze, i torti, i dolori patiti. come fosse una cosa “normale”.

Pensate: dover lasciare la propria terra, gli affetti, la casa. Partire per una meta sconosciuta per non morire di “guerra”,  scappare e sperare di non morire di stenti o di morte violenta durante il viaggio, partire per una speranza,  quella di poter vivere e di non dover morire.

Noi, esseri civilizzati e istruiti, noi che abbiamo avuto la fortuna di nascere nell’emisfero giusto del mondo, noi che ci lamentiamo per emerite sciocchezze, noi che non ci rendiamo conto di quello che abbiamo. Noi che ci permettiamo di dire “ributtiamoli a mare”, noi che non ci fermiamo nemmeno a pensare alla fatica di questi poveri esseri umani che sono di carne e anima come noi, che soffrono e sperano come noi. Noi ci dovremmo solo vergonagnare della nostra avidità, della nostra cattiveria, della nostra mancata empatia con i nostri simili.

Già, ma noi sappiamo solo lamentarci se l’hotel in cui andiamo in ferie non serviva buoni dolci la mattina a colazione, sappiamo lamentarci se facciamo le code per arrivare nella meta delle nostre vacanze, noi che non ci guardiamo mai attorno per non dover  vedere la sofferenza altrui, siamo troppo presi dai nostri piccoli inutili stupidi problemi per fermarci a sentire.

Per fortuna  non siamo tutti così, ci sono anche persone che amano quello che fanno, che amano aiutare chi ha bisogno, di qualsiasi razza, colore, paese esso sia, ci sono persone che accolgono.

SIAMO TUTTI MIGRANTI, non ce lo dimentichiamo mai, la razza umana ha colonizzato il pianeta terra, ha migrato dalla notte dei tempi, dall’Africa, per arrivare sulle rive di ogni nazione, per abitare in tutto il pianeta, SIAMO TUTTI MIGRANTI.

Ringrazio UNHCR Italia che mi ha dato l’opportunità di vedere con i miei occhi la realtà del Villaggio La Brocchi, vi invito a visitarlo e a cenare al  Ristorante  Ethnos dove conoscerete la cucina di  Sara Unatu Tagi, la chef etiope che vi accoglierà con i suoi piatti, ringrazio soprattutto per il lavoro che UNHCR svolge per noi con i rifugiati, per il sostegno fisico e morale che riesce a dare ai migranti.

Un grazie a Festina Lente per aver organizzato il Refugee Food Festival che si è svolto nel mese di Giugno a Firenze con varie tappe nei ristoranti e si è concluso al Villaggio La Brocchi con la cena di gala finale con lo chef   Marco Stabile   che con gli chef Zakari Abasse e Slay Baki, arrivati dal Togo all’Italia attraversando una bella fetta di Africa, si erano conosciuti per caso su una spiaggia in Libia, si sono ritrovati in Toscana e sono uniti dalla passione per la cucina ma anche da quella per la fotografia, e con la chef Sara Unatu Tagi del ristorante Ethnos.

Sono contenta di aver potuto partecipare come blogger perchè ogni tanto è bello poter parlare anche di qualcosa di diverso dal solo food, anche se un vecchio proverbio dice che a tavola non si invecchia mai….

la parola d’ordine? accoglienza ma soprattutto INTEGRAZIONE, facciamo in modo che le nostre istituzioni non restino sorde ai problemi del mondo, aiutiamo tutti i migranti, perchè i migranti siamo noi.

 

guarda la galleria delle foto

gli chef al completo
accoglienza
giocare è un diritto
il libro di Omar
villaggio la brocchi
la biblioteca vivente
Slay Baki
Sara Unatu Tagi
Zakari Abasse e Marco Stabile
Continue Reading