Il pesce …….. finto

Questa ricetta è nata  quando il  “mio bambino” era davvero un bambino di pochi anni e, dato che spesso si ammalava, rimanevamo io e lui in casa per interi giorni in convivenza forzata. E’ duro tenere un bambino in casa, devi inventarti qualcosa per passare il tempo. Dato che a lui piaceva mangiare bene e io mi divertivo a cucinare spesso pasticciavamo insieme.
Mi ricordo un giorno di Novembre, uno di quei giorni di Novembre buio piovoso e umido, io e lui chiusi in casa per mal di gola e presi dalla noia.  “Che cosa ci mangiamo stasera con il Babbo piccolo mostro?” e lui secco “Pecce” che tradotto significava  appunto pesce….. Niente pesce nel frigo e nemmeno nel congelatore, allora mi dovevo inventare qualcosa.  Rovistando nel frigo trovo l’avanzo del bollito misto della sera prima. Un bel pezzo di magro e un po’ di petto di pollo….  ed ecco il pesce finto!!!

Mi vedo ancora il sorriso sdentato del mio cucciolotto  e i suoi occhi nocciola che scintillavano di contentezza!
Da allora è rimasto un piatto tipico, a volte faccio in modo che il bollito avanzi per fare il pesce finto!
Poi potete sbizzarrirvi con la fantasia e aggiungere altri ingredienti, che ne so, patate lesse per esempio o altre verdure anche sott’olio.
Basta davvero poco per far sorridere qualcuno….
Ma veniamo a noi, vi occorre:

  • l’avanzo del bollito misto
  • olive verdi e nere denocciolate
  • 1 cucchiaio di capperi sotto aceto 
  • qualche pomodorino secco ott’olio
  • maionese q.b.

 Togliete il grasso al bollito avanzato e tagliatelo a cubettini, disossate eventuali parti di pollo, aggiungete le olive denocciolate, i capperi e i pomodorini sott’olio e tritate tutto con la mezzaluna. Quando il tutto è ben omogeneo aggiungete la maionese a piacere e impastate con una forchetta dentro una bella insalatiera. A questo punto non vi rimane che assaggiare se è giusto di sale e, se volete, aggiungere qualche goccia di aceto rosso. Mettete l’impasto in un vassoio e sbizzarritevi a dargli la forma che volete: può essere un pesce o semplicemente uno zuccotto o qualsiasi altra cosa. Guarnitelo un po’ e buon appetito!
Ho iscritto la ricetta al contest di fashion flavors ricicliamo il natale


Continue Reading

Crema di carote e patate

La crema di carote è la punta di diamante della mia cucina……..
Ci sta prendendo in giro? Si, vi sto prendendo in giro… la crema di carote è la “minestrina” del giorno dopo l’abbuffata. E’ una crema deliziosa e leggera, poco impegnativa e appetitosa…. volete di più?

Prendete 4 o 5 carote, pelatele, tagliatele a fettine o a tocchetti piccoli e mettetele in acqua fredda. Lo stesso fate con le patate, io ne metto 3 o 4 piuttosto grossine perché mi piace che la crema sia “cremosa”.
Adesso fate un soffritto con una bella cipolla e meglio ancora, con un porro se lo avete. Appena soffritto aggiungete le patate e le carote scolate e fatele saltare con un po’ di sale e un ciuffo di basilico. 5 minuti e poi coprite tutto con acqua. Chiudete la pentola e lasciate bollire per una ventina di minuti. 
Assaggiate il sale e la cottura della carota. appena cotta spegnete il fuoco e passate al mixer.
Mi piace preparare dei dadini di pane arrostito per mettere a galleggiare sopra la minestra…… il solito, olio extra, pepe nero e rosa macinato e…. buon appetito!

 Se volete potete mettere anche la pasta, dovete ricordarvi di allungare un po’ la crema prima di cuocerla….

 Buon appetito ciottolini!

Continue Reading

Mille-voglie di pan di spagna e crema ganache

Quando mi impunto su una ricetta sono terribile, lo riconosco da sola…. ora, per esempio mi sono incaponita sul pan di Spagna senza uova e lo infilo da tutte le parti…. oddio, non è poi così terribile, dicono in casa mia!
Questi sono dei mini mille-Voglie , considerate che una tortina come questa basta almeno per 3 porzioni, con pan di Spagna senza uova e con la crema pasticcera con le uova e con la ganache di cioccolato con tanta panna e tanto cacao.…. una bomba in poche parole e li ho fatti appositamente per il pranzo di Natale.

Ma al buono non c’è mai limite…. e allora… avanti tutta!

La ricetta del pan di Spagna è  la trovate qui , la crema e in questa ricetta della Torta della Nonna , la crema ganache è qua – gentilemente offerta – , non ci resta che assemblare il tutto  con pazienza. La prossima volta farò le porzioni singole, più piccole rispetto a queste, perché il dolce è bello pesante alla fine di un pranzo impegnativo come quello di Natale!

Che dire, noi ce lo siamo mangiati verso le 15.00 del pomeriggio con calma  e abbiamo sorseggiato insieme un bellissimo Demì-sec rosè Franciacorta … l’ennesimo peccato di   gola, non avrei dubbi, io nell’Inferno di Dante sarei nel girone dei golosi!

Con questa bomba calorica partecipo al contest di  Molino Chiavazza – 1° blog compleanno

Continue Reading