ancora cestini …….

Per non pensare troppo mi sono messa a smanettare come sempre, ho fatto anche delle prove per gli orecchini della 14enne e regolarmente me li ha smontati quasi tutti: uno è troppo verde, uno è troppo rosa e uno è troppo arzigogolato….. i cestini gli piacciono. Stò pensando di prepararne un po’ per fare i regali di Natale rienpiendoli di cioccolatini o di biscottini fatti da noi …… stiamo un po’  a vedere che succede …
Intanto mi diverto e recupero tutte le magliette rotte di casa….. Questo è il link per capire come fare a fare il filo:

e questo è per fare il “filato” con le buste di plastica

vale la pena guardare….. bisogna essere curiosi….ricordatevelo sempre.
Adesso per esempio, il figlio scapestrato grande, il quasi 18enne con i pantaloni rigorosamente scesi sotto il c..lo, i capelli sgangherati, la barbetta accennata, il pierging sul sopracciclio e la fissa per la dieta, ha cominciato a bere latte. Allora io compro i cartolini del latte da 1lt e 1/2: mi dispiace buttarli via, tutto quel tetrapack.
Ho scoperto che sono ottimi contenitori da frigo per le minestra o per le cose liquide visto che hanno un bel tappo a chiusura ermetica o, che sono ottimi per congelare ……Qualcosa mi farò venire in mente e poi ve lo faccio vedere……
Ogni tanto ricordatevi il mantra:

mi dispiace, perdonami, ti amo, grazie 
mi dispiace, perdonami, ti amo, grazie 
mi dispiace, perdonami, ti amo, grazie 
mi dispiace, perdonami, ti amo, grazie 
mi dispiace, perdonami, ti amo, grazie
Ho’ponopono

Continue Reading

Adesso bisogna combattere

Alla mia amica Angela

Adesso bisogna combattere topino, bisogna combattere.
Hai sempre pensato a tutti, hai sempre fatto tutto per tutti: prima il babbo alcolista tanto e tanto amato e poi la mamma con il cuore sofferente, e il fratello morto troppo giovane e l’altro fratello che ti fa penare assai. I soldi che non bastano mai, e mai a pensare a te….. adesso il tuo corpo ti reclama…. purtroppo.
Adesso devi pensare per te, sei obbligata a farlo…. Ma non è la fine, è l’inizio di un’altra storia….. Ci sarà da soffrire ma tu lo sai fare in silenzio e sai tirare fuori la testa dalla melma in cui la vita dispettosa ti ributta sempre…. anche questa volta vincerai, sei troppo forte per arrenderti a uno stronzo di tumore.
No, come sempre vincerai perchè non puoi fare altrimenti, abbiamo bisogno di te e siamo tutte qui per te….
Con il cuore ……….

Continue Reading

“Il giardino incantato” piante grasse

Buongiorno a tutti, topoloni d’Italia e non!!!
Vi avevo già accennato alla nostra passione per le piante grasse?
Beh, sta’ diventando un impegno grosso ma di soddisfazione…….
Adesso stiamo cominciando a mettere le piante a riposo per l’inverno, nella “pagoda” come la chiamo io, la serra mobile in policarbonato e legno che sembra proprio una pagoda giapponese per la forma.
Vi metto qualche foto delle nostre “ragazze”

le ragazze

le ragazze con Pimpo

Le ragazze, non essendo il nostro un clima ideale per loro, hanno bisogno di cure e attenzioni appropriate. Per l’inverno abbiamo quindi costruito la famosa pagoda di policarbonato riscaldata con una stufetta e cerchiamo di non far mai scendere la temperatura sotto i 5°. In inverno innaffiature mensili e molto misurate, in estate oltre alle piogge si annaffiano anche 2/3 volte la settimana a seconda del caldo…..
Quando sono fiorite sono uno spettacolo…..affascinanti…..

mi stupisco sempre dei fiori che riescono a fare delle piantine così piccine, come le cose belle durano solo una notte e poi sfioriscono

E’ fiorita!!!!

 

Pimpo, il dominatore delle piante grasse!

agave ferox

 Di questa agave ce ne sono due esemplari al porto di Civitavecchia: credo che siano circa 2 mtr. di altezza

angolo di spine

il pakipodium lamerei
il reparto fichi d’India comuni

 

 Tutti gli anni il paky ci da un sacco di soddisfazioni: quando lo abbiamo comprato era una piantina di 20 cm appena, adesso è un po’ cresciuto

la mia preferita: Agave Abrupta

 

 Se avete domande, consigli da dare o da chiedere contattatemi, mi farebbe piacere.

Buona vita a tutti!
Continue Reading