Panissimo #20, agosto 2014, siamo a casa mia!

pane di farine antiche tagliato – in basso la ricetta –

ok, è estate.
si, lo so che in ITALIA di solito d’estate c’è il sole,  fa un caldo terribile, si va al mare
e invece questa estate è strana, non fa particolarmente caldo, piove di continuo.
ma nelle cose negative bisogna pur trovare i lati positivi… per esempio, non c’è bisogno dell’aria condizionata, non fa poi così caldo, la notte di dorme benissimo anche con le finestre chiuse, si puo’ accendere il forno….. SIIIIIIIIIII, si puo’ accendere il forno!!!!!!
e per festeggiare  Panissimo ventesima raccolta per agosto ho preparato questo pane tagliato con farine antiche.
questo mese siamo da ME , inserite le vostre ricette nella griglia sottoe andate anche a curiosare dalla Barbara,    e siamo anche su Facebook, tema di questo mese le baguettes

la chiusura della #19 raccolta la trovate dalla 
La Greg 
Colgo l’occasione per ringraziare di cuore la Silvia,
è stata un’ospite perfetta, ci siamo sentite a casa 
sul suo blog!
comunque, fra il serio e il faceto per il mese di
Luglio siamo comunque a 80 ricette pervenute!!!
le regole da seguire
QUA  
per favore, lasciate pure i vostri commenti con i link a questo post ma non vi dimenticate di inserire la ricetta nella griglia della rana blù!
e ora dovete solo mandarci i vostri capolavori!

pane di farine antiche a lunga lievitazione

300 g. licoli rinfrescato
750 g. farine di grani antichi 
450 g. acqua
impastare la farina con 300 g. di acqua 
in una ciotola e lasciar riposare almeno un’ora
nella ciotola della planetaria 
impastare il lievito con l’acqua rimasta 
usando la foglia a vel. 2
cambiare accessorio e mettere il gancio 
per aggiungere la farina impastata precedentemente
impastare per 15 minuti circa fino ad ottenere
una pasta omogenea e liscia
aggiungete farina o acqua secondo la necessità:
dipende molto dalla qualità della farina l’acqua che 
l’impasto incorporerà
mettete l’impasto sulla spianatoia e 
fate dei giro a tre per almeno 3 volte a distanza di 
30 minuti gli uni dagli altri
lasciar lievitare in frigorifero, coperto,  per 24 ore

togliere l’impasto dal frigo e lasciarlo ambientare un paio di ore
formate il vostro pane e mettetelo in un cestino  infarinato a 
lievitare.
in questo periodo, 
nonostante le temperature non siamo 
propriamente estive, 
basteranno una paio di ore per il raddoppio
ribaltate l’impasto sulla placca del forno per la cottura 
e con le forbici divertitevi a tagliuzzare 
io ho fatto un  giro nella parte bassa
cuocete in forno a 220°C 
con una ciotola d’acqua per inumidire
per i primi 10 minuti 
35 minuti a 180°C
15 minuti con il forno fessurato

appena uscito dal forno aveva un profumo stupendo, sono invece rimasta delusa nell’aprirlo, non mi sembrava molto ben riuscito.
mi sono dovuta ricredere invece: nonostante non abbia grandi alveoli si è rivelato di una sofficità ed elasticità perfetta pur avendo una crosta croccante e decisa.
quando si dice che le farine fanno la differenza!!!

questo pane è per la raccolta n. 20 di Panissimo, ideata da me  e da Barbara, Bread & Companatico

e dalla nostra gemella polacca  Zalach Chleba, che trovate QUA

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

40 commenti

  1. Sabrina, devi inserire direttamente nella griglia a metà post, questo lo metto io non ti preoccupare!
    grazie cara!!!

  2. i tuoi pani sono sempre meravigliosi Sandra, mi dispiace non partecipare a Panissimo ma…sono in crisi da lievitati 😉

    1. ma non ci credo che sei in crisi di lieviti! sei sempre un passo avanti tu!!! un abbraccio Lucia!

  3. Cara Sandra, che bello il tuo pane rustico infiocchettato! Finalmente piano piano la mia vita sta riprendendo il suo ritmo e le mie mani hanno nuovamente voglia di affondare negli impasti 🙂 eccomi per iniziare arrivo da te con i miei panini per hamburger, ma penso ci rivedremo presto!

  4. Nell'ammirare estasiata ilo tuo pane straordinario, ti comunico che ho appena aggiunto il mio pane di segale integrale al finocchietto e speck 🙂
    Adoro questa raccolta, Sandra!
    Un abbraccio e buon fine settimana!
    MG

  5. Ciao Sandra, partecipo con la seconda ricetta: le montanare, cioè le pizze fritte napoletane! http://blog.giallozafferano.it/dolcesalatoconlucia/le-montanare-pizze-o-pizzelle-fritte-napoletane-ricetta-con-lievito-di-birra-una-ricetta-deccellenza-campana/
    Purtroppo niente pane , in questo periodo non ne mangiamo e quindi se ne riparla a settembre…
    Volevo segnalarti che ho problemi con il link per l'inserimento delle ricette con il browser google chrome, mentre con explorer va bene… Ma succede solo a me o anche ad altri?
    Spero di inserire presto un'altra ricetta, ma se ne parlerà dopo Ferragosto.
    A presto, Lucia 🙂

  6. Ciao! Eccomi con una prima ricetta di un dolce a lievitazione naturale senza glutine. Ho già inserito il link.
    Il tuo pane con grani antichi è bellissimo, adoro questo tipo di cereali a basso contenuto di glutine con un gusto e un'aroma così deliziosi!

  7. Ciao Sandra! Adoro i pani fatti in casa, e il tuo è spettacolare. Questa farina di grani antichi deve essere eccezionale… Per il momento non sto acquistando farine e sto provvedendo a smaltire quelle in dispensa, ops in frigo, visto il caldo che fa da me….
    Non credevo di riuscire a postare qualcosa per il mese di Agosto, ed invece eccomi qua! 🙂 Partecipo con la pizza ripiena di scarole alla napoletana http://blog.giallozafferano.it/dolcesalatoconlucia/pizza-ripiena-di-scarole-alla-napoletana-con-lievito-di-birra-e-lunga-lievitazione/
    Intanto ho già preparato un nuovo impasto per partecipare con una seconda ricettina, mi fa molto piacere 🙂
    A presto!

  8. Innanzitutto grazie a te ed a Barbara per avermi dato la possibilità di ospitare Panissimo e di conoscere nuovi panificatori seriali! Sto arrivando con la mia focaccia ritorta…

    E comunque i tuoi pani sono sempre speciali…sanno di cose buone, fatte con tanto ammore!!

  9. Non ci crederai 😉 ma quest'estate è perfetto per fare il pane, è incredibile!!! Sono molto contenta di poter cucinare qualcos'altro che non sia insalata e riso freddo…hahah!!!
    Un abbraccio Isabel

  10. Questo pane e' bello di brutto!! A volte sembra non vengano bene e poi ci sorprendono sempre 🙂 meno male. Tesoro un paio di volte ho rinfrescato, fatto il lievitino e poi ho dovuto buttare tutto perché sto fuori molte ore e alla fine inacidisce! Non sono ancora riuscita a sfornare il mio mio primo pane madeirense ma aspettami che arrivo!! Ti amoro

  11. ahahah…x me non sarebbe un problema nemmeno accendere il forno a 32°C 😛 quindi anche se l'estate decidesse ad arrivare in questo mese, puoi far conto sulla mia presenza ^_^
    A presto cara e buon inizio settimana <3

  12. E il tuo pane è strepitoso come tuo solito. Sembra dipinto invece che cotto…. Brava brava bravissima tesorino mio!
    Spero che tu mi accolga volentieri con Panissimo. Sono contenta che sia tornato a casa.

  13. Sandrina mia! Bello, strabello e anche buono! <3 Ne gradirei un fettino adesso! Speriamo che il sole arrivi per restare.. sono così stufa del freddo e della pioggia.. :(( Un abbraccio pieno di bene

  14. Ciao Sandra, davvero un gran bel pane!!!!!! Bravissima!!!!
    Ti ho lasciato il mio piccolo contributo, le ciabattine!!!! Un abbraccio grande e a presto!!!!!!

  15. Ciao Sandra!!!!

    Che bello scoprire che Panissimo non chiude i battenti nemmeno ad agosto!!
    Fra due settimane forse riuscirò a staccare un attimo dal lavoro e… siccome la voglia di metter le mani in pasta è irrefrenabile, spero di poter portare un mio piccolo contributo a questa meravigliosa raccolta!

    Nel frattempo ammiro il tuo pane ed imparo sempre cose nuove sul mondo delle farine!
    Grazie per aver condiviso questa bontà!

    Un caro abbraccio e a presto! :)))))))))))

    1. siamo stacanoviste io e la Barbara!
      la realtà è che ci dispiaceva chiudere per Agosto, in realtà non ci abbiamo nemmeno pensato…..
      ti aspetto tesoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.