penne all’uovo fatte rigorosamente a mano con zucchine e code di gambero mentre mi si allaga allegramente la cucina

canticchiate allegramente con questo 
“magnifico” signore mentre impastate

ieri avevo mio cuGino e sua moglie a cena, insieme al figlio unenne e alla madre di lui, la mia zia preferita. 
preparo una cena tranquilla e perfetta, senza strafare ma di quelle che non passano inosservate: un’accidente!
sentite qua: 
torno a casa, dopo aver fatto un pochino di spesa quotidiana e mi metto ad impastare. volevo fare il pane azzimo con gli stuzzichini e le salsine varie per apertura e poi una vellutata di fagioli e farro e il piatto portante: penne all’uovo fatte in casa.
si, perchè il mio vicino avente le galline (quelle vere e non le bloggalline) mi ha portato dodici uovetti freschi freschi. 
comincio ad impastare, impasto, canticchio, ascolto un po’ di musica, impasto. 
mi avvicino al lavello per sciacquare le ciotole e mentre abbasso il piede sento uno splash. altro piede, altro splash. abbasso lo sguardo e vedo la piscina sul pavimento. 
AAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHH!!! acqua andante che se ne esce tranquilla da sotto il lavello. non perdo tempo, chiudo il rubinetto dell’acqua e comincio a urlare come una pazza chiamando il 1/2 pompelmo. dovevo parere un po’ indemoniata perchè è arrivato di corsa come non mai. entra in casa con il fiato corto e mi guarda sgranando gli occhi.

c’è il lago di Garda sotto il nostro lavello

lui mi guarda e mi manda a ca….re con la mano e si mette all’opera. morale della favola: alle quattro e mezzo del pomeriggio io sono senza lavello, senza acqua e con gente a cena. 
pensate che mi sia fatta prendere dal panico? no, ho inforcato l’auto e sono andata a comprare il maledetto miscelatore rotto che il mio mitico 1/2 pompelmo ha sostituito nel giro di un paio di orette. 
non è stata esattamente come avevo programmato ma comunque abbiamo cenato!!!

penne giganti rigate all’uovo con zucchine e code di gambero

ingredienti per 8 persone

700 gr. di farina di semola rimacinata
4 uova (per alleggerire un po’)
acqua q.b.
impastate le uova insieme alla farina setacciata e aggiungete acqua se necessità. la ricetta della pasta all’uovo vorrebbe un uovo ogni 100 g. di farina, io ho alleggerito un po’ e usato qualche goccia d’acqua per compensare. 
una volta impastata bene la farina lasciatela riposare sulla spianatoia sotto una ciotola per almeno una ventina di minuti. 
dividetela almeno in tre parti e cominciate a tirare la sfoglia. niente vieta di usare la macchinetta apposita, io ho usato il solito olio di gomito e il mattarello. spolverate bene la spianatoia e la sfoglia per evitare che si attacchi e cominciate a “tirare”. la sfoglia deve risultare sottile e uniforme, preferibilmente. fate delle strisce da cui ricaverete quadretti di 4x4cm o dei rettangolini, dipende da come vi piace di più. tirate fuori l’attrezzo, lui, il rigagnocchi di legno e un mestolo sempre di legno. chiudete ogni quadretto  formando  una penna arrotolando sul manico del mestolo per diagonale e strisciando sul legno rigato  in modo che la pasta si attacchi. distentede le penne su una spianatoia infarinata e lasciatele riposare. 

per condire:

3 zucchine fiorentine 
code di gamberi a piacere
olio extra vergine di oliva 
1 cipolla di tropea fresca
1 spicchio d’aglio fresco
tagliate la cipolla finemente e anche l’aglio. fateli soffriggere a fuoco bassissimo mentre tagliata le zucchine in verticale con la mandolina. una volta soffritto la cipolla aggiungete le fette di zucchina e fate cuocere per cinque minuti. aggiungete le code di gambero sgusciate e aggiustate di sale. quando il gambero ha cambiato colore è cotto e potete spegnere. 
cuocete le penne in abbondante acqua salata per pochi minuti (cuociono velocemente, controllate la cottura) e saltatele insieme al sugo zucchine e gamberi. impiattate e spolverate con pepe macinato sul momento. 

vi suggerisco di andare a vedere il link sotto

cliccate su diritto a coltivare e andate direttaemente alla pagina della petizione

Una nuova legge proposta dalla
Commissione Europea renderebbe illegale
“coltivare, riprodurre o commerciare” i
semi di ortaggi che non sono stati
“analizzati, approvati e accettati” da una
nuova burocrazia europea denominata
“Agenzia delle Varietà Vegetali europee”.

…. andate a firmare la petizione!

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

40 commenti

  1. Sandra, non ce l'ho fatta a leggere il post. lo ammetto, son fatta così, e mi sono persa nelle tue foto e la prospettiva di quella pasta fatta a mano, con cuore e passione, e le fotografie. ciò mi basta per avere un grande languorino e nonostante l'ora aver voglia di qualcosa di genuino, fatto con la passione e con il cuore, per placare la fame fisica che mi attanaglia 🙂
    grazie per la tua visita e il tuo commento, mi fanno onore 🙂
    non ti preoccupare, io ci sono !
    bacioni

    1. grazie Tina ma non avevo mica alternativa sai, che volevo buttar vita tutti quegli impasti meravigliosi? e' peccato, non si puo' buttare il cibo!!! un abbraccio enorme!

  2. Bene, in caso di rubinetti rotti ed assenza di mio marito mi rivolgerò a voi!
    I tuoi garganelli sono ellissimi, ma non ho il rigagnocchi…
    Prova ad aggiungere al condimento un pizzico di zafferano per un piatto più colorato.
    Ciao
    Claudette

  3. Che belli tutti i garganelli in fila!! Ci credi che dopo aver letto la tua disavventura sono andata a controllare se il rubinetto è a posto?? Ahahaha, non si sa mai 😉

    1. DIRITTO A COLTIVARE IL PROPRIO CIBO
      tutta la frase è il link per arrivare alla petizione, io ho firmato e mi sembrava una buona cosa

  4. ma sei bravissima!!! meravigliose!!!
    questa e' stata dunque l'idea per gli ospiti? saranno rimasti strabiliati…
    grandissima sandra. senti ma se ti mando… ci devo pensare… se ti mando… insomma posso barattare qualcosa con quel cosino per fare le righe? 🙂 bellissimo e strabiliante il risultato.
    cuoricino

    1. Silvia, è "diritto a coltivare il proprio cibo", comunque ho evidenziato e ingrandito. grazie. baci. baci grossi.

  5. Noooo…questa cosa mi avrebbe mandato in tilt O_O!!! Beata te che hai avuto i nervi saldi e te la 6 cavata alla stragrande…6 un mito ^_*
    Questa pasta deve essere divina…non so cos'altro dirti mi hai lasciata senza parole…bravissima <3
    la zia Consu

    1. il 1/2 pompelmo è bravissimo con queste cose, ripara tutto, costruisce tutto e ha un gran senso estetico: sono in una botte di ferro!!!
      ciao Consu!

  6. Oh cucina allagata…ma tu hai la pazienza di fare tutta quella roba a manoooooooo??????
    Tu sei matta! Altro che tubo, il pompelmo il confronto dovrebbe farti un monumento per la tua pazienza ♥
    Chetooodigoaffffà…ti voglio bene!

    ps: controlla fb!

  7. Sandra, che avventura! Ma il risultato… Yummy Yummy!
    Mi piace un sacco il ripiano blu dove hai appoggiato il rigagnocchi, cos'è?
    In occasione di una cena con amici io una volta avevo rovesciato una padellata piena di olio (che avevo utilizzato per fare il pollo FRITTO)sul piano della cucina che è un modello d'appoggio.
    L'olio si era infiltrato ovunque e avevamo dovuto smontare e svuotare il mobile per pulire in gran fretta… Gli ospiti? Erano già presenti e hanno assistito ai lavori.
    Baci!

  8. E' capitato anche a me…solo che ho dovuto aspettare i tempi tecnici del mio idraulico..e per fortuna non avevo gente a cena 😉
    Questa pasta è bellissima..mi piace quell'affarino per fare le righe..devo vedere di procurarmelo..il condimento è buonissimo..gamberi e zucchine..abbinamento perfetto 🙂
    p.s. vado a firmare 🙂

    1. brava, vai a firmare. l'affarino rigato è una meraviglia della tecnologia …antica!
      vedessi che gnocchi!
      baci baci!

  9. Arrivooo in canotto!!! Meno male che tutto si è sistemato e le tue pennone rigate sono un sogno!!!
    Vado a leggere il documento
    Ciaooo

    1. e se non ci fossi tu a correggirmi gli errori! grazie passerotta. sono a sentire la canzone…. acqua che scorre: te lo ha mai detto nessuno che ha un sens of humor tutto inglese? tvb

  10. Ohh mamma mi sarebbe venuta una crisi di nervi!! Fortuna che sei riuscita a sistemare tutto dai, grazie anche al tuo "1/2 pompelmo" … che vuol dire 1/2 pompelmo? curiosa io

    La pasta è bellissima, il sugo mi piacerebbe un sacchissimo!!sei stata bravissima ma … posso dire una cosa? Quelli sono dei bellissimi garganelli, non penne. Mi odi? Ti sto antipatica? Noooo daiiii, ti mando un bacione enorme!

    1. lo so che sono garganelli Terry, ma mi serviva un titolo lungo e penne mi suonava meglio. il 1/2 pompelmo è il mio compagno, chiamarlo mezza mela lui che è 187 cm. per quasi 100 kg mi sembrava …. poco…..
      odiarti? e per cosa? mi piaci un sacco altro che!
      baci

    2. Ahhhhhahhh bellissima questa! Io invece il mio maschione lo chiamo il mio intero … per lo stesso motivo!! Grazie anche a e piaci tu 😉

  11. Tesò, ma questi mi paiono garganelli 😀

    Che ridere mi hai fatto….e mi sono rivista. Qualche giorno fa anche io avevo una cena e ho avuto problemi col lavandino: non mandava più giù l'acqua. Panico!

    Però qualche giorno dopo ho risolto da sola: sono andata a comprarmi l'attrezzatura e ho sistemato il problema, pur di non chiedere aiuto al mio padrone di casa 😀

    Disavventure di una donna senza mezzi pompelmi 😀

    1. io ancora mi chiedo come mai una donna come te non abbia ancora trovato una scarpetta per il suo piede… o forse sei una donna esigente….. bella la mia susina!!!!
      lo so che sono garganelli ma vuoi mettere tutto quel titolone lungo e poetico?
      un bacio
      p.s. ma ci sei a firenze il 29? dimmi di si, dimmi di si, dimmi di si!!!

  12. Mamma mia Sandrina che faticata!!! Ma come sempre non ti perdi d'animo… il mio mito! Un bascione Sandrì… che belli sti garganelli!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.