Pici, in fantasia di cavolo, per l’MTC di Gennaio

e non c’è bisogno di dire niente

Ho cercato di resistere, giuro. 
Sono uscita, ho fatto acquisti, ho letto un libro, mi sono fatta i capelli, le unghie, la depilazione completa. 
Sono andata a cena fuori con gli amici e poi al cinema, una giornata infernale Sabato, l’ho riempita per impedirmi di pensare. Poi, sfinita, all’una di domenica mattina mi butto a letto: ora dormo, penso, ora mi addormento immediatamente. Si, perchè io di solito svengo una volta appoggiata la testa sul cuscino, precipito in un sonno pesante e tosto che mi riequilibra (quel poco che puo’) tutto il sistema nervoso. 
Dicevo, appoggio la testa sul cuscino, saluto il mezzo pompelmo e mi metto in posizione: fetale, rappallottolata con la testa quasi tutta sotto le coperte…. aspetto, niente. Mi rigiro, niente. Mi metto di pancia, niente. Dopo cinque minuti di grandi manovre una voce sorge dalle tenebre notturne:

amore mio tesoro dolcissimo, non sei ancora svenuta?

Il tono non era in linea con le parole…

guarda di dormire tesoro, svieni per favore e fai dormire anche me, sono un po’ stanco…

Grugnisco, assentisco, borbotto e mi metto ferma. Ma io ferma, distesa, immobile nel letto…. o sono svenuta nel sonno o altrimenti non se ne parla…. mi sono messa a farmi i massaggi con l’alluce del piede destro sull’unghia del piede sinistro e pensavo che non si notasse….
Si accende all’improvviso la luce

Sandrina, amoooo, vai a fare un girino alla televisione, lasciami dormire per favore!

Mi sono alzata e mi sono seduta davanti al Mac, come diceva il grande Lucio “è partita la mia mano”, come in trans ho fatto in un battibaleno quello che volevo fare da tutto il giorno ma che mi ero impedita di fare:

HO SCRITTO QUESTO POST sulle foto che avevo già inserito………
…una droga, una cosa a cui non si puo’ resistere l’MTC, è bene che lo sappiano quelle due come ci hanno ridotto, ebbeni si, ci togliete il sonno: noi invece di dormire si pensa a fare pici dalla mattina alla sera, belline guarda! E anche lei, la Patty, calma e soave, guardate come ci avete ridotto, vergognatevi con queste sfide!
Ho letto in giro che l’MTC è la gara più bella d’Europa: sono d’accordo, d’accordissimo!
E venerdì scorso ho riproposto pici, avevamo amici a cena! I miei cominciano a guardarmi in cagnesco, 3 volte pici in una settimana, dice che cominciano ad essere troppi…..
I pici si fanno come dice la Patty, senza modificare e senza nemmeno pensare di modificare qualcosa, il sugo per 6 persone:
1 broccolo di cavolo
1/4 di una pallina di cavolfiore bianco
1/4 di cavolo cinese
1 spicchio d’aglio in camicia
1 punta di radice di zenzero fresco 
1 patatina novella 
1 cucchiaio di panna da montare
olio extra vergine di oliva
sale e pepe
prosciutto cotto tagliato alto
scorza di limone grattugiato 
 Fate il soffritto con l’aglio in camicia, che toglierete subito appena sentire il profumo, e una punta appena di zenzero fresco. Aggiungete i cavoli sminuzzati, la patata tagliata a cubetti e fate saltare. Coprite con acqua, salate con sale integrale di Sicilia e coprite. Appena le patate saranno cotte ridurre in crema con il mixer, aggiungere un cucchiaio di panna da montare. Cuocete i pici in abbondante acqua salata e cominciate a tagliare il prosciutto in listerelle che andrete a arrostire in una padella antiaderente con una goccia d’olio buono. Saltate i pici per un minuto nella crema di cavoli, impiattate, grattugiate un po’ di pepe nero, un po’ di scorza di limone e guarnite con il prosciutto arrostito…..
Fatene una bella quantità perchè il picio tira e attira, non sembra ma il picio piace, piace e ripiace…. sono spariti tutti e velocissimamente nonostante le lamentele perchè era la terza volta che li mangiavano in settimana…..
I pici vanno da quelle due dell‘MTC 

 e con questa foto  vado anche da  Cindystar 
e dall’anfitrione di questa settimana che è The cooking doctor

ecco la mia foto dei pici in bianco e nero…. 
completi di ricetta velocissimamente riassunta….

per il mercoledì in bianco e nero di Cindystar con mille ringraziamenti anche a Susan, ideatrice del tutto….

   

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

36 commenti

  1. Che bello, Sandra, il tuo blog è un salotto caldo con cucina annessa dove si chiacchiera allegramente e si mangia benissimo. Leggendolo si immagina subito come dev'essere calda e accogliente anche la tua casa 🙂

  2. Sono qui che rido soffocata da mezz'ora, con te ed i tuoi anatemi sull'MTC. Se ti sei ridotta uno straccio la colpa è tutta tua (hihihihihi) che poi non ci credo neanche se lo giuri, dopo una ristrutturazione completa dalla testa ai piedi! Di che ti piace fare sti pici, che ci legheresti pure tuo marito mentre dorme, lo spalmeresti di briciole e te lo mangeresti senza troppi complimenti!Dillo va! Così almeno posso dire che questo piatto mi fa scendere una lacrimuccia di commozione per quanto mi piace.
    Sei una donna terribile ma io ti adoro!
    Strabaci, Pat

    1. senti, non ti permettere sai, di prendermi in giro! io sono qui prostastra, arrotolata fra i pici e la farina, ingarbugliata nelle emozioni e tu mi prendi in giro? che meraviglia Patty, questo MTC passerà alla storia! bacissimi!!!

  3. la cosa che mi piace di più, ogni mese, è leggere i nostri post sulla magia dell'MTC 🙂 questa voglia di imparare, di provare, di sperimentare che ci accomuna tutte!
    e poi..quando ti ritrovi davanti un piatto di pici come il tuo….ti viene una fameeeeee ^_^

  4. Wow! anche tu pici col cavolo! beh… no… detto così suona un po‘ male 😉 Volevo dire che abbiamo pensato entrambe al cavolo come condimento. Mi piace molto l‘idea dell‘abbinamento con lo zenzero.
    Comunque hai ragione… zitte zite ci hanno ridotto proprio male quelle tre. Io ho dovuto ripiciare per la seconda volta e ho paura che ci ricascherò di nuovo 🙂

    1. maronnamiabella!!! mi sono tutta emozionata, non so più da che parte stare a sedere su questa sedia….che bello essere citata da te Elena e sapere che i pici ti sono piaciuti davvero!!! Che regalo stupendo tesoro che mi hai fatto!!!! baci e buona notte!!!

  5. la depilazione completaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa… sandra, ma abbi TU pierà di noi… io non ce la posso fare… ma mi spieghi come faccio a mantenermi seria e a commentare la ricetta come si deve??? perchè oltretutto merita, accidenti se merita. Ma io son qui che mi interrogo sull'identità del mezzo pompelmo e cerco di replicare i massaggi agli alluci 🙂
    torno dopo, te possino 🙂

  6. voglio fare i pici e voglio fissare un appuntamento di chiacchiere con te…come famo? pomeriggio? di notte?? oh amica bisogna dirsi delle cose 🙂

    1. domani mattina, accendo skype, ci sono, tu contattati… ho bisogno anch'io di te, ti ho pensato stamani….. telepatia? a domani LO, baci, grossi grossi….

  7. In effetti l'Indonesia e' fastidiosa sia per chi ne soffre e sia per chi ti sta accanto. Hai impiegato bene il tuo tempo postando la tua versione di pocu veramente buona. Complimenti.

    pastaenonsolo.blogspot.it

  8. Ahahah! Mi ti immagino nel letto ad attendere, girandoti con gli occhi spalancati 😀 Sei troppo forte, davvero… 😀 A me ultimamente capita spesso di non dormire e sono sempre più tesa e nervosa. Mi sa che mi ci vogliono questi pici deliziosi, tesoro! Bravissima, le tue ricette sono davvero una più buona dell'altra! Un abbraccio forte e un bacione! 😀

    1. ogni tanto puoi farti dare un colpo in testa da qualcuno, così svieni e ti riposi! ciao tesoro delizioso!

  9. ma io dico: cucinare per il gusto di cucinare e di mangiare e basta per una volta senza gare (si chiamano gare perchè siamo italiane e non contest) pare brutto davvero tanto tanto che poi così si dorme e non ci si rosola nel letto come la fetta di proscitto tagliata spessa?

    1. no che non è brutto, ma vuoi mettere competere con un sacco di blogger? e poi, io dormo molto poco da qualche anno a questa parte, 4 o 5 ore per notte, non di più…..
      p.s. sentissi com'era il prosciutto!!!
      baci
      p.s. del p.s. tutto quel colesterolo… tu stai pensando a quello vero?
      ri-baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.