potage di carote viola e patate americane

vellutata viola DSC_1909

Leonard Choen, Coming back to you

MUSICA PER NOI

salutiamo con infinita tristezza un’altra perdita del 2016

 

ho una casa piena di foulard, piena di collane,  di bracciali e di anelli.
sono sparsi per le stanze, colarati ed invadenti. sono pezzettini di vita in bella vista.
ho foulard di tutti i colori, per tenere, tenere insieme i pezzi di me, ho foulard che scaldano, che accudiscono e abbracciano. sono allegramente dimenticati sulle sedie, sul divano, li ritrovo sparsi nei posti più impensati e quando mi cerco mi trovano loro.
ho collane colorate, invadenti, appariscenti e non, sono attaccate alle maniglie delle porte, alle chiavi degli armadi, nelle ciotole. sono allegre, sfacciate, eleganti.
sono esperienze, raccolte negli anni, ogni collana un ricordo, un pensiero, un momento. e ogni collana ha il suo perchè, a seconda dell’umore indosso quella giusta, allegra o sfacciata, elegante o intima. una collana di semi, a indicare la vita che rinasce, una collana verde speranza, una collana rossa per scaramanzia. ho bracciali che circondano i giorni, abbracciano la vita normale. si intrecciano fra loro, tintinnano suadenti e suonano attorno al mio polso, ricordandomi di sorridere. ho anelli di rame, di argento, di alluminio, cinguettano civettuoli sul legno della testata del letto, mi guardano e sorridono chiedendo di essere infilati intorno alle dita per essere portati fuori, ad annusare l’aria che tira, a respirare vita quotidiana.
ogni ninnolo un ricordo, un momento. una lacrima, un sorriso, un abbraccio, a seconda del giorno.
ho orecchini, ho tanti orecchini. sono sempre stati la mia passione, non sono preziosi metalli ma sono preziosi ricordi. sono appesi agli alberi di rame, sono dimenticati nel bagno sulla mensola, sono rimasti in una vecchia scatolina di legno e quando ci guardo dentro mi illumino perchè li avevo “perduti” e li ho “ritrovati”, sono spaiati dalla vita, uno perduto e uno ritrovato. di tutti i colori, da abbinare e da portare come rimedio alle piccole e grandi disavventure. quelli fortunati, quelli divertenti, quelli che coccolano quando la giornata si preannuncia non troppo allegra.
sono tutti piccoli oggetti futuli e senza valore ma sono i miei oggetti, sono i miei pezzetti di vita. sono quelli che mi ricordano chi sono.

 

potage viola

perchè è tempo di vellutate, di comfort, di carezze.

 

vellutata viola 4 DSC_1905

ingredienti

1 patata dolce americana
2 patate bianche del Casentino
2 carote viola
1 carota arancio
1/4 di cavolo cappuccio viola
1 cucchiaio di panna da cucina
1 cipolla rossa
basilico
olio extra vergine di oliva
sale  al te aromatizzato al  bergamotto
vellutata viola 3 DSC_1904

preparazione

come tutte le

vellutate/ o potage, come le volete chiamare

è di semplicissima esecuzione.
soffireggere la

cipolla tagliata ad anelli

in olio evo, aggiungere le patate tagliate a cubetti, il cavolo affettato fine, le carote affettate a rondelle, il basilico. insaporire con il sale e coprire con acqua. far bollire per circa 20 minuti, frullare il tutto con un frullatore ad immersione e condire con un cucchiaino di panna da cucina.
DSC_1924 2 vellutata viola

velluta viola 2 DSC_1903

FATEMI salutare la mia amica siciliana con questa vellutata, la mia Forno Star preferita, la Stefania : grazie di esistere!

con questa vellutata viola  partecipo  al #GFCalendar del mese di novembre di Gluten Free Travel & Living, in collaborazione con

Stefania di Profumi e Sapori

 

gfcalendar-carote-300x300

 

 

 

vellutata viola 8 DSC_1925

Print Friendly

ti potrebbe interessare anche

10 commenti

  1. Ciao Sandra, non passavo da qui da tanto tempo, e solo adesso mi rendo conto della mia mancanza!
    Ti ringrazio per questa bella ricetta, confortante e calda come sono solo una vellutata può essere! A presto!

  2. Racconta molto di te questo post…di come sei, di che colori sei fatta 🙂
    Come lo racconta anche questo potage…colorato e pieno di ombre allo stesso tempo.
    Un bacio amica mia e buona domenica <3

  3. Sandra, io vengo qui, leggo le tue storie e mi rispecchio. Come possiamo essere così simili? MI ritrovo in ogni singola, minuscola e preziosa parola… Ti aspetto per farti vedere tutti i miei foulard, collane, bracciali, orecchini spaiati e non (fra cui i tuoi) che ho …
    Vellutata (o potage) meravigliosa! Grazie <3

    1. ma io l’ho sempre saputo che eravamo identiche, da quando ti ho sentito >”sussurrare” Kiss a Genova…. prima o poi arrivo Stefania, prometto che arrivo e poi dovrai mandarmi via o adottarmi: decidi tu!

  4. Anch’io ho tantissimi “ninnoli” che indosso in base all’umore e mi ricordano di volermi bene, di curarmi e sentirmi bella..in questa cosa siamo molto simili! Un’altra affinità è questa ricetta..un comfort food colorato e goloso che abbraccia alla sera dopo una fredda giornata 🙂
    Io abbraccio te e ti auguro un felice we <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *