Pound cake inglese…. plume cake italiano con fichi caramellati e noci brasiliane

musica per l’ascolto 

e stasera non scrivo pensavo.
pubblico la ricetta e via
… e invece… 
oggi è stata un giornata lunga. lunga parecchio.
è partita male. subito.
a pelle
con  la sensazione che qualcosa non sarebbe andato per il verso 
giusto.
veramente è diverso tempo che qualcosa non 
va per il verso 
giusto.
ma ho sempre continuato testardamente a 
credere che sarebbe andato per il verso 
giusto.
come se la vocina dentro, l’istinto, la guida,
continuasse a dire:
tranquilla, tutto si aggiusta, tutto finisce bene,
tutto si sistema.
è stata una giornata pesante.
non è successo niente di che in definitiva ma 
non c’è stata la quadratura del cerchio.
tante piccole cose messe in fila,
piccoli incidenti di percorso, 
insignificanti ma altamente fastidiosi 
parole dette o non dette, pensieri repressi,
dolori sopiti e risorti,
quella insofferenza strana e inspiegabile,
quell’essere pesante dentro,
la fatica di portasi appresso l’inquietudine di tutto il giorno.
per concludere ho scoperto di avere lettori insospettabili,
conosciuti nella vita reale da trentanni,
amici di vecchia data
(ma chi l’avrebbe mai detto).
….e per me, 
che sono stata un anno e mezzo sotto mentite spoglie, 
che nemmeno il mio compagno e i miei 
figli sapevano dell’esistenza  di questo blog,
che avevo gelosamente tenuto tutto nascosto perchè era solo mio,
che  non volevo  influenze dal mondo reale 
trovare queste presenze invece  reali
tangibili, fisiche….
………….è stato ………..
....STRANO.

Pound cake inglese 
(meglio conosciuto come Plume cake)
ingredienti

la ricetta è del solito, il Nanni, con qualche piccola modifica mia,  perchè scusate se è poco ma il Nanni è una certezza per queste cose…. e poi, essendo  lui fiorentino …. insomma, abitiamo quasi sotto lo stesso cielo!
troverete una dettagliata descrizione e la storia del Poun cake  in questo post 

Farina 00 250 g

Zucchero 200 g
Burro 200g 
5 uova
150 g. di uvetta sultanina
una manciata di noci brasiliane
(nella ricetta originale cedro e arancia candita)
Lievito per dolci 1/2 bustina
Rhum   aromatizzato al cioccolato 80 ml
Cannella in polvere – un pizzico
Chiodi di garofano macinati – un pizzico 

mettete l’uvetta in bagno nel rhum e tirate il burro fuori dal frigo almeno un’oretta prima di cominciare.
montate con le fruste il burro e lo zucchero fino a che non diventa una spuma.
aggiungete un uovo alla volta e amalgamate bene.
aggiungete il rhum dell’uvetta, un pizzico di cannella e uno di chiodi di garofano.
strizzate l’uvetta e passatela nella farina.
 tagliate grossolanamente tre fichi caramella e le noci brasiliane.
aggiungete la farina setacciata e mescolate con una spatola stando attenti a non smontare il tutto e poi aggiungete il lievito, e l’uvetta infarinata (il Nanni dice che se infarinata non se ne va a fondo nell’impasto e come sempre ha ragione!)
foderate lo stampa da plume cake e riempitelo abbondantemente fino all’orlo.
nel mio forno ci sono voluti 50 minuti a 170°C perchè alla prova stecchino risultasse bello asciutto.
tirate fuori il dolce dallo stampo con la carta e lasciatelo raffreddare.
spolverate di zucchero a velo.

ora, siccome mi avanzava un bel po’ di impasto, ho riempito per meno di metà dei pirottini di carta e ci ho affogato dentro un fico caramellato per uno.
questi si sono cotti in 20 minuti o poco più.

note e avvertenze 

  • sarebbe opportuno tagliare la torta quando è fredda: meno male che noi avevamo i piccolini e ce li siamo goduti caldi, da perfetti e incorreggibili golosi.
  • dolce stupendo questo pound cake, da colazione, da merenda, da dopo cena, da spuntino notturno. 
  • con un bicchiere di latte freddo poi,  potrebbe creare una seria dipendenza.

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

48 commenti

  1. a me invece sembra strano che mi sia sfuggito questo post! roba con il fichi caramellati e mi sfugge???? non può essere! è successo qualcosa!
    sbavo 🙂

    un abbraccio virtuale ma dall'intensità reale 🙂 (occhio, fai un respirone che stringo!!!)

    1. lo sai perchè ti è sfuggito? perchè ancora non ci eravamo incontrate e non avevamo deciso che siamo gemelle separate dalla nascita… tutto lì!
      ti abbraccio fortissimo anch'io Tam!

  2. Pound cake ovvero la perfetta torta da tea. Ne ho fatti diversi in passato e continuerei a farli se solo non mi trattenesse l'idea di quanto burro affinché siano così maledettamente buoni!
    Sulla stranezza della situazione, ti capisco, lo fa anche a me ogni volta che qualche amico mi dice di leggermi. Perché in realtà la mia idea è che la sola a leggere il mio blog, sia io! Ti abbraccio tesora, e fammi un sorriso! Pat

    1. anche io leggo solo io il mio blog, che c'entra, e quei due mi hanno proprio infastidito…. ma, lo so, tutto quel burro… ma quanto è buono il burro!
      ciao Patty!

  3. Alla fine ho come la sensazione che non ti ha fatto piacere scoprire che queste persone seguivano il tuo blog e hanno scoperto che eri tu …. mah! Che ti devo dire; a me capita ormai sovente di avere le tue stesse sensazioni. Purtroppo ci sono momenti negativi nella vita e io credo che per me sia uno di questi. Mi auguro che non sia così anche per te, perchè alla fine certe situazioni ti logorano. Dalla mia ho la fortuna di essere un inguaribile ottimista e buontempona. Mi prendo in giro e cerco sempre di sdrammatizzare e pensare che "non può piovere per sempre". Intanto consoliamoci con una fetta di questo dolcissimo plum cake, si sa mai che ci addolcisca un pò anche la vita, che dici? Ti abbraccio amora, buona vita ♥

    1. non puo' piovere per sempre, è vero TERRY mia, ma per me sono diversi mesi che piove….. bisognerebbe cominciasse a smettere!
      ti ringrazio tesoro per essere passata, un abbraccio
      Sandra

  4. Mi dispiace cara Sandra…sono sicura che con questo dolce sarai stata capace di consolarti…a me ultimamente capitano + giornate storte che dritte 🙁
    Buon we <3
    la zia Consu

  5. Ci sono giorni brutti..poi c'è un giorno bello e si dimentica tutto!! ..spero che quel giorno sia oggi, abbi cura di te ♥
    Il dolce è stupendo, ma quei mignon col cuore di fico caramellato sono uno schianto ^ ^

    1. quelli… quelli erano stupendi…. con quel fico intero dentro…. mi farebbero passare la depressione adesso!
      grazie Sandra, seguirò il tuo consiglio e avrò cura di me.

  6. Ciao stellina più ti leggo e più dico che sei davvero stupenda…….capita, già a volte capita di avere questo strano senso di irrequietezza dentro o forse siamo solo noi…..
    Sei un'assassina pero' con questi tuoi dolcetti……

    1. grazie Luna sul cucchiaio, detto da te mi piace un sacco….
      e pensa che io preferisco il salato al dolce…. ma questo era d'un buono!
      baci

  7. Ti sei sentita un po' violata ? O forse ora ti senti un po' meno libera nella comunicazione ? Sai, anche io, giorno dopo giorno, scopro che ci sono tante persone che mi conoscono a seguirmi..ma ormai, ci ho fatto l'abitudine..all'inizio mi dava un po' fastidio, perché assai spesso mi sono messa a nudo nei miei post..ora, non ci penso più.
    Il tuo dolcino è super :)Ti abbraccio <3

    1. ecco Mary, hai proprio colto nel segno: violata. e mi da anche un po' fastidio, cercavo proprio di evitare i loro giudizi, non mi interessava sapere quello che ne pensavano altrimenti glielo avrei fatto sapere io… .quando si dice quanto è piccolo il mondo mannaggia la pupazza!
      un abbraccione

  8. Mi dispiace di sentirti così amareggiata.. a volte ci stanno le giornate così. Guarda il cielo, pensa ai tuoi figli e ascolta buona musica. Ah.. non dimenticare di mangiarti una fetta di quella meraviglia di Pound cake. Vedrai che ti sentirai meglio. Un abbraccio forte

  9. Ciao Sandra, oggi è un altro giorno, riparti da zero. Qui c'è una luce splendida, te ne invio un raggio!
    Non mi sono dimenticata di te e di guardare le tue splendide creazioni, sono stata solo un po' frettolosa sul web ultimamente, ma sto tornando.
    Curiosa questa cosa del blog tenuto nascosto ai tuoi, ma come ai fatto? Io non avrei potuto dato che la maggior parte dei piatti sono stati fotografati in tavola prima di addentarli.
    un caro saluto
    Su

    1. ma io in realtà Cincia, lo dicevo che facevo le foto per il blog ma tutti mi prendevano in giro… siiiieeeee, il blog! ma che dici…..
      quando poi gliel'ho spiattellato davanti sono rimasti di sasso! ah ah ah!
      mi fa piacere sapere che comunque ci sei, ci sono anch'io non credere!
      baci

  10. mia sadrina.. ci credo che ti sembrerà strano.. ma alla fine il bello che hai dentro, qui, tra queste pagine di un diario virtuale, si è espresso nei migliori dei modi.. perciò credo che avrai lasciato solo il dolce per loro.. sono belle cose.. ed un sorriso stampato sul volto.. quello che ho sempre quando vengo a leggerti.
    Ti abbraccio mamma bis! Vally

  11. Ciao Sandra che bello scoprire vecchie amicizie tramite il blog, spero che questo w.e. sia per te spensierato e bello intanto rubo una fetta del tuo cake…che belle le ultime foto con lo sfondo della natura <3

    1. le foto ultime sono quella fatte in terrazzo da me, si affaccia direttamente sul prato incolto per la verità ma è talmente verde e bello che a me piace anche incolto!
      baci baci

  12. Credo ci sia un'epidemia collettiva, ognuno la cova in forme diverse e i giorni strani si adattano alla persona: ogni piccolo contrattempo turba, ogni notizia fa sobbalzare. Rimane la sensazione di poter superare gli ostacoli -come dici tu-, ma questi continuano ad intralciarti il cammino. Voglio essere positiva, vedere la luce dietro le nuvole. Dobbiamo crederci e farci forza l'uno con l'altro. Vedrai, arriverà all'improvviso il sole a rischiarare le nostre giornate!
    un abbraccio MARI

  13. Pili lo sai come faccio a capire che mi si sta parando davanti una giornata no? Mi si sfilano le calze quando le metto… Mi devi credere quando mi si sfilano le calze vorrei rimettermi giù nel letto con la coperta sulla testa perchè so che sarà una giornata orribile!!
    Ma oggi è un altro giorno!!! Sarà migliore senza dubbio! <3
    Buono questo cake, ti bascio fortissimo!

    1. io invece ho lei, la vocina, che mi dice: ributtati a letto…. e lo vorrei fare ma quasi sempre non posso e devo partire…. ma domani è un altro giorno. ti voglio bene.

  14. ora ti lego due tre aquiloni a polsi e caviglie così ti senti più leggere, il pound cake lo si prova appena si finisce la produzione di frollini di ieri, senza noci e con i canditi tiè

  15. Mi perdo e mi abbandono nelle tue parole.. tanto vere, tanto sentite, tanto 'mie' oggi.. sì, oggi. Oggi che è stato tutto più difficile del solito, più strano del solito, più incatenante e pesante del solito.. più freddo, più ferroso e confuso di quanto non lo fosse già. Allora ti abbraccio, ti stringo forte al mio cuore, con tutto quel bene unico e raro che sai che ti voglio. E ti sarò vicina, nella tua stanchezza e nei tuoi perchè.. perchè quest'oggi lasci spazio ad un domani turchese, Presto. <3 TVTTTTTTTB tesoro… Prendo volentieri una fetta di questa delizia, come sempre sai accarezzare anche i sensi oltre l'animo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.