Salutiamoci di Ottobre: il migliaccio fiorentino

per le vostre orecchie e per i vostri occhi

per la lietezza di spirito:

E adesso siete finiti, morti, caput!
Io sono golosa, appassionata di cibo, di cibo buono, e due sono le cose che mi fanno scalpitare più di ogni altra in cucina: i ceci e tutto ciò che concerne e le CASTAGNE e tutte le variazioni sul tema.
Salutiamo di ottobre con le castane? Care Brii, Cobrizio , Lo e Stella  e nonmeno Azabel  che ci ospita graziosamente a casa sua questo mese di ottobre,  care le mie bloggine,  adesso SO’ AFFARI VOSTRI, mi avete provocato e io vi rispondo, preparatevi, ve ne manderò talmente tante che vi verrò a noia, mi pregherete di smettere….

Faccio un incisino, sono una delle vincitrici del contest de La cultura del Frumento, MANI IN PASTA, le paste regionali III   con i miei    pici  senesi all’aglione :

E SON SODDISFAZIONI!!!
Ok, la ruota del pavone l’ho fatta, ho aperto tutte penne e ho fatto bella mostra…..
Veniamo a noi, veniamo alle castagne. 
Oggi si comincia con il più classico dei dolci: il migliaccio 
Detto anche castagnaccio,  dalle mie parti si è sempre chiamato migliaccio,   è un “dolce” tipico toscano/ligure, di origine contadina, economico e con ingredienti di facilere peribilità.

Leggendo iera la ricetta da LO che intitolava “castagnaccio senza zucchero” ho pensato, ma guarda che brava la nostra gallina meravigliosa che non ha adoperato lo zucchero…. ripensandoci, ieri sera mentre mi leccavo i baffi sbattendo acqua e farina di castagne mi sono data della brava anche per me, l’ho dato alla mia mamma e alla mia nonna che mi hanno insegnato a fare il migliaccio e che lo facevano SENZA zucchero…. credo fosse una questione economica, all’epoca…. lo zucchero era un bene di lusso!

ingredienti:
250 gr. di farina di castagne
2 tazze medie di acqua o forse meno
un pizzico di sale
olio extra vergine di oliva
1 rametto di rosmarino
50 gr. di pinoli
5 o 6 gherigli di noce
una manciata di uvetta
In una terrina emulsionate la farina di castagne con l’acqua in modo che non si formino grumi. La consistenza deve essere un po’ più solida di quella delle crepes. Non so la quantità precisa di acqua, io a un certo punto vado a “occhio”. Mi ricordo sempre di mia nonna che quando glielo chiedevo mi diceva: lo vedi a occhio, Sandra, nè troppo lente nè troppo soda…. 
Aggiungete alla pastella un pizzico di sale e un C di olio extra vergine di oliva,  unite metà pinoli e l’uvetta bagnata precedentemente nell’acqua e strizzata.  Io non ce la metto, l’uvetta nei dolci è una delle poche cose che evito perché non mi piace la consistenza  molliccia che acquista da cotta, ma voi mettetela perché nella ricetta tradizionale ci vuole.
In un pentolino fate soffriggere gli aghi di rosmarino per qualche secondo con un giro d’olio d’oliva. 
Foderate la teglia con un foglio di carta da forno e versateci sopra il composto, l’altezza decidetela voi, c’è a chi piace alto e a chi bassino: io sono per il bassino. Poi aggiungete i pinoli e i gherigli di noce spezzati grossolanamente sulla superficie e condite con l’olio e rosmarino.
Passate il tutto in forno a 200° per una ventina di minuti. Il migliaccio è pronto quando il composto forma tutte le screpolature in superficie.
Ecco avete fatto, senza zucchero e con pochissimi grassi, un dolce povero della cucina contadina. 
Per maggiori informazioni qui , sempre da quelle quattro pazzerelle che ci insegnamo e ci spronano a mangiare sano. 

http://incucinaconmemole.blogspot.it/2012/09/speedy-food.html

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

19 commenti

  1. Eheheh, allora aspettiamo una valanga di ricette! Non mi era mai capitato di assaggiare un castagnaccio/migliaccio contenente noci, e sai che ti dico? Riesco ad immaginare il sapore, dev'essere meraviglioso!
    Grazie per aver partecipato, anche se ho capito che 'sta frase la dovrò ripetere ancora, ed ancora, ed ancora ^_^

    /riporto anche qui: certamente, puoi partecipare con ricette già pubblicate! bBasta che rifai un post nuovo, inserisci il logo di Salutiamoci e un link al mio post assieme alle ricette già pubblicate 🙂

  2. Ciao Sandra 🙂 Innanzitutto grazie per essere passata da me ed aver commentato, mi unisco subito ai tuoi lettori fissi perché amo la cucina toscana e tu sei veramente brava! Questo migliaccio è delizioso! Complimenti e a presto, torna a trovarmi! 🙂

  3. complimenti per la vincita! ottimo il migliaccio, le castsgne sono troppo buone e moooolto calorie naggia! tutte le cose buone fanno male..ma perchè??? una fetta la prendo volentieri, ciao cara!

  4. Sono particolarmente affezionata al migliaccio, uno di quei dolci a cui non so resistere. Lo faccio come il tuo con un aggiunta: cedro candito a cubetti. Regala profumo ed aromi. E se mi permetti, un consiglio: lascialo maturare un paio di giorni prima di mangiarlo. Se ci riesci, ovviamente… :))brava per il contest vinto,sono soddisfazioni…baciotti:)

  5. Quando ho letto che ti piacciono i ceci e le castagne, credevo li avessi uniti insieme 😀
    Senza zucchero il castagnaccio può sostituire anche il pane… Splendidamente meraviglioso!!!
    E complimenti per aver vinto il contest 😉
    Io non ho partecipato alla fine ma e' un piacere sapere che tu sei fra le vincitrici ^___^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.