strudel salato, per Mari Lasagna pazza e per l’MTC, sfida n. 36….

Lucio Dalla
“e stare nudi in mezzo a un campo 
a sentirsi addosso il vento
io non  chiedo più di tanto 
anche se muoio son contento”

quando ho visto lo strudel salato dalla mia Lasagnapazza preferita per    l’  MTC n. 36 non credevo ai miei occhi.
quella pasta così fine, così liscia, cotta alla perfezione, ripiena.
a me piacciono le consistenza, tutte le consistenze.
mi piace la “roba” di carattere, mi piace la crosta del pane, mi piace la parte nervosa della carne, mi piace sgranocchiare ma mi piace anche il morbido-ma-compatto, non il gelatinoso, il compatto ma morbido.
e nella foto dello strudel salato di Mari quello si notava, il compatto ma morbido.
me ne sono innamorata. allo sfinimento me ne sono innamorata.
e sabato, giornata dedicata alla cucina, ho messo le mie mani in pasta.
seguito scrupolosamente la ricetta di Mari, ho solo aggiunto un po’ più di acqua per rendere il tutto più omogeneo, dipende molto dal tipo di farina che si usa.

per la pasta:
150 g. farina tipo 0 
50 + 20 ml acqua
1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
sale marino integrale 
e dentro: 

4 carciofi violetti  
100 g. robiola
200 g. ricotta
frittata con due uova – senza olio

impastate la farina con l’olio, il sale e l’acqua. impastate bene e lasciatela a riposare sotto una boulle.
intanto sbattete due uova, aggiungete un pizzico di sale e un goccio di latte e distendetela in una tegliettina antiaderente. io l’ho cotta in forno avendo la cucina a legna accesa.
appena la frittata è compattata toglietela.
pulite i carfioci (lavoro ingrato, lo so) e metteteli in poca acqua fredda (devono essere appena coperti) portandola a bollire, un filo d’olio evo e un pizzico di sale. quando l’acqua si sarà ritirata quasi del tutto i vostri carciofi saranno pronti. frullateli con il mixer in modo da ottenere una crema e lasciatela freddare.
mischiate ricotta e robiola, sale e pepe. verrà fuori una bella mousse morbida morbida.
e ora viene il bello. armatevi di mattarello e stendete la pasta. usate la farina per non far appiccicare la pasta al piano di legno della spianatoia e stendete fino ad avere un sottile velo di pasta. cercate di farla rettangolare e non rotonda, cosa non facilissima ma fattibile.
stendetela sopra un canovaccio pulito che vi servirà per la cottura.
spalmateci sopra la crema di formaggio, lasciando i bordi liberi.
sopra al formaggio la frittatina, sopra la frittata la crema di carciofi.
pepe e una goccia d’olio.
rimboccate la pasta sui bordi come dice Mari e cominciate ad arrotolare stretto aiutandovi con il canovaccio.
sarà bellissimo!
una volta arrotolato bene la pasta arrotolatela ancora dentro al canovaccio e chiudete con lo spago a mo’ di caramella. fate anche un paio di giri centrali senza stringere però!
date le dimensioni io l’ho cotta in una teglia da lasagne sempre con l’aiuto della cucina economica ma si puo’ fare anche nel forno elettrico o sul fornello a gas.
30 minuti circa di cottura, forse qualche minuti in più.
lasciate raffreddare un poco e togliete il canovaccio.
tagliate a fette piuttosto consistenti e condite con MOLTO burro fuso e formaggio parmigiano a scaglie

GRAZIE MARI!!!!
questa ricetta partecipa all’
 lo strudel, ricetta  che la
della precedente sfida ha scelto per noi

buon appetito a tutti!!!!

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

80 commenti

  1. Che buona! Direi irresistibile! Anche perchè le foto rendono davvero l'idea di quanto sia buono il piatto! Complimenti!

  2. Mi aggiungo anche io al coro delle innamorate dei carciofi e non solo….innamorata anche di questo strudel salato che hai creato Sandra !!!!!
    Un abbraccio
    Ilaria

  3. Carissima Sandra, ti posso confessare che mi sono commossa? E ti posso dire che il tuo post lo ricorderò come una delle cose più belle di questa sfida? Per tutto quello che hai detto e fatto, dall'inizio alla fine. Dalla canzone di Dalla alla tua dichiarazione d'amore per le consistenze e per la mia pasta, per non parlare dell'entusiasmo con cui hai affrontato la ricetta e ovviamente per la ricetta stessa, che più contenta di così non mi potevi fare. Il tuo ripieno è perfetto e te lo dico non soltanto perchè io i carciofi me li mangerei a colazione, pranzo e cena, ma per come hai ideato tutto l'insieme, per averli cotti rispettandoli e poi ridotti in crema, per quella crema di ricotta e robiola (anch'io uso spesso questo mix, trovo che la robiola dia cartattere alla ricotta senza rovinarla) e per quella frittatina cotta nella cucina a legna. E infine per non aver voluto rovinare tutto con un condimento troppo invadente e aver invece utilizzato solo del burro e del parmigiano, sembra semplice? no, non lo è affatto, proprio lì sta la grandezza di un'idea.
    Grazie mille di cuore.
    Mari

    1. io sono come te Mari, i carciofi li metterei anche nel latte la mattina!!! e quella delle consistenze… io quando ho visto il tuo strucolo sono svenuta lunga distesa! mi ha talmente emozionato che non ho pensato a niente altro se non a provare.
      sono felice che ti sia piaciuto, MOLTO MOLTO MOLTO felice!
      ancora e di nuovo grazie!
      Sandra

  4. ciao cara Sandra,
    qui a trovarti trovo sempre un ambiente ospitale, che sa di casa, di cose buone, ma ben curate.. non immagini la voglia di carciofi che con questa preziosa ricetta, mi hai fatto venire 🙂
    complimenti per le fotografie, vedo stai sempre più migliorando la tua tecnica e il tuo stile personale, bravissima!!
    cari saluti
    Dany

  5. Stavo per metter su una pentola di lenticchie ma ho visto le tue foto e mi è venuta voglia di strudel! Ora come faccio? Per fortuna che è tardi, il marito stasera non torna e devo badare alla pulce altrimenti avrei subito tirato fuori tavola e mattarello….

    Sandra tentatrice!!!

    1. ma anche le lenticchie sono buone! io le adorrrrrrrrrr (con la r moscia frrrrrancese) … comunque prova che è stupendo lo strudel salato bollito!

  6. mi inizi con Lucio e già mi metti sull'attenti.. abbasso il cursore, scendo e vedo le foto: ok, la bava inizia a formarsi.
    leggo la ricetta..


    scusa, ero svenuta appena visto il ripieno: ti adoro bella Sandrina mia, quanto me gusta sto rotolino di gusto, sapore e meraviglie
    quanto me gusti tu
    baciooooooo

    1. Silvia, hai presente gli ormoni? quelli di 17 anni? quelli che corrono a rotta di collo per tutto il corpo? io quasi non me li ricordo più, i miei si stanno affievolendo!!! ecco, le in piena crisi ormonale si vede al peggio del peggio.
      Grazie però, le farò leggere il tuo commento per vedere se funziona.
      baci
      P.S. oooohh, comunque TUTTA LA MAMMA la ragazza! ah ah ah!

  7. Sandra carissima:* che piacere rileggerti e ritrovarti… in questi giorni mi sto riattivando e già leggere le mie amiche di tastiera sta diventando terapeutico, proprio come un abbraccio. Volevo ringraziarti della tua presenza, dell'affetto che mi hai dimostrato durante la mia assenza… anche un messaggio per me ha significato tanto… davvero… Come sempre ritrovo una Sandra alle prese con i suoi impasti magici, questa volta si tratta di strudel… che golosità di ripieno… e il metodo di cottura è davvero geniale… mi piacerebbe avere più tempo per mettermi in gioco in questa bellissima sfida… ma è un momento in cui non riesco a fare promesse… così mi godo le vostre… in bocca al lupo… proposta fantastica:*

    1. tu non sai che bello riverderti Simo!!!!!
      questo è uno dei messaggi più belli che ho ricevuto nell'ultimo mese tesoro, e vengo subito da te!
      baci grossi!!!!

  8. Comprendo e condivido il tuo innamoramento. Fantastica la tua proposta sulla quale non posso far altro che sospirare di desiderio che qui in Olanda i carciofi non si trovano…nemmeno quelli verdi, figurati quelli violetti 😉

  9. Sandra, questa cosa della frittata è geniale!!! mi piace moltissimo e poi carciofie e formaggi incorniciano tutto alla perfezione!! ottimo piatto e anche al taglio risulta bello!! un bacione carissima!!!

  10. Che goduria, diciamolo!
    Ho fatto più volte gli strudel salati ma non mi viene mai in mente di farli bolliti, che escono morbidelli…
    come me lo mangerei questo,
    baci Su

    1. quella ragazza Chiaramia è la mia diciassettenne furious: e glielo faccio leggere questo commento visto che lei dice di essere bruttina, grassina, sgraziata e nemmeno tanto simpatica. l'unica in cui le potrei dare ragione è sul fatto della simpatia perchè quando fa questi discorsi diventa davvero antipatica…. ma per il resto, come si dice, OGNI SCARRAFONE E' BELLA A MAMMA SOIA!
      Grazie tesoro, complimento più bello non me lo potevi fare!
      un abbraccio enorme!

    2. mi vergogno Enrica, potrai mai perdonarmi?
      non ho mai sopportato quando mi sbagliano il nome, imperdonabili…. e che cosa faccio? ti chiamo Chiara….
      mi perdoni? vengo in ginocchio da te, perdonami per favore…. DEVI TENERE PRESENTE CHE HO UNA CERTA ETA' E A VOLTE SBARELLO NON VOLENDO!!! Ah ah ah! perdonami tesoro, perdonami davvero, da qui in avanti ti chiamerò "lamiaEnrica" e non mi sbarellerò più!!!
      un abbraccio enorme!

  11. Buonissimo, io lo faccio con ricotta e spinaci, molto simile. Buonissimo, me lo hai fatto tornare in mente. Ciao amora mio ♥

  12. O mamma mia che buono Sandra. Ora che ci ho preso la mano, il prossimo strudel che faccio è sicuramente il tuo e poi, come sempre, ammazza che belle foto..

  13. Boooooooooooooooooono! Questo penso sia uno dei pochi strudel che mangerei (se potessi)!! Tu sei un dolce e terribile genio in cucina, tesoro mio, fattelo dire! E' da quando sono venuta da te che ho in mente il pesce finto! Buono!!!!!!
    T'adoro!

    1. ti metterò la ricetta sul blog del pesce finto… o forse c'è già? controllo…
      ma se invece si facesse che torni a mangiarlo da me?
      <3

  14. buooooooono!!!!!
    che scoperta per me questo strudel salato bollito. Diventa una specie di cannellone arrotolato, morbido. Splendida ricetta.
    l'abbinamento con la frittata, i carciofi, il formaggio, è perfetto. Sai che mi viene in mente? Picnic in primavera!!! :-)))
    o è forse quella strofa di Lucio che mi sta portando all'aria aperta? 😉

    questo lo provo. (ahimè però…non ho mai pulito carciofi…dovrò cercare istruzioni!!!)

    ciao!

    1. guanti monouso, limone, acqua fredda, pazienza: tutti gli ingredienti per pulire i carciofi…. buonissimi però!
      baci

  15. Grande lavoro Sandra! Mi piace l'idea dei carciofi frullati in crema perchè a volte se capita una foglia non proprio cotta a dovere non è il massimo e invece così è perfetto questo strudel. Sto andando a ritroso sulle tue ricette…..c'è un mondo tutto da scoprire :). Sei bravissima !

  16. ciao…seguo il tuo blog gia da un bel po…io sono l amministratrice del blog:
    http://cottoespazzolato.blogspot.it/
    da poco ho dovuto cambiare l url al blog quindi sicuramente non riceverai i miei post nella bacheca…se ti fa piacere riceverli cancellati dal mio sito e riiscriverti…per cancellarti basta che vai sul riquadro dei miei lettori fissi e accedi al mio blog con il tuo username e password…poi sempre dal riquadro dei miei lettori fissi clicchi su la freccia vicini opzioni,poi su impostazioni sito e poi su "non seguire questo blog". dopo di che ti dovresti riiscriverti al mio blog…ne sarei molto onorata…grazie mille…

  17. Sandra ma che ricetta ti sei inventata!!!! Troppo bella!!! Ho letto tutto d'un fiato adesso ci torno e me la studio con calma, queste sfide riescono a tirare fuori il meglio di voi, amo ammirare queste prelibatezze. Un bacio a presto Manu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.