Un meraviglioso sformato di broccoli e carote per tutte le GOVERNANTI d’Italia

 

 

sformato di broccoli e carote

 

 

sformato di broccoli e carote

Lo avrete detto: questa è scema…… cosa  mai ci puo’ entrare uno sformato di broccoli e carote con le governanti?
Si un po’ scema sono sempre stata, anche un po’ fiorita come le zucchine….. ma quando parlo di tutte le Governanti d’Italia mi riferisco a tutte le donne come me, con famiglia, casa, lavoro e, volendo ma solo se ti prendi il tuo tempo con le unghie e con i denti, un po’ di minuti per te…..

Mi dite perché io, che corro come una matta tutto il giorno fra lavoro, spese quotidiane, bollette, supermercati, pulizie della casa, lavatrici e annessi vari, mi devo sentire in colpa se alle 17.00 mi siedo davanti al pc e controllo se qualcuno di voi mi ha lasciato un commento che magari mi fa scappare un sorriso?
Perchè IO MI DEVO sentire in colpa per questi 5 minuti mentre il resto del mondo non si preoccupa minimamente del mio arrancare scomposto e sempre più affannato?

Che arranco si sente anche dal tono delle parole scritte sopra: di corsa, veloci, frettolose e secche. Senza fronzoli perché spesso non ho tempo da perdere e, come molte di noi sanno, se ti salta di 10 minuti un punto della tabella di marcia  ti si incasina tutta la giornata con relativi incidenti e ripercussioni al giorno dopo.
Io non lo so perché  mi devo sentire in colpa ma MI SENTO in colpa e mi contorco intorno a me stessa ancora di più. I sensi di colpa non sono utili: bisogna smettere…

Mi dite perchè le faccende domestiche devono essere, per costume,  cose da  donna? Ma chi l’ha detto che un uomo non si può preoccupare di pulire il piano di cottura se lo vede sporco, o spazzare una cucina o rifare un letto?
Io, a volte, mi sento una governante con una sola differenza: se lavori come governante* in un hotel o in una casa ti remunerano e bene anche!
Mi sono stufata di ripetere sempre le stesse cose:

  • i panni sporchi, per favore, dato che non camminano da soli li mettete dentro le apposite ceste almeno?
  • volete tenere in ordine almeno un pochino le vostre camere?
  • mi aiutate con la spesa per favore?
  • mi date una mano con la cena?
  • pensate alla Holly che deve ancora mangiare stasera per favore
  • annaffiate i fiori?

e un’altra serie di richieste che, immancabilmente, cadono nel vuoto o, se sono raccolte sembrano elargizioni di bontà…..  Sono 10 anni che dico le stesse cose, che faccio le stesse raccomandazioni (mettetevi le ciabatte, non state seminudi d’inverno, chiudete gli sportelli dopo che li avete aperti e potrei andare avanti all’infinito)
Sono 15 giorni che non metto piede nel bagno dei due adolescenti furiosi: ieri sera il 1/2 pompelmo li ha costretti a pulirselo.
Aspettate, ancora nessuno  si è accorto che io da diversi giorni non ho effettuato i soliti carichi estenuanti della lavatrice con relative stenditure e piegature e messe a posto delle valanghe di magliette, mutande, calzini….. io aspetto. Come dice il saggio cinese:

Siediti sulla riva del fiume e aspetta che passi il cadavere del tuo nemico

Io ASPETTO, aspetto che i cassetti rimangano vuoti….
Che cosa mi potranno dire? Non lo so, io aspetto……..
Ma mentre aspetto mi sono preparata questo sformato di broccoli e carote che, se solo lo avessi scoperto prima, insieme fondono le loro dolcezze e risultano assolutamente meravigliosi…..

 

sformato di broccoli e carote

 

La ricetta è semplicissima, come potete immaginare….

sformato di broccoli e carote

– Ho lavato e diviso in cime i broccoli e li ho lessati nel microonde e un pizzico di sale per 3 minuti.
– Lo stesso ho fatto con le carote. La proporzione fra carote e broccoli è a vostro piacere: io ho messo abbastanza carote dato che piacciono a tutti.
– Ho preparato una salsa bechamelle con una latte, acqua, farina integrale e un filo di olio per condire.
Mi spiego meglio: ho sciolto in un tegamino due cucchiai di farina integrale in un pochino di latte e l’ho messo sul fuoco.
Ho continuato ad aggiungere latte e acqua in parti uguali fino a che la bechamelle ha raggiunto la quantità che mi serviva.
Ho aggiunto un pizzico di sale e una bella spolverata di noce moscata fresca.
Ho fatto bollire dolcemente fino ad arrivare alla giusta consistenza e quando ho spento ho aggiunto una goccia di olio extra vergine di oliva e ho mescolato bene.
– Ho fatto cuocere in un filo di acqua in padella una grossa cipolla fresca e prima della fine della cottura ho aggiunto un filo d’olio e un pizzico di sale.
– Nella pirofila di vetro che ho scelto per lo sformato ho versato sul fondo un cucchiaio abbondante di bechamelle, ho messo i broccoli e le carote a piccoli pezzi e ci ho versato sopra le cipolle         che avevo cotto in precedenza.
– Ho messo ancora la bechamelle e h o coperto con abbondante pan grattato e una macinata di pepe. In forno per una 10 di minuti fino a che non si forma la crosta….

 

sformato di broccoli e carote

la lista della spesa per lo sformato di broccoli e carote

  • broccoli di cavolo nero freschi (io li ho comprati al mercatino a km 0)
  • carote possibilmente piccole
  • 1 grossa cipolla fresca
  • latte
  • acqua
  • sale pepe e noce moscata
  • olio extra vergine di oliva
  • pan grattato

Noi avevamo un pane fresco fatto in casa…… ve lo raccomando!
Allora, care le mie Governanti d’Italia, rimettetevi in corsa con un piattino così buono e salutare, rimettete a posto la bile e fate un bel respiro profondo: siete in diretta sulla vita!
Che dite visto le verdure assolutamente bio io la mando da Artù

 

 

Saluti a tutti!

* dicasi governante (secondo il dizionario della lingua italiana):
part. pres. di
governare ¨
agg. e
n.m. e
f. [pl.
-i] che, chi governa ¨
n.f. [pl.
-i] lavoratrice fissa, per lo più convivente, cui
è affidato il governo della casa.
io aggiungo: LAVORATRICE= RETRIBUZIONE…. o no?

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

25 commenti

  1. Salve, sono uno studente Erasmus, e come potete immaginare, non ho pirofile, ma solo la teglia. Posso cucinarlo lo stesso sulla carta da forno? Grazie!

    1. temo che ti scapperebbe tutto fuori tesoro: ma nemmeno una ciotola di ceramica profonda? o una vaschetta di quelle usa e getta d'alluminio? un tegame senza manici di plastica? via su, qualcosa inventati, giovani e belli e pieni di fantasia! un bacio e in bocca al lupo per tutto!

  2. Siamo noi che si sbaglia…. si dovrebbe lasciar perdere e fare solo quello che ci va SENZA NESSUN senso di colpa: che gli viene il senso di colpa a loro quando indossano magliette pulite e profumate? Nooooo, e allora non dovrebbe venire neanche a noi se la cesta dei panni sporchi esplode…..

  3. Detto chiaro e tondo… Ma che cacchio ti senti in colpa? Se li educhi (figli e marito…) ad essere responsabili e a non aspettarsi che gli altri facciano tutto per loro, credo che non possano che ringraziarti… Magari ora ti ci mandano a quel paese perché non hai provveduto a fare la lavatrice, a stirargli le magliette, a rimettergliele a posto nei cassetti con la cura che solo una mamma sa mettere in tutte queste piccole cose, ma da grandi il ditino dovranno essere capaci di toglierselo da soli… O no? E allora che imparino! Ieri pensavo che nonostante sabato e domenica sono i miei due giorni di riposo, io ieri sono andata a fare la spesa, ho pulito casa, ho cucinato… Ma cacchio, sabato e domenica sono i miei due giorni di riposo… E oggi non è mica finita! Devo passare all'Ipercoop a riprendere la roba lasciata in lavanderia, devo comprare l'acqua, devo farmi due piani di scale a piedi per portarla in casa… E quell'altro, con la scusa che a casa non c'è mai, e che fa un lavoro peso (è autista di pullman), che si desta alle 4 del mattino per andare a lavorare, c'ha scusato tutto… Anche di non aiutarmi un kaiser quando è a casa… L'è colpa di so' ma'! La un gl'ha mai nemmeno fatto rifare il letto quando era a casa! "Ho fatto la lavastoviglie e ho rimesso a posto i piatti puliti, poi ho buttato via il sudicio…" la risposta è "T'hai fatto il tuo! Che vuoi anche che ti dica BRAVO!!!" almeno il mi' fratello, che sta ancora coi miei, sparecchia e rigoverna… Bravo il mi' bambino!!! Abituali. Meglio tardi che mai!

    1. quando si hanno una casa da gestire, dei figli e un lavoro si ha sempre la sensazione di non aver tempo per far tutto e nascono i sensi di colpa quando si ritagliano 5 minuti per se stesse. NON DEVI assolutamente sentirti in colpa: questi 5 minuti ti servono per ricaricarti, per distrarti da tutti gli impegni, e per essere quella che sei. Ti consiglio un libro di Giacobbe " Come smettere di farsi seghe mentali e godersi la vita" , è piu serio di quello che dice il titolo, insegna a godersi la realtà nell'attimo in cui si sta vivendo.
      NON SMETTERE di seguire il blog: mi servono assolutamente le tue ricette! Stasera sformato d broccoli e carote…vado a comperare il latte!

  4. NON TI DEVI sentire in colpa cara Sandra!!
    Hai diritto anche tu a uno spazio, un qualcosa che ti ricarica, neppure le governanti lavorano 24 ore su 24. Ogni tanto una piccola rivoluzione ci vuole.. magari capiscono che non è tutto dovuto??
    Non ti scoraggiare, e sono curiosa di vedere le reazioni al trovare il cassetto delle calze vuoto 😉
    facci sapere!!
    Intanto, hai fatto bene a concederti questo squisito intermezzo che ha un'aria così gustosa!!!!

    1. Ci farò un post…. ma ieri sera, penso che la piccola adolescente abbia letto il post: sono arrivata a casa e c'era una stesa di bianchi e profumati panni lavati… LA FORZA DEL BLOG o si deve far perdonare qualcusa? oih oih oih

  5. ma grazie mille, mi è piaciuto molto il tuo post sulle governanti….hai espresso il sentimento che ci attanaglia spesso quando siamo giù….forza…..facciamo coraggio!!!!
    Ti aggiungo subito al mio elenco ricette!

  6. il senso di colpa….è insito nel dna femminile…non c'è verso…ce ne possiamo liberare finchè vuoi…ma lui è lì e ti picchietta sulla spalla….sempre! L'unica cosa è educarsi lentamente…un giorno 5 minuti poi aumenti a 10…e poi a 15…ti rendi conto …forse un giorno passerai un'intera giornata di cazzeggio senza sentirti in colpa…
    mentre i tuoi figli ti proporranno il naturismo…una scelta filosofica che per altro io apprezzo 🙂
    vabbèèèèèèè mi copio la ricetta e sto zitta 😉

  7. Uhhuhhhh mi rivedo io cara Sandra quando avevo ancora tutti e 5 i figli a casa! ugualeeee…persino lo sciopero della lavatrice, la ricerca dei calzini per la camera….lo svuotarsi dei cassetti in attesa che mi dicessero…. e ora noi come facciamo, io che prima e dopo il lavoro correvo di quà e di là a fare tutti i mestieri come una matta…..Ed ora se vai in casa loro, non c'è uno spillo fuori posto e si aiutano a vicenda, uno fà da mangiare e l'altra pulisce o viceversa…..allora penso che tutte le mie sfuriate, tutte le mie paternali forse a qualche cosa sono serviti…..e la cosa mi rincuora!
    Prenditi i tuoi tempi, fai un poco di stacco altrimenti ti fanno ammattire!
    Riguardo la ricettina, è favolosa, naturale e persino dietetica! grazie, bellissima idea, da fare al più presto!
    Ciao cara amica, buon fine settimana ::)))

  8. Brava Sandra, aspetta sulla riva del fiume!! I tuoi pargoli sono abbastanza grandicelli da fare da soli certe cose. Io devo aspettare ancora un po', ma ho già cominciato a inulcargli il germe del "metti a posto" (il mio erede fa 2 anni il mese prossimo…). Per ora mi da abbastanza retta, chissà se continuerà?!? Quanto al marito, si gestisce almeno le SUE lavatrici e se c'è bisogno cucina e spolvera….e che cavolo!!!! Ci vive o no in casa???
    Buon week end e continua a seguire il tuo blog senza sensi di colpa, anzi, vanne fiera!!!

  9. Ma lo faccio lo stesso, è terapeutico per me scrivere qui sopra….nonostante tutto…
    La parità non è molto in voga in Italia, speriamo per le generazioni future…. io ho provato con i miei figlie ma forse non sono stata tanto brava!
    Sai che ti dico: potremo fare un ritrovo di Governanti d'Italia ma ci vorrebbe il circo Massimo per contenerci tutte!!! Ciao ciao

  10. mi dispiace che ti senti in colpa a seguire il tuo blog! Ma con tutte le cose che hai da fare forse piu' che sensi di colpa e' solo una lotta contro il tempo la tua?
    Io sono per la parita' dei diritti, quindi se marito e moglie lavorano entrambi in teoria dovrebbero suddividersi i compiti in modo equo… ma di uomini cosi' purtroppo non ce ne sono molti … ciao da una governante full-time!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.