Una zuppa di cicerche e un consiglio per le non-pulizie di casa

gioia per le orecchie 
per gli occhi 





MONITO-CONSIGLIO PER TUTTE LE DONNE

Ricordatevi che uno strato di polvere protegge i mobili…
Una casa è più bella se si può scrivere “ti amo” sulla polvere sul mobilio.
Io lavoravo 8 ore ogni fine settimana per rendere tutto perfetto, “nel caso venisse qualcuno”.
Alla fine ho capito che “non veniva nessuno”, perché tutti vivevano la loro vita passandosela bene !!!
Ora, se viene qualcuno, non ho bisogno di spiegare in che condizione è
la casa: sono più interessati ad ascoltare le cose interessanti che ho
fatto per vivere la mia vita.
Caso mai non te ne fossi accorta… la vita è breve, goditela!
Fa’ pulizia, se è necessario…
Ma sarebbe meglio dipingere un quadro, scrivere una lettera, preparare
un dolce, seminare una pianta, oppure pensare alla differenza tra i
verbi “volere” e “dovere”.
Fa’ pulizia, se è necessario, ma il tempo è poco…
Ci sono tante spiagge e mari per nuotare, monti da scalare, fiumi da
navigare, una birretta da bere, musica da ascoltare, libri da leggere,
amici da amare e la vita da vivere.
Fa’ pulizia, se è necessario, ma…
C’è il mondo là fuori: il sole sulla faccia, il vento nei capelli, la
neve che cade, uno scroscio di pioggia… Questo giorno non torna
indietro…
Fa’ pulizia, se è necessario, ma…
Ricorda che la vecchiaia arriverà e non sarà più come adesso… E quando sarà il tuo turno, ti trasformerai in polvere.
Trasmettilo a tuttr le donne meravigliose della tua vita…
Io l’ho già fatto!
gentilmente copiato da: L’ingrediente segreto

Sia chiaro, non sprecate tempo a pulire, tutti ai fornelli e a godersi la vita!

Quando ho voglia di farmi qualche coccola in cucina io mi cuocio un legume: lo so, ma ve l’ho sempre detto che sono strana, e strana rimango. L’altra settimana mi sono regalata questa zuppa di cicerchie e verza. Cosa meglio di una coccola salata di un incrocio fra un lupino e un cece? Me le sono messe in bagno e me le sono mangiate così, semplicemente rifatte con un po’ di pomodoro e la cipolla e poi mi sono fatta anche una bella zuppa.

per 4 persone:
200 gr. di cicerchie lesse
1 cipolla bianca
1/2 cavolo verza 
olio extra vergine di oliva
sale e pepe
misto di alghe  di Bretagna  


Tenete presente che le cicerchie devono stare in bagno per almeno 24 ore in modo da cuocersi bene e più velocemente. La cicerchia, per chi non conoscesse il legume, è un incrocio fra un lupino e un cece, il sapore è molto vivace e rimane piuttosto croccante in cottura. Legume no povero, poverissimo, riscoperto da poco, molto usato nelle Marche ma anche nel basso Lazio, in Umbria e nel Molise, legume togli-fame per le popolazioni contadine: mi viene in mente la castagna per le nostre terre e i nostri contadini che sono sopravvissuti grazie a questo frutto. 
Dunque, torniamo a noi, mettete in bagno la cicerchia e lessatela in acqua appena salata. Con la pentola a pressione ci vogliono dai 20 ai 25 minuti dal primo fischio, in cottura normale almeno un paio di ore abbondanti.
Tagliate la cipolla a fette grossolane e fatela appassire nell’olio d’oliva. Aggiungete la verza tagliata a listarelle e lavata e fatele saltare con un po’ di sale e una macinata di alghe di Bretagna. Aggiungete metà delle cicerchie e coprite con acqua depurata. Lasciate cuocere per una mezzoretta e portate in tavola con un filo d’olio e una spolverata di pepe nere. Servite con quadretti di pane arrostito.
Come tutte le zuppe si mantiene benissimo nel frigorifero ed è ottima riscaldata. Volendo essere ancora più bravi si potrebbe passare una parte delle cicerchie in modo da ottenere una crema che renderebbe il tutto più soffice e invitante…. fate voi!
Vi potrebbe interessare anche una crema? leggete  QUI 

con questa zuppa partecipa al centest di Sale e coccole

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

41 commenti

  1. Te l'ho copiata spudoratamente Sandra!E' un monito bellissimo per tutte le donne e penso in primis alla mia mamma…tante volte le ho chiesto "Mamma pulisci pulisci pulisci…ma quando hai il tempo per leggere un libro?Per guardare un film?Per avere tempo per te?" Non mi ha mai ascoltata…spero che non si svegli un giorni piena di rimorsi!
    Siamo strane in 2 mi sà…però per me il cibo coccola in assoluto è la zuppa di miso bollente…mentre la pappo sento il corpo che mi ringrazia!Ciao Sandra!

    1. Brava tesoro mio, copia e trasmetti a tutti!!!! più donne leggono e più donne forse si prenderanno un po' di ore per sè e se stanno bene loro starà bene anche chi le ama!
      baci alla strana!!!

  2. condivido per intero la citazione, non sono mai stata una maniaca delle pulizie, le faccio quando è necessario e preferisco impiegare il mio tempo in altre faccende, come la cucina o il blog, che di tempo ne richiee!
    a presto e buona domenica!

  3. Avevo già letto un poema simile ma questo tuo è decisamente completo 🙂 bellissimo che vien voglia di copiarlo anche a me..
    Le cicerchie.. mi fanno pensare a un film italiano ma forse quella era la Ciociara.. qui mai viste.. se una volta capito oltre confine le devo cercare!! I ceci e le verze li adoro e magari la zuppa "funziona" lo stesso??
    Grazie per la tua visita e i tuoi complimenti, sei troppo buona. 🙂
    Una buona e felice Domenica, se vuoi ti mando un po di neve che qui sta fioccando e ce ne sarà anche per domani!
    carissimi saluti
    Dany

    1. cerrrrrto che funziona con ceci e verza, già sperimentata! e per le foto non è che io sono troppo buona è che tu sei decisamente brava!
      buona settimana che viene!

  4. Hai davvero ragione, pulire tutto il giorno non serve a nulla:) Ti capisco perchè mio papà è un maniaco della pulizia:( Tesoro, grazie per la ricetta e passa da me se ti va, c'è un primo assolutamente divertente e porta fortuna.. ti ho incuriosito?:) buon weekend;)

  5. ciao sandra. fantastica zuppa e il tuo consiglio di non diventare schiava della casa lo devo applicare un pò… scusa se non ho più risposto ai tuoi commenti che lasci sul mio blog. è un momento in cui sono molto, molto frastornata. tutte le nostre certezze economiche sono evaporate da un giorno all'altro. devo ancora capire che fare, come affrontare.
    grazie per le belle cose che mi scrivi, mi fanno molto piacere.
    ti abbraccio
    maggie

    1. questo mi dispiace Maggie, mi dispiace che le tue certezze economiche siano evaporate così…. ne so qualcosa, il mio compagno adesso è in mobilità…… non arrenderti topino, non mollare e vedrai che tutto va a posto, con tenacia e lavoro tutto va a posto…. mia nonna diceva: i soldi sono come le unghie, rimettono….
      non arrabbiarti cara, davvero, cerca di stare serena con le tue creature che loro sono la cosa più importante comunque….
      un abbraccio enorme

  6. Sandra ma quanto è vero!
    Godiamocela! se mi guardo intorno la casa è un disastro, i giochi sono ovunque, i libri anche (e mica solo quelli dei bimbi!), il cartone con cui ho portato a casa la spesa è stato trasformato in astronave ed è stato piazzato al centro del soggiorno (guai a toccarlo!), però va tutto bene, abbiamo passato la serata a fare gli astronauti, domani andremo in montagna e le pulizie … ma si prima o poi, quando capita…
    buon we!!!
    alice

    ps buone le cicerchie, io non le ho mai cucinate, lo ammetto, ma me le faceva sempre la mia nonna!

    1. Alice, vengo anch'io sull'astronave! Mi ricordo quando giocavo a guerre stellari con i miei figli! adesso non mi fanno più giocare…. dicono che sono troppo vecchia per loro! le pulizie poi, poi, poi!!!
      baci e buona vita!

  7. Ma sai che il polverone che c'e` in soggiorno mi sta perfino simpatico stasera…..le lavatrici mi tocchera` farle comunque questo finesettimana…..
    le cicerchie mi mancano…non mi sono mai passate sottomano.
    Ciao francesca

    1. le lavatrici… quelle minimo una al giorno, inestimabile elettrodomestico!
      se ti capitano sottomano provale, sono davvero un incrocio di sapori e consistenze da assaggiare!
      baci

  8. Parole sagge le tue. In effetti è meglio ddicare il proprio tempo in maniera diversa. Il problema è che quando io mi rilasso nel senso che rallento con le faccende domestiche, gli altri ne approfittano e tutto è in disordine. Mi incuriosisce la tua zuppa, non conosco le cicerche, ma ha un ottimo aspetto. Bravissima.

    pastaenonsolo.blogspot.it

  9. Io sui miei vetri potrei dipingere il più lungo poema amoroso che sia mai stato scritto, quanto ad opacità dei vetri sono una campionessa assoluta!

    Che idea romantica, consolatoria e figa!!!!

    Un saluto ligure

    Fabiana

    1. i vetri si devono pulire? pensa, noi non abbiamo nemmeno le imposte, solo le finestre e il vetro direttamente esposto…. ho 13 finestre e 3 porte a vetro…. davvero quelle non mi preoccupano, ho lasciato perdere da tempo, da quando ho capito che in campagna non si puo' avere tutto perfetto…… con 1 cane e 5 gatti che entrano e escono poi!
      baci Fabiana!

  10. Proprio ora scrivi questo post?????ora che sono condannata a toglierla ogni giorno???? Abbiamo scoperto un allergico agli acari in famiglia…di una cosa sono contenta però..ho tolto di mezzo tutto tutto tutto ho lasciato l'indispensabile..voglio spolverare facile!!! Mai assaggiate le cicerchie, provvederò. La musica di sottofondo poi mi ha fatto ritornare a qualche annetto fa..insomma che dire..post coinvolgente!

    1. Oi, mi dispiace Ida!| ma come dici tu lasciare solo l'indispensabile…. io ho file di cianfrusaglie di tutti i tipi e di tutte le dimensioni brillanti di polvere a bellavista…… i Verve…. bella eh?!
      baci

  11. bellissimo il tuo post Sandrina,prima ero cosi,subito tornata dal lavoro a pulire la casa …e se sale qualcuno???
    ora invece la musica è cambiata,prima penso a cucinare,poi a me stessa e dopo alle pulizie….la gente che sale a casa mia sale per me non per vedere quanto è pulita la casa…
    adoro le cicerche e questa tua ricettina e nu' babà….baciottoni:)

    1. nu' babà sei tu Tina, e non posso credere che chi viene a trovarti possa salire a controllare la casa con una dolcezza come te! baci!!!

  12. La zuppa di cicerchie che bello! Mi tengo questa ricetta e la passo a mio babbo che ha ricevuto questo legume da me come regalo di Natale. Vedi non sei l'unica ad essere strana 🙂
    Quello che dici sul tempo e su come passarlo…beh…sono perfettamente daccordo sai, soprattutto perchè con i ritmi frenetici a cui siamo perennemente sottoposti, dobbiamo in qualche modo ribellarci. Per cui: pulizie indispensabili e alla polvere ci pensiamo domani!
    Abbracci!

  13. oh Sandrina ho trvato questi versi girovagando che mi sembravano su miura per te

    Interno 7

    ora, che hai ricominciato a fare il pane
    arrivano i bambini tutti insieme,
    la fragranza ha dilatato i muri e divelto le porte,

    le forme riposano un poco sopra
    il tavolo caldo, le tue mani affondate
    nel lievito vivo sono bianche per sempre

    Lucetta Frisa

  14. Ottima la ricetta (anch'io amo "coccolarmi" con le zuppe… e un buon bicchiere di rosso…), ma soprattutto il consiglio iniziale! In effetti sono tutti suggerimenti che da giovane donna single ho fatto miei già da un po' di anni 🙂
    Buon fine settimana Sandra, un abbraccio!

    1. ibrava, bravissima e basta con queste uccisioni di milioni di acari innocenti! basta con le stragi!!!
      buon fine settimana cara!

  15. Ma quanto ti adoro, dimmelo… 🙂 Non sai come mi è piaciuto il tuo post di oggi. E' proprio vero.. tante volte anche io mi lascio prendere dal fare le cose con l'idea che qualcuno possa arrivare e trovare la casa in disordine.. eppure credo che l'unica polvere che necessita d'essere tolta è quella dalla vita in 'schiavitù' degli eventi. Porterò queste parole con me e.. anche la tua ricetta, perchè è la fine del mondo, Sandrina 🙂 TVTB

  16. Guarda Sandra, se proprio insisti smetterò di fare anche quelle poche pulizie che faccio 😉
    Adoro le cicerchie, rognosette quanto a tempi di cottura ma così buone, così antiche, così sagge…..mi piace questa ricetta, la terrò presente!
    Un bacio, buon we!

  17. lo sai che non ho mai assaggiato la cicerchia? vorrei provarla però, ti ringrazio della ricetta! belle queste strofe che hai pubblicato, se non ti dispiace le vorrei pubblicare anche nel mio blog, posso??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.