Croissants sfogliati francesi – French croissants

Croissants sfogliati francesi - french croissants

ovvero la storia vera di una settimana di passione

sono fissata, lo so, una fissazione non da poco, una cosa impegnativa, una cosa preoccupante: i croissants sfogliati francesi, i french croissants, sono la mia fissazione.

Croissants sfogliati francesi - french croissants

sono fissata con i croissants, con le brioches e con la pasta sfoglia in generale: come non esserlo? guardate questa foto sopra e ditemi che non vi appassiona, su, ditemelo se avete coraggio!

ma non mi accontento di comprare la pasta sfoglia, eh si, grazie mille, troppo facile: vuoi non stare un giorno e una notte a fare la pasta sfoglia, con tutte le attenzioni e tutti gli ingredienti pregiati e pesati al grammo?

e allora comincio a pensare una settimana prima, prendo le misure dei tempi, cerco millantamila ricette on line, sui blog, parto dalle amiche e poi arrivo dappertutto, ricette sconosciute, a sentimento: la famosa settimana di passione!

questa volta però sapevo già dove andova a parare, la ricetta l’avevo adocchiata diversi mesi fa: letta e riletta e si, lunga, non difficile ma lunga e, soprattutto, spiegata benissimo con tanto di video fase per fase. ma la cosa assolutamente meravigliosa e irresistibile erano le foto: IO VOLEVO FARE QUEI CROISSANTS, CON QUELLE ALVEOLATURE INTERENE, CON QUEI COLORI. quindi i French Croissants di Gourmétier sono stati replicati nello scorso fine settimana. la ricetta è perfetta, spiegata nei minimi particolari, con un amore e un attenzione che si sentono, forano il video: grazie!

quindi, preparatevi mentalmente e provate l’ebbrezza di una brioche che fa scronch quando la mordi, che si perde in una nuvola leggerissima e profumata di burro, una brioche che dura un soffio, troppo poco ma si puo’ fare il bis….

Croissants sfogliati francesi - french croissants

Musica consigliata per l’impasto: The Avener, FADE OUT LINES

Continue Reading

Crostata decorata con frolla Milano, marmellata di limoni e crema pasticcera

ovvero la “crostata fiorita”

Crostata decorata con frolla Milano, marmellata di limoni e crema pasticcera

4 Non Blondes – What’s Up

Musica per la preparazione: da ascoltare a volume altissimo e con gli auricolari

questa crostata decorata con frolla Milano, marmellata di limoni e crema pasticcera è nata in quarantena.

sissignori, durante un dei giorni più uggiosi, uno dei pochi giorni in cui non c’era il sole e stare a casa diventava ancora più uggioso.

mi decido solo adesso a pubblicare, ho avuto il blocco dello scrittore, non riuscivo più nemmeno ad aprire il blog.

sarà che ci siamo stati talmente tanto negli ultimi due mesi che mi sembrava di sprecare tempo, mi sono data alla “bella vita” (rispettando le regole rigorosamente: distanza sociale e mascherina) e sono uscita spesso e volentieri e quindi non ho avuto tempo/voglia di scrivere.

ma le foto erano pronte, la crostata era già finita da un pezzo e vi volevo raccontare del perchè come sotto titolo ho usata “crostata fiorita”: mentre sistemavo le foto chattavo con la mia amica foodblogger Elisabetta, ovvero il mio guru in fatto di dolci e da cui ho attinto per la frolla Milano, e nel parlare chiedevo come potevo intitolare il post.

Le mi ha semplicemente risposto: crostata fiorita come te, togli il come te e il titolo è perfetto…. perchè si sa ormai da tempo immemorabile che io sono fiorita come zucchine 😂

e così sono a scrivere questa ricetta mentre sto cuocendo il pane e il profumo che esce dal forno mi fa venire l’acquolina in bocca…. ma questo è un altro discorso.

Crostata decorata con frolla Milano, marmellata di limoni e crema pasticcera
Continue Reading

Sombreri di pasta fresca al sugo di colombacci

Sombreri di pasta fresca al sugo di colombacci

vi piace fare la pasta in casa? io mi diverto e muovere le mani mi tiene impegnata anche la testa e penso un pochino meno. e questi sombreri di pasta fresca al sugo di colombaccio hanno assolto il compito di impegnare la testa, oltre che le mani, perché come sempre, il mio problema è quello di pensare troppo, di andare sempre oltre. invece ogni tanto bisogna essere anche leggeri, come diceva il grande Italo Calvino, che leggerezza non vuol dire superficialità ma stare a vedere quello che succede con il cuore leggero. e di questi tempi un po’ di cuore leggero aiuterebbe, in questo incerto futuro, in questo momento di cambiamento forzato. dicono che i cambiamenti sono sempre positivi, io vorrei sperarlo, sinceramente lo vorrei ma spesso mi viene da essere negativa.

eppure…. siamo risorti da due guerre mondiali nel secolo scorso, forse ce la possiamo fare anche con il COVID 19.

ma veniamo a noi, veniamo ai sombreri di pasta fresca al sugo di colombacci, cosa vi occorre?

in realtà molto poco: la voglia, la semola o una farina preferibilmente di grano duro, un po’ di acqua, una macchinetta per la pasta ( possibilmente come la mia che ha il motore) e un po’ di pazienza. sarete ricompensati dal risultato, ve lo assicuro!

Sombreri di pasta fresca al sugo di colombacci
Continue Reading