Biscotti casalinghi al vino bianco

Firework, Katy Perry

questi erano i biscotti di mia mamma.

semplici, tranquilli, senza fronzoli e senza estetismi forzati.

ma buoni

buoni oltre misura.

di quelli che ti metti a guardare la televisione sulla poltrona, infilata in un vecchio plaid di lana, con il calore del fuoco nel caminetto accanto a te, lo scoppiettio della legna, il profumo di fuoco e i biscottini accanto a te sul tavolino.

di quelli che fanno casa, fanno comfort zone, di quelli che ti senti al sicuro anche se in realtà sei in mezzo a una bufera.

di quelli che appena ne prendi un morso tutta la tempesta svanisce, tutti i rumori si attutiscono, tutte le brutture spariscono.

per pochi secondi, solo per pochi secondi mentre il profumo ti arriva al cervello, mentre i denti mordono la crosta croccante e trovano l’interno morbido. per pochi secondi tutto diventa sfuocato e senti solo “casa”

perchè la casa uno se la porta dentro, quell’infinito incondizionato amore, quello che non puoi fare a meno di sentire, quello che ti ha cullato per tutta la tua vita.

e fuori ci puo’ essere il mondo più cattivo che vuoi, tu, a casa tua, dentro di te stai bene.

stai bene come un biscottino al vino fatto dalla mamma.

la ricetta è vecchia, una di quelle trovate arrotolate e legate con un fiocco rosso del ciambellone, di quelle scritte sulla carta profumata e impataccata di zucchero a velo e di nostalgia.

sotto trovate la ricetta originale della Mara, quella scritta di suo pugno ma approssimativa, il famoso “a occhio” o il “mezza tazza” (quale tazza? ) o “una punta” di lievito… una punta? una punta di che cosa….

ho provato varie volte, adesso ci sono quasi.

ma non saranno mai buoni come i suoi, nei suoi c’è l’ingrediente speciale: il ricordo di una cosa bella.

Continue Reading

Piadine veloci all’olio extravergine di oliva IGP Toscano

senza lievito

Piadine olio extravergine di oliva

We Got Arrested, Cem Pilevneli

Ricomincio da qua, dal pane e dai suoi derivati.

perchè come ho detto, dico e sempre dirò A ME IMPASTARE RIMETTE IN PACE CON IL MONDO.

come se mentre le mie mani si muovono intorno alla farina e al lievito tutto si riallineasse, tutto si rimettesse in fila e mi apparisse sotto una luce diversa.

mentre impasto i miei pensieri si riordinano, si allineano e si aprono a ventaglio, danzano nella mia testa trovando la giusta dimensione, come tutte le mie “io” si riunissero in cerchio e mettessero a fuoco il problema e trovassero il bello comunque, trovassero il giusto verso, trovassero il dono anche nella difficioltà.

capire, sentire, accettare, produrre energia, affidarsi, risolvere.

a volte basta guardare le cose da una prospettiva diversa, sedersi e respirare e rimanere due minuti a fare da spettatore della tua vita in quel momento, consapevole che è la tua e che comunque non ti arrenderai, che comunque il tuo guerriero interiore ti guarderà in faccia e risponderà al tuo “non ce la posso fare” con una sonora e amorosa risata, di quelle gorgoglianti e profonde e a voce alta di dirà: “mai, noi non ci arrenderemo mai, e tu lo sai”

e così, di nuovo, ancora e ancora io mi rialzo, mi tiro su e sorrido alla vita e impasto come se non ci fosse un domani.

queste piadine leggere sono nate così, dal bisogno di impastare, anche senza lievito ma il bisogno di impastare!

Piadine olio extravergine di oliva
Continue Reading

Polpettine di carne con cavolo cappuccio saltato

crema alla panna acida e olio Toscano IGP

Polpettine di carne con cavolo cappuccio

Era, Ameno

per essere precisi è esattamente un mese che non pubblico un articolo sul blog.

credo che non fosse mai successo in tutta la vita di questo piccolo blog, questo mondo a parte.

non lo so perchè, ma è tempo di rimediare.

un po’ per fatica, un po’ per Agosto e le ferie di mezzo, un po’ perchè …..

mi sono perfino dimenticata il decimo compleanno nei primi giorni di Settembre!

in mezzo c’è stata anche la lunga malattia e la fine ingloriosa del mio precedente personal computer.

e l’acquisto del nuovo è stato difficile.

tanti i fattori, uno su tutti il fattore economico.

ma non vi voglio intristire con le mie vicissitudini, meglio cambiare discorso.

la ricettina è semplice ma goduriosa, cominciamo con l’Autunno e polpettizziamo che è sempre un modo stupendo di pranzare.

Continue Reading