Ciambellone vaniglia e cacao

ovvero il ciambellone della Mara

Ciambellone vaniglia e cacao

In the morning, The Coral

musica consigliata per l’impasto

una Domenica esosa, con poca luce, di quelle che vanno e vengono, il sole che fa capolino fra le nuvole.

dato che siamo in zona rossa e non si puo’ uscire (chissà come ricorderemo questo periodo fra qualche anno) mi sono messa a cercare un canovaccio ricamato che ricordavo essere stato in casa da sempre e che mi sarebbe stato utile per le fotografie. cercare nelle scatole “dimenticate” è come scavare nel cuore: si trovano ricordi, pezzettini di te che appartengono a un’altra era, foto scolorite, sorrisi con gli occhi, affetti antichi.

ed è così che rovistando in una vecchia cassapanca piena di ricordi ho visto spuntare un rotolo di carte, ingiallite e sbertucciate, avvolte da un nastro rosso di raso con un bel fiocco.

curiosa lo sono per natura figurarsi se non guardavo cosa erano quei foglietti arrotolati e consumati dal tempo.

e mentre li srotolavo mi si stringeva il cuore e mi si riempivano gli occhi di nostalgia.

ricette, ricette scritte a mano, macchiate di farina e di burro, quasi profumavano ancora di zucchero a velo. le ricette di mia mamma.

fra quei fogli, fra tante ricette quasi tutte di dolci, ho trovato sei ricette diverse di ciambellone, il semplice e normale ciambellone della mamma, sei ricette diverse ma simili, quella con lo yougurt o quella con il latte o quella senza burro…..


la prendevamo sempre in giro io e mio fratello, la Mara, perchè, nonostante disseminasse ricette scritte su supporti di fortuna, non le seguiva mai, usava quello che trovava in frigorifero e non pesava mai niente e di conseguenza il ciambellone non era mai lo stesso.

li chiamavamo i “bancali” perchè erano buoni, profumatissimi e saporiti ma non proprio soffici ecco.
la mattina a colazione però, intuffati nel latte erano meravigliosi.


e come era bello quando alzavo il telefono e sentivo la sua voce divertita che mi strillava:
Sandra, ho fatto un bancale, vieni a prenderne un pezzo!”

Ciambellone vaniglia e cacao
Continue Reading

Mini moussecake ai petali di tartufo e lampone

Mini moussecake  ai petali di tartufo e lampone

Walkin’ on the sun, Smash Mouth

si potrebbe fare un post muto, solo con le foto e la ricetta, i prodotti di Stefania parlano da soli, sempre.

dopo varie diatribe casalinghe per la scelta e la realizzazione di una ricetta con i PETALI DI TARTUFO AL LAMPONE di Stefania Calugi è “uscita” questa mini moussecake, in realtà di semplice realizzazione ma molto scenica.

e fare una ricetta dolce con il tartufo non è facile o scontato, bisogna prima di tutto avere l’ingrediente principe, IL TARTUFO, di prima scelta.

conosco Stefania personalmente da quattro anni, o forse di più, e oltre ad essere una bella persona è una professionista seria e affidabile nel suo lavoro. tutti i suoi prodotti, e io ho avuto il piacere di assaggiarne diversi, sono di prima scelta, di prima qualità: mi vengono in mente la giardiniera, le zucchine sott’olio, i carciofini, le marmellate al profumo di tartufo, il burro al tartufo e potrei andare avanti per molto ancora.

potete andare a curiosare sul nuovo sito di Stefania Calugi e scegliere quello che più vi si addice, tartufi e non solo.

io poi con loro mi diverto perchè mi lasciano carta bianca, posso spaziare in qualsiasi campo, in qualsiasi direzione e inventarmi ricette come questa della mini moussecake ai petali di tartufo e lampone.

e questo pratico macinino è una meraviglia per qualsiasi ricetta: pensate, un semplice uovo al tegamino insaporito con una bella grattugiata di petali di tartufo? un pranzo da regine!

Calugi Stefania - petali di tartufo
Continue Reading

Bundt cake all’arancia

Bundt cake all'arancia

sono tempi bui, sarà per questo che mi sono buttata a capofitto nei dolci? sarà per quello che dopo una lunga ed accura ricerca ho scelto questa Bundt cake all’arancia, ricetta del tipico dolce da colazione inglese?

non ho mai fatto tanti dolci come nell’ultimo mese, dolci difficili poi, io che ho sempre detto di non amare la pasticceria perchè non posso andare a naso ma si devono pesare tutti gli ingredienti maniacalmente, io che mi butto nelle ricette e inserisco gli ingredienti “a sentimento” mi ritrovo a pesare tutto, a preparare tutto perbenino in modo da avere tutti gli ingredienti pronti sul tavolo, la planetaria, gli stampi…… sarà che invecchio? sarà il periodo covid? sarà che mi sono rammollita e il mio cervello gira sempre intorno alle solite ricette per non sperimentare? comunque…. mi faccio quasi paura da sola!

comunque, comunque una ricerca seria per questo dolce l’ho fatta, ho cercato la ricetta su un vecchio libro e l’ho valutata attentamente confrontandola con quelle che si trovano online e ho deciso che si, si poteva fare.

ed era una torta importante, era per festeggiare i 18 anni di mio nipote, ci voleva una torta importante, ci voleva la Bundt cake all’arancia …… 18 anni, certo che il tempo vola!

quindi, accendete la musica, vi consiglio I lived, OneRepublic,

e preparate la bilancia con tutti gli ingredienti!

Bundt cake all'arancia
Continue Reading