Regalarsi emozioni sensoriali e frollini con esubero di pasta madre

 

charme-1-dsc_8586

MUSICA per L’ASCOLTO

 

sono restia ad accettare regali. come se non li meritassi, come se non ne fossi degna. così mi dicono. ma loro  continuano a farmeli, loro due, splendide creature, fino a che imparerò che si, me li merito, me li posso godere.  lasciamo fare la parentela, siamo cugini io e lui e lei è diventata cugina di conseguenza avendolo sposato, devo imparare ad accettare le coccole, le carezze, i pensieri positivi, l’amore. e loro ci provano con tutte le loro forze. il vero regalo sono loro in realtà non solo le loro coccole.

ieri sera, dopo insistenti richiami e minacce  mi sono fatta regalare un po’ di tempo tutto dedicato a me per un massaggio terapeutico. mi sono fatta regalare un’esperienza. perchè la Chiara, nel suo centro estetico, ti fa ritrovare un pezzo di te.
Lei non fa  SOLO un massaggio,  lei fa viaggiare attraverso l’infito del tuo essere, con la  pulizia del viso con oli essenziali e argille, campane tibetane, gong, vibrazioni, massaggi ed essenze.

come si fa a raccontare un’emozione? potete solo regalarvela e regalarla a chi volete bene.

 

charme-dsc_0334

 

e siccome ho un foodblog, passando dal sacro al profano, sia mai che non si possa abbinare una ricetta a un’esperienza, una coccola per il palato insomma.

 

frollini pasta madre DSC_2293

frollini al burro danese con esubero di pasta madre

questi frollini sono venuti fuori per sbaglio: avevo voglia di biscotti e dovevo rinfrescare la pasta madre.    ora, sappiamo tutti che noi panificatori seriali la pasta madre del rinfresco NON LA POSSIAMO buttare via: orrore, tragedia, abominio buttare via la pasta madre. ma non avendo voglia di panificare (ultimamente sono così, un po’ annebbiata per davvero) e avendo, come detto sopra voglia di teneri frollini, di quelli veri, quelli al burro, quelli avvolgenti, croccanti, zuccherosi…. ho provato. perchè no mi sono detta?

frollini pasta madre DSC_2294

ingredienti

80 g. di pasta madre rinfrescata
100 g. di farina di amaranto Molino Rossetto
100 g. di farina tipo 0
200 g. di burro danese
70 g. zucchero di canna fine
zucchero di canna in granelli
1 dado di cioccolato amaro

 

frollini pasta madre DSC_2297

 

setacciare le farine con lo zucchero, sminuzzare la pasta madre e il burro e impastare, prima sbriciolando e poi formando un impasto compatto e omogeneo.
lasciar riposare almeno trenta minuti in frigorifero.
stendere la pasta con il mattarello fino ad ottenere uno spessore di circa mezzo centimentro. tagliare i frollini della forma desiderata. io ho usato lo stampo quadrato e rotondo dei ravioli ma qualsiasi oggetto o forma è usabile basta lasciar andare la fantasia.
cuocere i biscotti su carta forno spolverando con lo zucchero di canna e scagliette di cioccolato: 13 minuti a 180°C o fino a doratura.

 

di diverso dai normali frollini

hanno la consistenza: sono croccanti ma friabili, quasi come fossero ricciarelli. soffici e croccanti. ottimo modo per utilizzare un esubero.

frollini pasta madre DSC_2288

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

7 commenti

  1. Una coccola fa sempre bene in qualsiasi forma arrivi, sia essa sotto forma di massaggio che di biscotto. Questa potrebbe essere stata un’opportunità per te di ritrovare gusto nel lasciarti viziare, per noi che ti leggiamo invece nel gusto di questi bellissimi frollini. Un saluto

  2. Ogni tanto staccare la spina e credere alle parole di chi dice quanto siamo speciali e meritiamo il meglio (coccole comprese) fa bene e dovremmo farlo più spesso, fin quando non ci convinceremo che è davvero così. Dei danesi al burro con l’esubero di lievito madre non li avevo neanche mai immaginati. Li farò al più presto 🙂 Mi sa che cambierò solo la farina di amaranto, perché in casa non ne ho 🙂

  3. Ecco, il prossimo esubero ci provo!! Di solito ci faccio pane o grissini … certo non la butto di sicuro! Ahh che carini i tuoi cugini dai. E accettali i regali che te li meriti!! Ti mando un abbraccione

  4. hihihi, capisco bene cosa significa trovare ogni tipo di escamotage x non buttare il lievito 😛 i biscotti che hai ideato devono essere una coccola senza pari 🙂 esattamente come quel bel massaggio…da quanto tempo non me ne regalo uno..
    Buon we Sandrina <3

  5. Ecco, io con gli esuberi faccio sempre le piadine, ma mi piace da matti l’ idea di farci i biscotti!! Tu la usi rinfrescata, come mai? E’ solo per ammorbidirne il sapore?
    Buona serata!!

    1. Silvia, l’ho rinfrescata tutta e non avendo voglia di fare il pane ci ho fatto questi biscotti. è stata una cosa estemporanea, un colpo di testa… ha ah aha!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.