Spaghetti alla chitarra con crema di indivia all’olio Toscano IGP, uvetta sultanina e frutta secca

spaghetti alla chittaria con crema di invidia
In una pentola cuocete in acqua e sale cuocete per tre minuti gli spaghetti e saltateli velocemente metà della crema e guarnite il piatto con la restante.

gli spaghetti alla chitarra con crema di indivia all’olio Toscano IGP, uvetta sultanina e frutta secca: il titolo è lungo ma la ricetta tutto sommato è facile.

la parte più lunga è quella della pasta fresca ma io sto cercando di convincervi che in fondo per fare la pasta non vi ci vorrà più di mezz’ora di tempo e il risultato (scusatemi se insisto) è tutto una meraviglia se paragonata alla pasta secca…. comunque, voi non dovete credermi sulla parola, come sempre, dovete semplicemente provare!

la ricetta è una ricetta di riciclo, di recupero, per non buttare via niente insomma, una di quelle che mi piacciono.

cosa fate voi con le foglie esterna della invidia o dell’insalata in generale? io di solito ci faccio qualcosa tipo “pesto” tipo questo di foglie di ravanelli o questo di rape

odio gli sprechi, odio buttare e sciupare per una questione di rispetto, rispetto per chi non ha da mangiare, semplicemente questo.

Spaghetti alla chitarra con crema di indivia all’olio Toscano IGP, uvetta sultanina e frutta secca

In una pentola cuocete in acqua e sale cuocete per tre minuti gli spaghetti e saltateli velocemente metà della crema e guarnite il piatto con la restante.

trovate questa ricetta anche sul sito del Consorzio dell’Olio extra vergine IGP Toscano

Print Recipe
Spaghetti alla chitarra con crema di indivia all'olio Toscano IGP, uvetta sultanina e frutta secca
Piatto Pasta fresca
Cucina Italian
Tempo di preparazione 60 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 30 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
per gli spaghetti alla chitarra
Piatto Pasta fresca
Cucina Italian
Tempo di preparazione 60 minuti
Tempo di cottura 10 minuti
Tempo Passivo 30 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
per gli spaghetti alla chitarra
Istruzioni
  1. In una ciotola versate la semola di grano duro e cominciate ad impastare con le due uova, il pizzico di sale, l’olio evo. Cominciate ad aggiungere l’acqua nell’impasto, piano piano, fino ad ottenere la consistenza desiderata. L’impasto deve essere liscio ma bello compatto. Avvolgete la pasta in pellicola trasparente e lasciate riposare in frigorifero almeno 30 minuti.
  2. Una volta che l’impasto sarà freddo e riposato dividetelo in quattro parti, stendetelo in modo che formi un rettangolo alto mezzo centimetro e passatelo sulle corde della chitarra infarinandolo bene con la semola e lasciate gli spaghetti ottenuti in attesa sulla spianatoia infarinata.
  3. Intanto cominciate a preparare la crema: pulite la parte esterna dell’insalata lasciando la parte più tenera e bianca per altri usi. Portate a bollore un pentolino di acqua e scottate l’insalata: dopo un minuto togliere le foglie più verdi e lasciarle raffreddare in acqua e ghiaccio (per mantenerne il colore brillante) e scolare le altre.
  4. In una padella mettete un filo di olio evo e cominciate a saltare l’insalata lessata con dell’uvetta, le mandorle (che avrete tritato grossolanamente), i capperi, il filetto di acciuga e le foglie di basilico. Aggiustate di sale e pepe e saltate per pochi minuti. Frullate tutte le foglie di invidia e metà della frutta secca in modo da ottenere una crema liscia e setosa aggiungendo un pochino di olio a filo in modo che icorpori aria per diventare spumosa. Aggiungete la frutta secca restante alla crema ottenuta.
  5. In una pentola cuocete in acqua e sale cuocete per tre minuti gli spaghetti e saltateli velocemente metà della crema e guarnite il piatto con la restante.
In una pentola cuocete in acqua e sale cuocete per tre minuti gli spaghetti e saltateli velocemente metà della crema e guarnite il piatto con la restante.
Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.