Nel mezzo della notte con la pasta matta e i fichi ….

Musica, Maestro!

Si, ci risiamo. Sono le 4.01 ed è già un’ora che sono in giro per la casa.
Nel mezzo della notte io  mi sono fatta una tisana calda, me la sono sorseggiata sul divano con la luce bassa ma niente.
Non mi si abbassanno neanche le palpebre, ho due occhi spalancati che sembro un gufo.
Mi sono svegliata e mi sono accorta subito che non sarebbe stato facile riprendere sonno.
Ho fatto due passi nel letto e poi ho deciso che forse era meglio alzarsi per non svegliare lui.
E allora queste ore di sonno perduto me le voglio proprio sfruttare e godere al massimo.
Non mi lascerò prendere dal nervo per l’insonnia e sfrutterò la situazione.
Stanotte ho deciso di scrivervi delle costrate di pasta matta. La pasta matta dell’Artusi si è rivelata un portento. E’ ottima come contenitore, è ottima come base per crostate. Di una facilità impressionante, basta impastare acqua e farina, è bellissima per tutte le lavorazioni.
Questa volta ho adoperato gli ultimi fichi neri nel mio albero. Povero, quest’anno ha stentato anche lui con la siccità!

gli ingredienti

farina tipo 0
acqua deminaralizzata
marmellata di fichi
fichi maturi 
zucchero di canna
Preparate la pasta impastando acqua e farina. Il bello di questa pasta è che non ha bisogno neanche di riposo.  Con dell’olio extra vergine di oliva (o del burro se preferite) spennellate degli stampini di crostata piccoli e adagiateci dentro un disco di pasta matta alto un po’ meno di 12 cm. in modo che possiate fare le pieghe. Mettete una base di marmellata di fichi sul fondo della crostatina e poi aggiungete un fico intero tagliato in quattro o a fette. Cospargete con un po’ di zucchero di canna e se volete anche con un pizzico di cannella.
Con il pennello sporco di olio pennellate i bordi della pasta matta in eccesso che avrete ripiegato in pieghette per renderli aggraziati.

Mettete in forno per una quindicina di minuti a 180°. Appena la pasta si colora è cotta, attenti a non farla diventare troppo “croccante”.
Io ne ho fatte anche qualcuno semplicemente con la marmellata di pesche e il risultato è stato eccellente.
Certo che Pellegrino ne conosceva di trucchi in cucina!

Ora metto la programmazione al post e vedo di andarmene 5 minuti a dormire…. forse ce la faccio.
Per la cronaca sono le ore 5.07 di giovedì 4 ottrobre e tutto va bene
Buonanotte, buongiorno… fate voi fiorellini!
Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

36 commenti

  1. L'insonnia ancora non ti abbandona, mi dispiace. Fortuna che tu non ti perdi d'animo e ti dai da fare. Le tue crostatine sono meravigliose esteticamente e sicuramente anche il loro sapore è meraviglioso. Un abbraccio.

  2. hai fatto bene…visto che succede è bene pensare che sia un dono e non una penitenza…un bacio e gnam un morso…che quest'anno di fichi non ne ho visti 🙁

    1. Ma stanotte ce l'ho fatta, ho dormito 6 ore tutte di fila!!!
      Niente fichi quest'anno? Soffrirei troppo, sono così dolci quelli neri del mio albero! ciao ragazza con le piume….

  3. Complimenti davvero! Io in piena notte non sarei mai riuscita a fare una cosa simile! 🙂
    Un bacione!

    1. No, in piena notte ho solo scritto il post… le crostatine erano già fatte, mangiate e fotografate! Non ce la faccio neanche io a pensare di accendere il forno! baci :O)

  4. Sandra ma sono fantastici 🙂
    Anche a te la notte e l'alba portano consiglio e che consiglio 😀
    Devo assolutamente provare questa pasta matta, ormai non ho scuse e vorrei scoprirne anch'io la sua versatilità in cucina!!!! ^__^

    Buon pomeriggio tesoro ❤

    1. No, spero che mi passi, per ora faccio una notte no e due si…. ai fiori di Bach non ci avevo pensato però…. ho bisogno di un abbattitore… come quelli di calore delle cucine! ciao Valeriuccia!

  5. Bella Sandra …bella tu e questa ricettina…mi dispiace che dormi poco , ma come lo sai usare bene il tempo!!!
    ..questa non la conoscevo, me la terrò cara per una notte insonne, un abbraccio cara! Sandra

  6. ho letto spesso di questa pasta matta, ma ancora non l'ho mai provata, con questa ricetta mi hai invogliato sicuramente (anche io ogni tanto soffro d'insonnia, mi alzo e mi vado a stendere vicino alla mia cagnolina, che, pazientemente, mi sopporta) un abbraccio SILVIA

    1. No, è da provare assolutissimamente! Duddile per tutte le preparazione e come dice lui, Pellegrino,
      "… ma per la semplicità colla quale si presta a far la parte di stival che manca in diversi piatti…": ci puoi mettere di tutto dentro e ti conterrà amorevolmente e con grande croccantezza! Salutami la tua cana e digli che ti deve sopportare… e lo farà sicuramente volentieri! un bacio

  7. Sandra, sono bellissime. Già solo quando ho letto "artusi", mi son sentita mancare … io quell'uomo lo amo al di sopra di ogni cuoco … e poi la tua realizzazione è elegante e semplice, come a voler sempre dimostrare che non occorre una lista di ingredienti infinita e nemmeno delle procedure superarzigogolate, per fare musica e poesia in cucina. Un buon riposo di cuore, lieve e senza pensieri.

    1. E sono anche vegetarianissime! Solo acqua e farina per contenere qualsiasi cosa tu abbia idea di metterci. Addirittura si possono preparare cestini o simili e farcirli il giorno dopo e la pasta matta è comunque buonissima!
      Per ora non ho sonno, poi si vedrà, ma oggi ho una giornata piena….
      Ciao cara! :O)

  8. Mi piace tantissimo la pasta matta! Ormai l'ho sostituita a brisée e sfoglia per le torte salate, ma non l'ho mai provata con i dolci. Grazie per l'ideona e buona giornata nonostante la notte insonne…

    1. Penso proprio che sarà così anche per me, anche perché è assai più sana e lineare della brisè o della sfoglia…. Buongiorno a te, ho un'energia… fino a che non mi finisce la batteria!

  9. Buongiorno Sandra! Mi spiace per la tua insonnia 🙁 però hai fatto bene a sfruttarla, è la cosa migliore da fare anche perché se il risultato sono queste crostatine…. 😀 Non conoscevo la pasta matta dell'Artusi, la farò sicuramente! Bravissima, un bacione e complimenti. Buona giornata 🙂

  10. Mannaggia all'insonnia! Io ultimamente fatico ad addormentarmi alla sera e poi al mattino ci metto ore a partire uff! ç_ç
    Mi piace un sacco questa ricetta!! Ottima anche per l'utilizzo di questa pasta matta che contrasta con la dolcezza della confettura di fichi.
    Un bacio

    p.s. ma questo albero tirato giù per un parcheggio?? Grrr che rabbia!

    1. Nel prato davanti al lavoro, ho rischiato di incatenarmici… ma hanno giurato che era pericoloso…. io gliel'ho detto che dicevano le bugie gli allungava il naso… che rabbia davvero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.