Il rosa: in tutte le sue sfaccettature…

…anche quelle delle 15enni  adolescenti……

Squilla il cellulare, i Sigur Ros (suoneria soft) mi aiutano sempre a non saltare come una molla al primo sqillo.

– Mamma,  possono venire a cena e a dormire da noi La Neri e Tommy stasera?
– Si topina, ma noi non ci siamo a cena, vi arrangiate…
– Benissimo, arriviamo alle sette stasera ci porta la mamma di Tommy, ciao mammmmmmmmmmma!!!
– Hei, mi sembri un po’ troppo vivace, occhi alle penne…
Tutto bene, continuo a strappare erbacce dall’aiuola delle rose con la Holly che mi scodinzola intorno e mi da una leccatina ogni tanto. Arrivano gli adolescenti: esuberanti, bellissimi, casinisti ed effervescenti.
– Occhi alla penna – ripeto già un po’ sospettosa. A volte penso che potrei fare la veggente… ho le premonizioni. Torniamo dalla pizza e ci facciamo un caffè a casa. Entro in casa e sento un “ommammasantissimasonotornati” e poi silenzio tombale. Chiamo e nessuno risponde alle chiamate: dormiranno? Mah, facciamo finta di niente. Sul tavolo della cucina ci sono un sacchetto di biscotti squartato e un tappo di spumante con tanto di gabbietta… un tappo di spumante? Che ci fa un tappo di spumante sul tavolo?  15 anni….. chiamo e nessuno risponde, si fa finta di dormire. In salotto: finestra aperta mentre piove, sacco a pelo buttato sul divano intriso di spumante, pc acceso su facebook, mozziconi di sigaretta: non si fuma in casa mia, o meglio, il 18enne fuma ma non è in  casa…..
Commento con la mia amica di sempre e ci prendiamo il caffè. Lei mi dice, conoscendomi un pochino: – Sandra, vacci piano, 15 anni li abbiamo avuti anche noi qualche anno fa (sigh, abbastanza anni fa)
Andiamo a letto io e il 1/2 pompelmo e bofonchiamo che domani ci spiegheranno.
Ore 8 di domenica mattina: frastuono di pentole, padelle e risate sparse. Mi affaccio e faccio un urlo.
– Io dormo solo la domenica mattina piccoli guastafeste!
Silenzio. Mi giro e mi rigiro ma ormai l’incantesimo del sonno si è infranto. Scendo dopo un’oretta e vedo che hanno fatto colazione e messo a posto.
Parlo con l’adolescente per chiedere spiegazioni E NEGA TUTTO. Il tappo di spumante sul tavolo?
– Mamma ma che ne so io, noi non siamo stati. Il sacco a pelo? Ci faceva freddo mentre stavamo al computer…. i mozziconi? Saranno vecchi….
Non ci ho visto più.
– Ci sono gli gnomi? Ci sono forse le fatine dispettose? Sono uscita alle 8 e sul tavolo non c’era niente, torno e c’è un tappo e tu non ne sai niente? Pensi che io siamo scema? Neghi l’evidenza? bene, se le fate ci sono per te e ti fanno i dispetti a me MI parlano. La fatina mi ha detto che tu martedì sera NON PUOI andare a ballare…. la fatina!
Altri sbuffi e soffioni, profusioni di verità, lei non sa niente e non ha fatto niente, perchè mai non le credo?
– Guarda mamma, ma secondo te io ti potrei dire una bugia guardandoti negli occhi?
E’ stato troppo. Mi sono sentita esplodere. Ho contato fino a 250 prima di parlare e poi sono stata lapidaria.
– Mi hai deluso, mi hai proprio deluso su tutti i fronti, credevo di averti insegnato altre cose e non a prendere in giro le persone.
Ho girato sui tacchi e sono uscita a fare la LO:  l’impermiabile giallo e  stivali di plastica con la Holly e la macchina fotografica  sotto l’acqua.
Quando sono tornata dopo un ventina di minuti in cui ho preso uno di quegli scroscioni d’acqua paurosi trovo lei sulle scale e gli altri già spariti con la genitrice di Tommy.
Piangeva come un vitello.
– Mamma, perchè mi hai detto quella cosa? Io mi impegno sempre……(singiozzo) non me lo dire….(singiozzo) più che ti ho deluso…..è la cosa più brutta che tu mi abbia mai detto….
– Ti ho fatto male topino? Anche tu mi fai male quando pensi di poter far passare il bianco per il nero.
Ci siamo spiegate, abbracciate ma a ballare non ci va. Il 1/2 pompelmo non ha proferito parola, non ha aperto bocca per tutto il giorno: 2 grugniti, un si e un no…..Spiegazione: Potrei essere troppo cattivo…. ed è vero, a volte le sue parole possono essere coltellate a cuore aperto. Stamani sono andati via insieme per andare a scuola e al lavoro alle 6.30 …. si saranno parlati?
Aspetteremo, perchè dopo la tempesta torna sempre il sereno…. sempre.

Ringrazio Cinzia e Valentina che come tutti i mesi ci fanno “pensare” a cosa cucinare….. in Aprile cosa può essere migliore del rosa?

Millefoglie di pasta leggera con crema alle fragole

Per semplificarmi la vita ho fatto una pasta leggera leggera, un incrocio fra una pasta brisè e una pastafrolla…. comunque è venuta bene…..

  • 250 gr. di farina 
  • 150 gr. di burro 
  • 150 gr. di zucchero
  • 1 uovo intero 
  • un pizzico di sale 
  • 1/2 bustina di lievito istantaneo 

Ho fatto le “briciole” con il burro e la farina e ho aggiunto lo zucchero, il pizzico di sale, il lievito e l’uovo. Ho impastato tutto e messo in frigo per una mezz’oretta nel mentre che preparavo la crema.
Ho fatto una crema semplice e bianca senza uova che trovate qua  che è veramente buona e si conserva anche bene in frigo (rimane come nuova anche il giorno dopo!)

  • 500 gr. latte
  • 70 gr. maizena o amido di mais  (io ho usato l’amido gentilmente offerto dal Molino Chiavazza)
  • 80 gr. zucchero di canna frullato nel mixer (nell’originale 100 gr. di zucchero bianco)
  • vanillina
  • scorza di 1/2 limone grattugiato

Cominciate a sciogliere con un poco di latte lo zucchero, aggiungete la maizena, la vanillina e continuate ad aggiungere il latte sempre girando in modo che non si formino grumi. Portate a ebollizione e aggiungete il limone grattugiato (solo il giallo per non renderla amara) continuando a rimestare fino a che la consistenza è quella desiderata. Lasciate raffreddate la crema.

  • una quindicina di fragole 
  • scaglie di cioccolato fondente

Stendete la pasta con il mattarello e fate dei dischi rotondi delle dimensioni che più vi si aggradano.
Passateli in forno per una decina di minuti a 180° o fino a che non vi sembrano cotti. Ricordatevi di fare dei fori sui dischi con i rebbi di una forchetta prima di infornare in modo che la pasta non faccia bolle.
Lavate, frullate con il mixer qualche fragoletta. Passate il composto con un colino in modo che i semini della frutta rimangano separate dal liquido e aggiungete alla crema che nel frattempo si sarà freddata.
Aggiungete la quantità di fragole frullate fino a che non avrete raggiunto il rosa desiderato.
Adesso preparate il millefoglie: un disco di pasta, un giro di crema rosa con la saccapoche, un altro disco e poi ancora la crema. Guarnite con fragole fresche e scaglie di cioccolato.

Mi scuso per lo sfogo ma il fine settimana è stato piuttosto duro….. lo sapete che ho ancora un magone dentro che mi infastidisce alla bocca dello stomaco? La mia bambina, il mio fiorellino bellissimo che mi dice le bugie…… Ma è sempre e comunque il nostro fiorellino, la bambina  (o’scrrafone) più bella del mondo!
Salute ragazzi!!!

 

Ho iscritto la ricetta anche al calendario di AMMODOMIO da quelle tre pazze scat…… brave ragazze….. per il calendario di maggio….

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

22 commenti

  1. Elena, cara, se è per questo io ho giù avuto un assaggio con il ragazzo 18enne fratello dell'adolescente adolescentanta…. non sono stata uno stinco di santo nenache io da giovane, sarà per quello che mi preoccupo? Ci sta….. A presto presto!

  2. bellissima questa tua ricetta…e le tue avventure materne da tenere a mente…tra poco sarò nella tua stessa condizione solo che è maschio ….l'adolescenza….ahhhh che periodo, comunque era normale bere e fumare, all'epoca avevo provato pure la pipa (ero tutto sommato tranquilla) …non ti dico altro!
    un bacio e a presto!
    ele

  3. Sandra, sei fantastica!!
    Sono venuta subito dopo aver letto il tuo commento da Lo.
    Come dicevo da Lo, ci sono passata 4 volte ma ti assicuro che con le ragazze è stato infinitamente più emozionante.
    Ma non solo, pensavo di essere preparata dopo la prima…ma la seconda volta è stata completamente, totalmente differente.
    Quindi niente consigli…segui il tuo cuore!
    baciussss
    brii

    1. BENVENUTA!!!!! Un altro "guru" nel mio bloggino! Fai conto che ti abbia steso il tappeto rosso da occasioni, grazie per essere passata da me e dire quello che hai detto: oggi sono leggera come una piuma, gonfia e tronfia!!!
      Mamma è una parola grossa e figlia pure: certo che non si impara mai, sono tutti diversi….. e tutti bellissimi, i nostri scarrafuni. A volte mi sento stanca di mattina presto, immaginati come arrivo alla sera!
      Grazie di essere passata e ripassa presto!
      Sandra

  4. ieri non sono passata qui, una bella giornata piena….ma sarebbe stato bello passarci subito….mannaggia piove anche troppo per i miei stivali rosa….però va bene. Adolescere…che fatica…io te lo dico con sincerità ho una paura bestia…perchè se penso a tutte le cose che ho fatto io tremo per la mia gnoma. Spero che non sia così pazza da una parte, spero si goda la vita dall'altra. La mia è due passi indietro la tua. Mannaggia ma questa cavolo di età che per dire io sono, devono prima confondersi con gli altri…. un bacio

    1. E lo dico anch'io che può aver preso sia da me che dal babbo e sono cavoli nostri!! Io sono stata bella vispa!!! Oggi siamo nel: "ma quando posso uscire?" "Ma posso andare a dormire dalla Lory oggi?" "Ma posso andare a fare un giro con Piru-Piru (io chiamo così il suo piccolo amore)?" e noi
      NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
      va a finire che ci prende per sfinimento!!!! Dobbiamo essere coraggiose Lo, ce la faremo!!

  5. E tu mi hai fatto venire qui a leggere questo post e pensi che io non prenda adesso la rincorsa e vada a sbattere il capoccione al muro? Vabbe' ho ancora 4 anni per corazzarmi….ma che fatica, che fatica…io che sono stata una adolescente così brava…..per la legge del contrappasso dovrò ingoiare parecchi rospi! Mi hai fatto morire comunque. Ti mando un bacione grande…ti credevo una ragazzina invece hai già una figlia grande! Ti mimetizzi bene sai? Pat

    1. 47 anni Patty, splendidamente portati!!! Stamani vengo bene, senti come mi elogio!! A parte gli scherzi: ce la possiamo fare Patty, ce la possiamo fare!!!!!

  6. Come al solito, non vedevo l'ora di poterti leggere, mi è piaciuto tantissimo il tuo racconto, e come mi ci rivedevo!!!! io grazie al cielo ci sono già passata, ma ti capisco in pieno! E per tirarti sù il cuore niente di meglio che la tua buona millefoglie in rosa!
    Grazie e buon pomeriggio :)))

  7. cavolo…non si scherza mica con i quindicenni…meno male che noi siamo ancora lontani, Andrea ne ha 5 e quello in pancia se la spassa alla grandissima :)) Ma hai ragone tu, poi torna il sereno e quel dolcino ci voleva proprio! Squisito e molto molto bello.
    buona settimana,
    Valentina

  8. Sandra, muoviti a pubblicare la ricetta per l'Abbecedario che Aiù ci sta aspettando, gentilmente ho chiesto e più gentilmente si fa uno strappo alla regola! 🙂
    Su, su, veloce, veloce!

  9. ..me lo sono latta tutto d'un fiato.. io non ci sono ancora, desntro il ciclone dei 15 anni, maè già faticoso ora, che sono solo 10, sigh!
    un bel bocconcino in rosa certo aiuta, nè? Proprio bello, e grazie per la crema senza uova, non che non le ami ma non so perché non mi sono troppo simpatiche
    Bacioni :))

  10. Caspita la mia ne ha 8 tra un po…..vedo bene cio` che mi aspetta…ma e` anche bellissimo….
    abbiamo gia` la casa piena di tutto il rosa possibile, ma un dolcino cosi` vedrei di farcelo entrare comunque!
    francesca

    1. Francesca, preparati: le arrabbiature sono esponenziali all'età ….. mamma mia! Un po' di rosa ce lo faremo infilare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.