Crema di cipolle rosse di Tropea per Salutiamoci

“Tratta bene la Terra!
Non è un’eredità dei nostri padri
 ma un prestito dei nostri figli”
 antico detto Masay

Ogni nostro mivimento è una ferita a questo nostro meraviglioso  pianeta. 
Tutte le volte che respiriamo qualcosa di questo mondo  muore per noi.
Arriveremo a capirlo prima o poi.
Per le magnifiche di Salutiamoci che questo mese ci porta nel mondo della cipolla, dei porri e dello scalogno, io vi propongo una crema di cipolle rosse di Tropea. 
3 patate bianche medie
4 cipolle Rosse di Tropea 
1 carota piccola
1 costa di sedano 
olio extra vergine di oliva
sale e pepe
pane integrale raffermo  
Mondate le patate e tagliatele a pezzettini molto piccoli, mettetele in acqua fredda. 
Sbucciate la carota e tagliatela a rondelline fini, lavate il sedano e tagliatelo a fettine. A questo punto viene il bello: dovete sbucciare le cipolle…. non piangete per favore!!!
Tagliatele a metà e poi a fette piuttosto spesse. Mettete un filo d’olio in una casseruola, aggiungete le verdure e fatele saltare un attimo, aggiungete le patate e coprite con acqua depurata. Aggiustate di sale e lasciate cuocere per almeno 20 minuti. 
Nel frattempo tagliate il pane integrale in piccoli quadretti e metteteli in una padella a fuoco bassissimo ad arrostire. 
Frullate la vellutata con il frullatore ad immersione, servitela calda con i quadretti di pane e condita con olio evo e pepe nero.

la crema va da Salutiamoci, dalla Cuoca Pasticciona 

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

28 commenti

  1. A me piacciono tantissimo le cipolle, questa ricetta sarà immediatamente salvata nella cartella "da fare"… Un bacione

  2. E' incredibile come da un ingrediente così povero e semplice possa venire fuori un alimento tanto buono quanto nutriente!
    Bravissima!

  3. Se riesco a convincere le pargole che con le cipolle non ci vanno proprio d'accordo, la copio!
    Margherita

    1. inventa una storia, io ai miei piccoli raccontavo di fate e di gnomi, di draghi e di principesse…. e se non mangiavano le cipolle i draghi come diavolo facevano a sputare fuoco?
      baci

  4. Sandrina.. non ho parole: foto, ricetta, suggestioni.. tutto stupendo! Deve essere buonissima e così presentata è proprio fine. Complimenti.. il detto Masai è molto vero e significativo. TVTB stella mia.

  5. è proprio vero Sandra, ogni nostro respiro dovrebbe essere portatore di amore e responsabilità per il nostro mondo che ci ospita…la tua crema di cipolle e patate rimette in pace con noi stessi e magari ci aiuta anche un po' a prenderci cura di ciò che diamo per scontato.
    Un abbraccio!

    1. Ora mi avete elettrizzato con le vellutate, in casa cominciano a guardarmi strano… non tutte le azzecco!
      baci Roberta!!!!

  6. mmmm…io adoro le cipolle ..ascolta, indovina chi viene a cena poi si ferma anche per il pranzo del giorno dopo? …io.
    questa la copio..

  7. Ottima Sandra! Altra ricetta da provare sicuramente! Ma cosa si intende per acqua depurata? Grazie! BUOn inizio di settimana! UN abbraccio!

    1. io ho un depuratore ad osmosi inversa a casa, niente calcare e robaccia varia…. almeno spero!
      baci Pia e…. quanta neve a Milano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.