umanità varia – pasta lasagnata con le bietole – vegetariano

 pasta lasagnata con le bietole

 

….danzando  al chiaro di luna….

 

 

io sono una tipa normale.
sono una tipa di quelle che ha bisogno di alzarsi la mattina, di aprire gli occhi e di prendersi un caffè, di guardare fuori dalla finestra della cucina e vedere che tempo farà anche se magari è ancora buio pesto e si puo’ solo intuire.

e non mi lamento se non ci sarà il sole, prenderò con gioia qualunque clima il nostro pianeta vorrà elargirci per questo giorno e comunque ringrazierò.
ho bisogno di piccole cose, di piccole certezze, come guardarmi nello specchio e trovare tutte le mie rughe, tutti i miei capelli bianchi, ho bisogno di tenere in mano una tazza di caffelatte con l’orzo, ho bisogno di sedermi e prendere fiato prima di buttarmi nel vortice della giornata.

a volte, come stamani, mi capita di essere l’ultima ad uscire. e allora mi siedo in cucina, mi guardo intorno e aspetto. che cosa? non lo so che cosa aspetto, aspetto e basta. . piccoli gesti quotidiani, piccole certezze in questo mondo confusionario e incasinato.

ho bisogno di aria, io che sono una semplice, ho bisogno di una boccata d’aria da questi ultimi due giorni di web. le polemiche mi distruggono il morale, mi abbassano l’umore, mi demotivano.
mi tengo le mie opinioni sulle persone, che conosco personalmente o solo tramite blog, cerco di valutare e di sentire quello che dicono e faccio le mie considerazioni ma non accetto imposizioni.
fino a che posso cerco di ragionare con la mia di testa, non  mi faccio prestare i pensieri da nessuno.
e allora penso, rimugino, mi collasso sui miei pensieri. ci sono parole magari scritte in sordina su un post che ti fanno scattare un campanello di allarme. e te le rigiri in testa per ore fino a che chiedi.

a volte   le cose poi vanno dette anche ad  voce alta, bisogna avere il coraggio di chiedere, di domandare e anche quello di ascoltare la risposta. e poi ricominciare a pensare la propria capa.
non mi piacciono i linciaggi, di gruppo o solitari, non mi piacciono i sottintesi, i detto non detto, le mezze parole. non mi piacciono le cose che aleggiano per aria senza essere nominate, come se non si potesse, come se fosse un dogma.  non mi piacciono nemmeno gli insulti gratuiti se è per questo.

e proprio per questo cerco sempre di non aggredire, cerco ti contenermi e di contare fino a dieci prima di parlare.  ma non sopporto i linciaggi, per nessun motivo, e non sopporto la prepotenza, e non sopporto di essere presa in giro o manipolata, e non sopporto nemmeno che mi si dica che non c’è bisogno di dire certe cose.
fino a prova contraria in questo paese io posso ancora manifestare il mio dissenso, il mio disagio, la mia volontà: o no? o forse sto compiendo reato di lesa maesta’?
fino a prova contraria si puo’ ancora discutere delle cose perchè forse discutendone serenamente si può trovare anche un punto di incontro. la verità spesso sta nel mezzo, ma a noi non piace nè perdere nè essere perdenti, ci piace il potere.
ma a volte non va così.

Tutte le cose dunque che volete che gli uomini vi facciano, anche voi dovete similmente farle loro”. (Matteo 7.12)

ecco, bene, una delle cose che meno mi piacciono è l’ipocrisia del porfessarsi in un modo ed agire in un altro di certe persone che pensano bene ma razzolano male, o forse non pensano nemmeno bene.

 

 pasta lasagnata con le bietole





pasta lasagnata vegetariana con le bietoline di campo


quest’anno con questa pioggerellina intermittente è stato l’anno delle bietole.
mio suocero ne ha seminato un campo e di conseguenza a me arrivano settimanalmente

ingredienti
per 4 minicocotte
150 g. di pasta lessa
qualsiasi formato va bene
qua trovate dosi e ricetta
bietole saltate
grouvier
parmigiano reggiano
mozzarella
burro, farina e latte
preparate la bechamel e lasciatela un po’ intiepidire
saltate in padella le bietole lesse sminuzzate con
olio extra vergine di oliva, aglio sale e pepe
nella piccola cocotte fate due strati:
prima la salsa, poi le bietoline, poi la pasta  e il formaggio
e poi ancora
un po’ di bietoline e dei fili di formaggio e pangrattato
sopra per gratinare.
aaahh, anche un fiocchetto di burro.
basteranno 15 minuti di forno per cuocere e grigliare il tutto
assolutamente vegetariane, leggere, deliziose
ricordatevi di farne qualche cocotte rispetto al numero
dei commensali: vi servirà!

 

 pasta lasagnata con le bietole

 

pappagone 

 

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

44 commenti

  1. Mi dispiace, vedo che non mi sono spiegata. Non voglio nomi e cognomi di nessuno e i miei dubbi riguardano qualcosa di sicuramente più importante 🙂 Dico solo che sprecare energie per fare i soliti discorsi a nuora perché suocera intenda lo trovo davvero inutile. Mi piacerebbe un po‘ più di leggerezza e di chiarezza, in generale, questo sì, e non trovo che la soluzione sia semplicemente quella di leggere altrove. E con ciò penso di aver espresso ampiamente il mio pensiero. Alla prossima.

  2. Grazie per la risposta. Io invece non so proprio nulla. Penso però una cosa. Che le cose o si dicono o non si dicono. Dirle a metà e poi trincerarsi dietro il “non voglio offendere nessuno“ non ha nessun senso. Molto meglio tacere. Per quanto riguarda Matteo, Confucio, Maometto o i filosofi dell' antica Grecia, non mi hai offeso. Il punto è che non condivido il fatto di voler dare lezioni di vita, in generale, men che meno attraverso un blog di cucina.

    1. Mari, lungi da me dare lezioni di vita, ho solo scritto quello che penso e non voglio insegnare a vivere proprio a nessuno.
      vuoi nomi e cognomi di chi? devo denunciare qualcuno forse? mi dispiace tesoro, non lo farò. dovrai rimanere con il dubbio.
      e in quanto a un blog di cucina…. beh, io sono consapevole di non essere uno chef, sono consapevole di essere poco più di una casalinga prestata alla cucina, con la passione per il cibo, per la musica, per le parole, per i pensieri: mi devo censurare?
      mi dispiace, non lo farò, continuerò a scrivere quello che penso come farai tu spero, continuerò a leggere i blog che mi piacciono e a non leggere quelli che non mi piacciono o che trovo noiosi. così facciamo tutti in definitiva, facciamo o cerchiamo di fare quello che vogliamo fare possibilmente senza dare noia a nessuno.

  3. Condivido molto di quello che hai detto. Però non capisco una cosa. Dici che non ti piacciono le mezze parole, i detto non detto, le cose che aleggiano senza che possano essere nominate e poi con questo post smentisci ciò che dici. Parli senza che le persone possano capire ciò che dici, ti rivolgi solo a chi conosce le premesse del tuo discorso. Parli di linciaggi, cose molto gravi, che forse meritano più chiarezza. E poi citi il vangelo, prima di parlare di una ricetta.
    Scusami, penso che apprezzerai la mia franchezza.

    1. Ciao MARI, intanto grazio per essere passata e per la franchezza, la franchezza e la verità sono sempre le benvenute.
      io sono atea, potevo citare la regola d'oro dei filosofi dell'antica Grecia o Confucio invece del vangelo di Matteo. esprimono lo stesso concetto, spingono a non commettere cattiverie, a non ferire il tuo prossimo, il tuo vicino, il tuo compagno di viaggio. ho citato il Vangelo di Matteo perchè molte più persone avrebbero capito al volo non andando a scomodare altre fonti, anche Confucio molti anni prima della nascita di Cristo citava un concetto molto simile. evidentemente è un concetto di buona volontà, di buon senso, di umanità e di generosità, di amore. non pensavo potesse essere offensivo per nessuno scriverlo sopra una ricetta, se ti ho offeso e ho offeso qualcun altro chiedo scusa, non era mia intenzione.
      per l'altra cosa, scusami, ma non voglio e non mi sembra giusto fare alcun nome, proprio per correttezza estrema. non mi piace sparlare delle persone, non l'ho mai fatto. non mi piace essere presa in giro, mi ferisce e quindi cerco di non lo fare con gli altri e tanto meno mi piace essere usata per qualsiasi motivo. in quanto alle parole, lo sai anche tu: una parola puo' ferire come e più di uno schiaffo.
      grazie per essere passata.
      un abbraccio

  4. Sandra ti voglio bene, lo sai?
    Sposo ogni tua parola..nn sopporto gli ipocriti, falsi e prepotenti..quelli che credono di avere la verità in tasca…
    Ma questa gente si brucia da sola sai..
    Nn c'è davvero bisogno di dar loro considerazione, basta tenerli alla larga.
    Piatto meraviglioso…che invidia x le tue bietoline di campo 😉

    1. a volte ci vuole del tempo perchè si brucino e durante il tragitto tante buone persone ci rimettono purtroppo.
      ti voglio bene anche io Roberta e non vedo l'ora di conoscerti dal "vivo"!!!!

  5. Ohhh mamma ma che è successo? Ho vissuto questa settimana correndo come una pazza e pulendo fino a consumarmi le dita … quindi non so niente e non ho letto niente. Però posso dire che ti somiglio molto caratterialmente? Anche io sono così!! Ciao sorella, un bacio

    1. tu continua a pulire e a sistema "casa tua" non ti ingerir di queste cosacce, pensa a fare un bel lavoro sorellina mia!

  6. Buonooooo bell'abbinamento devo trova altro alle biete non le sopporto 🙁 però però e se in questo contesto mi piacessero……mai dire mai io ci provo. Buona giornata

  7. Pilacchi lo confesso… mi stai incuriosendo come una scimmia… voglio sapere questa volta cosa è successo!!! Orca paletta non riesco a venire su il 13 altrimenti ti avrei torchiata per farti parlare!
    Questo piatto è bello, caldo e pieno d'amore!!!
    PS: io i miei capelli bianchi e le mie righe se non me li trovassi sarei anche un cicinin più contenta, sai?
    Ti bascio Pilà!!

    1. come diceva la Magnani: non cancellarmi le rughe, ci ho messo una vita per averle!
      noi siamo BELLE dentro, ma anche fuori, credimi!

  8. posso dire mi dà l'impressione che da qualcuna delle tue parti (tu stai da tante parti perché sei il mio caleidoscopio personale) si stia come negli stati generali del PD col coltello in mano, senti un po' ma chiudi e lascia la pupu alla pupu che il mondo è già brutto e puzzolente di per sè senza voler odorar m@@@a (scusa il francesismo) anche nei passatempo, che cavolo!

    1. lo sai come sono io Amanda, sono un Don Chisciotte, io se serve mi lancio anche contro i mulini a vento!
      la mia la dovevo dire, non ce la facevo proprio a stare zitta!
      ma ho due lieviti nel forno, ho già dimenticato tutto mentre impastavo. noi solo cose belle!

  9. tana per tutti. hai colto nel segno che stanchezza questi atteggiamenti e modalità contro le persone, ma perchè si pensa di essere sempre migliori, e anche se così fosse siamo nel mondo virtuale accidenti, la vita è altrove, un pò di leggerezza e di bellezza che il web ci regala sicuramente,va a farsi bruciare in un nano secondo, in un psot, in un commento cattivo inutilmente cattivo! Che inutile perdita di tempo, no? Ok ora mi siedo e mi prendo la mia giusta porzione di lasagna. un bacio bella donna

  10. eh si, ci fossero ancora persone che pensano bene e razzolano male! qui c'è solo tanta cattiveria: pensieri e fatti brutti! Un discorso che mi sta parecchio a cuore, specialmente in questo mio "strano" periodo, dove mi rendo conto di quanto sono sola, di quanta gente falsa mi circonda, amici e parenti! Allora sai che faccio? Stringo a me loro, l'unica mia vera ricchezza, la mia ciurma, mio marito e le mie figlie. Tutto il resto può andare a cagare (scusami il termine).
    Torniamo alle cose belle e buone come questa lasagnetta: io adoro le lasagne e cerco sempre di prepararle in modo diverso, ma questa versione con le bietole mi manca. Prenderò spunto da te!
    Ciao Sandra! un abbraccio
    Manu

    1. e hai ragione cara, stringiamoci fra di noi con gli affetti veri, conta più uno sguardo d'amore che cento cattiverie!

  11. Io, quando sento che persone della tua DIGNITA' e grandezza arrivano a porsi certi interrogativi e a sentirsi a disagio in certe situazioni mi chiedo quanto possano essere vili certi atteggiamenti. Tu chiedi sempre e, soprattutto, esprimiti sempre. Siamo in un paese democratico e le soggezioni psiciologiche NON possono e NON devono sussistere. Sandrina cara, chi si duole di lesa maestà non ti merita (e poi, mi verrebbe da dire: lesa maestà de che??!). Tu vai avanti, a testa alta e in piena libertà. ci mancherebbe che in questo mondo virtuale ci debbano essere dei padri padroini.
    viva le libertà sempre. E viva le persone come te. <3
    E le lasagne? questo mese non le farò ma tornerò presto qui per leggermi la tua ricetta 🙂

  12. Mi sa che siamo in tante a riconoscerci in queste tue riflessioni. Che dire, resto spesso senza parole davanti a tanta cattiveria gratuita.
    Meno male che ci lasci questo piatto rigenerante.
    Scongiuri fatti 😉

    1. bisogna consolarsi Silvia e noi con cosa meglio del cibo? le ricette per la lietezza dello spirito le chiamo io!
      che dici mi compro un corno rosso?
      ah ah aha!!!

  13. La chiarezza è la basa, il fondamento per avere dei rapporti sani, anch'io, come te ne ho bisogno. Ma ti dirò che col tempo mi sto anche stancando, dato che non hanno tutti le mie esigenze a volte lascio perdere, sto cambiando… invecchiare sarà sta cosa qua??! dai, non voglio esagerare, sicuramente la consapevolezza di avere poco tempo per le cose che per me contano veramente, fa sì che mi rivolga prevalentemente ai miei interessi che alle paturnie altrui e ti dirò che si sta benino così, sai?
    I miei interessi? la tua pasta lasagnata!!!
    ma te l'ho già detto un'altra volta, non mi puoi mettere una pasta così buona in un contenitore così piccolo, mi fa impressione l'idea di mangiarne così poca!
    bacione grande
    P.s. è bello immaginarti in cucina a sorseggiare e rimuginare

  14. Senti Sandra…il mondo virtuale sta diventando sempre più troppo simile a quello "vero" e la cosa non mi piace. Perchè non si riesce a vivere con leggerezza e la superficialità dovuta le cose belle, le opportunità, con tutto il male che abbiamo intorno perchè andare a spargere altro male con le parole taglienti, con polemiche inutili, con ferite da dare alle spalle???
    Mah…sono molto perplessa. I virus non sono più solo influenzali o sotto forma di "cavalli di troia" che hackerano il nostro pc. Ci sono questi virus disgraziati e snervanti che non fanno altro che incattivirci e imbruttirci.
    Per questo servono le persone come te (e come me). Sempre con molta modestia 🙂
    Ti abbraccio amica mia.

  15. E io qui mi alzerei in piedi e ti farei un applauso a scena aperta….Sandra, ma quanto siamo simili ??? anzi…UGUALI ! Mamma mia, sai che mi ha fatto una sensazione strana leggere questo post ? Sembrava scritto da me !

    Per quanto riguarda la tua lasagna…ehehehhe…ti raggiungo per pranzo ??? All'una sono da te <3

  16. Sono fuori dal giro e non so che cosa ti sia successo; posso solo dirti quello che – citando un po' imprecisamente Dante – dicono spesso a me (che mi rodo per le cattiverie gratuite, per le ipocrisie, per i pettegolezzi maligni …): "non ti curar di lor, ma guarda e passa".
    Claudette

  17. Io sto sulle scatole spesso alle persone, proprio perchè non sto zitta, e a volte ammetto che avrei fatto meglio a tacere, ma è più forte di me, sono tremenda!! E tu fai bene a dire quello che pensi, almeno come si dice, patti chiari ed amicizia lunga!!
    Ottime la tua pasta!! Cremosa e delicata!!

    1. Silvia, io invecchiando ho imparato a contare fino a trenta e poi… poi le dico lo stesso perchè penso sia giusto dirle, magari riesco a dirle con meno irruenza!

  18. Non so cosa sia successo ma io la penso esattamente come te..odio l'ipocrisia e chi trama alle spalle! Io a costo di risultare antipatica, "sputo" tutto fuori di fronte alla persona in questione e insieme è poi più facile trovare un punto d'incontro (ma anche no..).
    Cmq io lo sai bene che ti stimo e sono sicura che questa cosa te la lascerai alle spalle..non ne vale proprio la pena di farsi troppe s..he mentali con certa gente! Scusa la "crudeltà" ma queste situazioni proprio non le sopporto!!!!!
    Preferisco concentrarmi sulle tue belle e golose cocottine..chissà che buona con le verdurine del suocero :-))))
    Un bacio tesoro <3

    1. ma noi panifichiamo giusto Consuelo? mentre si impasta passa tutto il dolore, tutto si lenisce, tutto diventa morbido e caldo come il pane appena uscito dal forno…. che bello!

  19. Premetto che sono normale come te… e la penso come te, non mi esprimo di più perchè sinceramente attaccarsi a cose cosi futili proprio non mi interessa… complimenti alla tua pasta divina….
    Un bacione!

  20. Amica mia davvero, mi piace come l'hai scritto e quello che hai scritto, ti stimo sorella! Poi il suocero che ti porta le bietole mandalo anche per casa mia ogni tanto, thanks!

  21. Leggere i tuoi post mi rigenera… e spesso preferisco rimanere in silenzio proprio per fare in modo che le tue parole rimangano ancor più scalfite e lascino in me un alone di lietezza nello spirito

    Ma a volte, è anche bello palesarsi e, soprattutto, dire GRAZIE a chi, come te, oltre alle mille bontà dona anche spunti per riflettere, esaminarsi ed… esser lieti!!
    E quella citazione di Matteo…; se ciascuno la facesse sua…, quanto sarebbe ancor più bello il mondo????

    GRAZIE Sandra!
    Un abbraccio e un bacio grande! :*

    p.s. l'ultima foto è un incanto!!!

    pp.ss. … e la pasta dev'esser di un buonooooooooooo!!! :))))))))))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.