Panini al latticello con cuore di riso venere e i 3 nuovi gattini della Piera

Primavera, oggi è primavera di nome e di fatto.
Oggi, però, mi rilasso. La scorsa settimana sono stata tutta elettrizzata e concentrata nella preparazione della
Singolar Tenzone, ieri abbiamo postato tutto e siamo finalmente partite…. adesso posso abbassare il livello di
stress e rilassarmi. Già da ieri sera ho provveduto a farmi una bella coccola e ho fatto questi panini al latticello.
Mai ringrazierò abbastanza  Lamponi e Tulipani per avermi fatto conoscere una ricetta tanto semplice quanto meravigliosa come quella del labne (formaggio spalmabile) e di conseguenza di avermi fatto conoscere il latticello con cui fare lieviti splendidi.
La ricetta dei panini, che io questa volta ho quasi triplicato avendo tantoooo latticello, è questa qua: ieri sera ho aggiunto una variante. Avendo nel frigo del riso venere già cotto ho pensato di fare dei panini dal cuore morbido: ho fatto un soffritto con un po’ di porro e ci ho saltato dentro il riso venere e alla fine ho aggiunto una mozzarella tagliata a dadini. Una volta che l’impasto (al posto del burro questa volta ho messo olio di oliva extra vergine) ha fatto la prima lievitazione ho formato i panini e dentro alcuni ho messo un po’ del riso con la mozzarella e ho chiuso tutto. Ho fatto anche delle trecce e dei piccoli soli come potete vedere.

Ora, io ho ben presente il proverbio che mia nonna mi diceva sempre:

Sandra, chi si loda si imbroda…

ma vi giuro, erano veramente deliziosi. Vi basti considerare che su circa 1.5 kg. di farina – fra farina tipo 00 e farina di farro – non è rimasto   N I E N T E…. va bene, eravamo in 6 ma vi assicuro che sono piaciuti, e molto….
Da considerare che io li ho serviti con la famosa trippa finta della mia mamma, che vi posterò più avanti…. intanto incuriositevi pure….. e con il labne appena fatto. Ho una variante in corso d’opera per il labne: io ho imparato che aggiungendo qualche cucchiaio di panna da montare il formaggio risulta molto più morbido e
cremoso…..
Con la famosa crema alla nocciola, la Nutella, i panini erano superlativi……
L’adolescente ha detto, parole testuali:

Mamma, questi panini sono da suicidio…..

Che dire, io l’ho sempre detto che cucinare mi rilassa…..
Ieri sera siamo usciti a prendere il caffè davanti alla porta di casa, non abbiamo potuto resistere dal fare una foto ……… a volte sembra di essere in un altro mondo…..

 Il susino completamente fiorito con la luce del lampione che spunta da dietro, era veramente incantevole ed
incantato…..

Ma, penserete voi, ma i gattini della Piera del titolo? La Piera, la nostra gatta soriana a pelo lungo, la gatta di facili costumi, la gatta che si chiama Piera perché era della mamma  di un nostro amico  che è andata in esaurimento dopo 2 settimane che l’aveva presa,  ha partorito dentro la mia cesta della legna: 2 gattini rossi e uno uguale uguale a lei…Mi ha fatto una tenerezza sentire i suoi lamenti….
Certo che i gatti così piccoli assomigliano molto a dei topolini più che a gatti, le foto ve le posto più avanti, quando sono cresciutelli e hanno aperto gli occhietti. Se qualcuno necessità di un gatto io ne ho tre disponibili da regalare…..
Arrivederci a domani belle figliole e bei ragazzi!

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

20 commenti

  1. Ciao,
    che idea originale quella di riempire i panini di riso nero e mozzarella!
    Grazie per i complimenti, sei bravissima anche tu 🙂

    Buona giornata,
    Sara

    1. Molly, se puoi provare a farlo ti accorgerai della bonta: croccante e saporito fuori e con un cuore soffice soffice…. poteri del latticello!!!!

    1. Proprio così Arianna, croccanti e scricchilanti fuori e morbidi e soffici dentro, mi sono stupida anch'io di come erano deliziosi..,, ripeto, come diceva la mia nonna: chi si loda si imbroda … ma noon si poteva far a meno di dirlo….. buonanotte tesoro!

  2. oddio che belli i gatti….io con il cuore sono già lì a riempirli di grattini.

    Pane da provare assolutamente, specialmente visto la garanzia dell'adolescente! Un abbraccio

  3. che bello Sandra….qui da te all'ombra di un albero blu…che bello i tuoi micini appena nati…due rossi come il mio Agamennone….e anche tu alle prese con un'adolescente….grazie per l'invito a passare da qui

    1. Lo, sono contenta che sia passata a trovarmi, un guru da me…. saluti ad Agamennone dalla Piera, da Pimpo. da Uantini, da Bat-man e dalla vecchia Miss-Struscio… tutti i miei amici gatti…. troppo bello!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.