raviolo italo-cinese: Jiaozi vegetariano con pak choi

jiaozi

contro l’oblio del 2019-nCov

raviolo italo-cinese: Jiaozi vegetariano con pak choi

BOCEPHUS KING – Broken Down Rock ‘n Roll Machine

ormai non ci si stupisce più di niente. nemmeno della completa mancanza di pensiero e azione della maggioranza degli italiani, compresi quelli che dovrebbero essere le migliori menti del paese e che dovrebbero guidarci.

nemmeno del fatto che le persone non pensano e seguono il gruppo, come un gregge di pecore, ignare e stupide. hanno fatto terrorismo psicologico, con il corona virus, e noi gli siamo andati dietro smettendo di pensare.

come mentecatti abbiamo smesso di andare a cena fuori, abbiamo smesso di andare a vedere i musei, abbiamo smesso di uscire per evitare i contatti, abbiamo svaligiato i supermercati per fare scorte come se dovessimo morir di fame, abbiamo scelto di smettere di vivere. per che cosa? per un virus dell’influenza. come se un virus potesse fermarsi alle frontiere:

scusi signor virus, lei non puo’ passare, e lui – ah no, mi scusi, torno indietro, vado a cibarmi di cinesi che mangian topi vivi allora..

ma il virus non è il vero pericolo, il virus siamo noi. il virus siamo noi che stiamo autodistruggendoci, che non pensiamo con la testa ma con il portafoglio, che vogliamo sempre di più sostenere un’economia marcia, un sistema “a delinquere”. noi che consumiamo per produrre.

non so come si potrebbe fare per tornare indietro, ma intuisco che l’unica chance per noi è questa via, la famosa decrescita felice.

ma dove vogliamo andare scusate? io sarò anche una disfattista ma un bell’asteroide, bello corposo, ce lo meriteremmo proprio!

io continuo con la mia vita, vedo gente, faccio cose e vivo nel frattempo, voi fate come vi pare!

per l’occasione vi scrivo la ricetta di un raviolo italo-cinese, un bel raviolo con tanto di video per la chiusura: sia mai che vi faccia paura anche il cibo!

raviolo italo-cinese: Jiaozi vegetariano con pak choi

raviolo italo-cinese: Jiaozi con pak choi

pak choi
Print Recipe
Jiaozi con pak choi
Tempo di preparazione 1 ora
Tempo di cottura 5 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
Tempo di preparazione 1 ora
Tempo di cottura 5 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
Istruzioni
  1. Setacciate la farina, disponetela su una spianatoia a fontana e mettete dal centro le due uova. Cominciate ad impastare fino a che la pasta sia completamente amalgamata e senza grumi. Avvolgetela nella pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigorifero per almeno trenta minuti. * se le due uova non dovessero bastare aggiungete poca acqua per l'impasto.
  2. Cominciate a preparare il ripieno: lavate e tagliate a cubetti piccolissimi la cipolla, le carote, la patata e a listarelle sottili il pak choi. Lasciatelo andare a fuoco lentissimo con una generosa dose di salsa di soia aggiungendo poco sale, 1/2 cucchiaino di curcuma e una punta di curry indiano. Se necessario potete aggiungere un po' d'acqua per arrivare alla cottura. NOTA BENE: sbucciate le patate e tenete da parte le bucce, le friggerete in olio di oliva tagliate a listarelle per guarnire il piatto finito.
  3. Quando le verdure saranno cotte trasferite in una ciotola, aggiungete una grattugiata abbondante di noce moscata, il formaggio grattugiato, il pepe e il caprino: amalgamate il tutto e assaggiate di sale.
  4. Mentre preparate i ravioli mettete sul fuoco la crema per il fondo: in un pentolino lessate le due patate e la carota e un pizzico di curcuma. Lasciate bollire per 15 minuti circa e poi togliete l'acqua in eccesso lasciandola da parte. Frullate il tutto con il frullatore ad immersione aggiungendo un paio di cucchiai di salsa di soia e un pizzico di pepe. Fate incorporare tanta aria mentre frullate fino ad ottenere una crema liscia e spumosa aggiungendo, solo se serve, qualche cucchiaio di acqua di cottura per volta.
  5. A questo punto stendete la pasta: a mano o con la macchinetta deve essere liscia e sottile, non trasparente ma nemmeno troppo spessa. Tagliatela con un coppapasta rotondo e al centro di ogni cerchio deponete un cucchiaino di impasto. Per chiudere i ravioli DOVETE GUARDARE IL VIDEO: non è difficile, fate un po' di prove con poco ripieno magari, in modo da porter gestire meglio la chiusura della pasta.
  6. Cuocete i ravioli in acqua leggermente salata per 2/3 minuti al massino, scolateli bene e deponeteli in un piatto dove avrete distribuito la crema di patate e carote, decoratelo con qualche goccia di salsa di soia, le scaglie di pecorino e la buccia delle patate fritta.

Io vi consiglio un buon vino rosso come accompagnamento, magari un chianti, ma si sa, io sono di parte…..

raviolo italo-cinese: Jiaozi vegetariano con pak choi ruffino

se vi servono ricette etniche potete guardare queste:

Fettuccine di riso al latte di cocco e ravanelli ingradolce

Dumpling e frutta caramellata

raviolo italo-cinese: Jiaozi vegetariano con pak choi
raviolo italo-cinese: Jiaozi vegetariano con pak choi

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

2 commenti

  1. Che bontà questi ravioli Sandra! Da noi sarebbe difficile non seguire le linee dettate dal nostro sindaco; ha chiuso scuole, chiese, musei, cinema. Ha consigliato a anziani di non uscire di casa, se non strettamente necessario. vietato abbracciarsi e baciarsi in pubblico. Ha dato ordine ai supermercati di far passare un cliente alla volta sul carrello scorrevole delle casse, mantenendo una distanza di almeno un metro. Nella piazza del mio paese staziona un vigile che invita i cittadini che si fermano a parlare di mantenere la distanza di sicurezza … sembra un incubo! Io sono stranita, ti giuro! Un signore l’altro giorno (io esco e faccio tutte le mie cose come prima) mi ha incrociata per strada, ha attraversato sull’altro lato e si è tirato su la sciarpa su bocca e naso … l’ho guardato storto e volevo dirgi: scusi, guardi che non ho mica la peste! La gente quando ha smesso di pensare con la sua testa? Secondo me, è una cosa vecchia di decenni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.