Ove la Sieve all’Arno si congiunge…. Foodstock

 

 

 

Pontassieve, ridente cittandina dell’entroterra fiorentino.
sul ridente si potrebbe avere  da dire, forse qualche decennio fa poteva anche essere ridente ma adesso, dopo il passaggio dell’ultima crisi,  più che ridente direi deludente.
mi viene da pensare  alle grandi storiche fabbriche, alle grandi maestranze che erano presenti su questo territorio  che sono sparite negli ultimi trenta anni: c’è da farsi tremare i polsi.
a cominciare dalla vetreria Del Vivo, alle cantine Chianti Melini, alle Industrie Brunelleschi, al cementifico Italcementi. e potrei andare avanti, e ancora avanti per diverse righe.
un paese in ginocchio forse grazie anche alle politiche lungimiranti dei nostri governanti locali che evidentemente in tempi remoti  hanno deciso che Pontassieve e zone limitrofe sarebbero stati il dormitorio di Firenze e che tutta la zona industriale doveva essere spostata nella piana fiorentina esattamente dalla parte opposta alla nostra collocazione geografica.
avevamo le officine delle Ferrovie dello Stato forse più efficienti ed all’avanguardia d’Italia, adesso abbiamo una desolata landa di rotaie abbandonate che non si riesce a collocare neanche con un bando europeo. avevamo eccellenti  artigiani, adesso abbiamo centinaia di saracinesche abbassate.
però
però qualcosa sopravvive e prospera ancora.
per due giorni Pontassieve ha riacquistato vita, nel suo centro storico è scorsa linfa vitale, una marea di gente finalmente felice di poter partecipare ad un evento semplice ma allo stesso tempo particolare.
dobbiamo ringraziare per questo l’Associazione Culturale Cavolo a Merenda, il Comune di Pontassieve e la Ruffino, famosa casa vinicola fondata dai fratelli Ilario e Leopoldo Ruffino nel 1877.
è stata una Foodstock godibilissima, il tempo è stato buono, la manifestazione ben organizzata, gli chef veramente disponibili, il cibo  la musica  e il vino stupendi.
cibo da strada, calici di vino da passeggio, show cooking,  musica, calore umano.
forse sono sempre la solita inguaribile romantica ma per un attimo ho pensato che questo paese non fosse ancora defunto del tutto, in fondo in fondo esiste ancora uno zoccolo duro di persone che non si vogliono arrendere alla monotonia, alla stessa minestra, al vedere tutto sotto lo stesso foglio opaco.
e in questi due giorni ho fotografato Pontassieve come non lo avevo mai fatto, ho trovato angoli che fino a ieri erano “normali” che invece visti con l’occhio della macchina fotografica diventano “speciali”.

 

oltre ventimila persone presenti nei due giorni del festival,  street-food servito a tutte le ore del giorno e della notte,  musica di sottofondo e vini pregiati per la degustazione.

e poi gli show-cooking
io avre voluto avere il dono dell’ubiquità ed essere onnipresente ma mi sono dovuta accontentare, si fa per dire, di goderne solo tre.

apertura delle danze sabato sera ore 16.30 in piazza di “BRUCO” come la chiamano i pontassievesi, in realtà piazza XIV Martiri. lo chef Claudio Vignali del ristorante  La Sosta del gusto, agriturismo Il Trebbio, ci ha fatto assaggiare questa semplice frittura di carni di coniglio e pollo in pastella lievitata con salsa di scalogno, il tutto accompagnato da un rosso  Ruffino Chianti Superiore DOCG

 

per la pastella lievitata
25 g. di lievito di birra
125 g. di farina
180 g. di acqua
6 g. di zucchero
6 g. di sale
lasciar lievitare per almeno mezz’ora e poi friggere la carne in piccoli pezzi
per la salsa di scalogno far cuocere gli scalogni con olio, sale, pepe e ….aceto.

alle 17.30 eravamo sul ponte Mediceo, cucinare su un ponte è un’idea superba, con Maria Probst, del ristorante La Tenda Rossa, con il suo peposo di coda di bue con la bottarga di uva bianca e un vino Riserva Ducale Ruffino.
emozionante!

poi domenica, lo chef Mario Perone, Villa Pitiana, ha riproposto la sua personale versione del crostino di fegatini alla fiorentina, con semplici ingredienti di qualità: porcini essiccati in forno, purea di pesche, salvia all’ananas, fegatini di pollo marinati nel vinsanto. quando si dice l’estro creativo del genio!

e poi la visita alle storiche cantine Ruffino, una vera opportunità che ha visto un afflusso continuo di persone per tutti e due i giorni della manifestazione.

 

il risveglio di un paese, per due giorni, due piccoli giorni.
è stato bello vedere la gente riempire le strade, appassionarsi alla cucina, al vino, alla musica.

un vero successo di pubblico e una bella organizzazione, intelligente, ben studiata, accattivante.
non ci resta che aspettare la seconda edizione….. ma si potrebbe fare semestrale invece che annuale?

 

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

27 commenti

  1. Chissà…l'appetito vien mangiando…magari qualche mente illuminata farà "2+2" e se non proprio lo stesso evento con cadenza semestrale, penseranno a qualcosa di simile con cui alternare! Speriamo! Io incrocio tutto l'incrociabile (spero valgano anche i nodi dei miei ricci ^_^)…e dajeeee!!
    Un bacione

  2. Ciao Pilà, non mi soffermerò sulle gestioni delle politiche locali perchè ti monopolizzerei il blog…. Non conoscevo questo evento, ne parli con tanto entusiasmo… Bellissimo! Un bascione!

  3. Non conoscevo questa manifestazione e non ne avevo sentito parlare. E' un vero peccato, perchè visto la vicinanza sarei sarei venuta molto volentieri, soprattutto adesso che ho visto le tue foto!!Sarà per il prossimo anno. un bacio, Chiara

  4. In questo periodo grigio per il paese queste iniziative sono utili fosse anche solo per svagarci e a portare nella nostra giornata qualche ora di allegria e positivitá…
    Che cose buone!
    Baci!

  5. Sarebbe stato bello girellare insieme per Pontassieve sgranocchiando tutto quello che ci riusciva di sgraffignare.. Beh, magari prima o poi si può anche fare, che dici?

  6. Un'iniziativa a dir poco bella e importante. Grazie per aver condiviso con noi, Sandra… e, si, sono d'accordo, positivi sempre 😉 Ti mando un bacio e rubo una pastella ^_^ <3

  7. L'Italia è un po' tutta paese, perché purtroppo i lungimiranti politici locali sono a pontassieve come a treviso, roma, napoli,etc…. quindi purtroppo ci sarebbe da lavorare talmente tanto da scoraggiare chiunque. Anche io vorrei poter dire ai miei figli che un futuro è possibile senza andare via di qua. Forse ce la faremo, forse no, ma speriamo che di irriducibili sognatori se ne faccia avanti qualcuno di più a darci una mano. Bellissimo articolo e bellissimo evento

  8. Quando ho cominciato a leggere il tuo post l'amarezza e lo sconforto avevano ripreso il sopravvento … poi piano piano, leggendo un sorriso mi ha accompagnata fino a un certo punto. Ora che sono qui a commentare, penso: si, ok ma una volta all'anno?! Non si solleva l'economia per una sola manifestazione … che tristezza cara Sandra, che tristezza. Dove andra' a finire la nostra povera e stupenda Italia? Va beh vado che e' meglio. Un bacio

    1. ovvia Terry! bisogna essere positivi, se intanto la gente cominciasse a capire qualcosa di più non sarebbe mica male! su su su!!!!
      guarda che vengo a trovarti e ti brontolo di persona sai, bisogna essere positivi!

  9. Che bella iniziativa e che bell'evento. Avrei proprio voluto vederlo.
    Bello, come sempre, il tuo racconto.
    Grazie Sandra, buon pomeriggio.
    Tiziana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.