creaked …. piccole zuppe inglesi con pan di spagna di recupero

versione lunga ma bellissimo video
ed è un peccato che gli artisti veri ci lasciano sempre 
troppo presto

craked
 incrinato.
non rotto, incrinato.
perchè quando una cosa è incrinata 
  è intera 
ma non integra.
così tutti i dolori incrinano il mio cuore
non lo spezzano,
no
lo incrinano soltanto
come una fitta rete ti capillari, 
come un venatura sulla porcellana,
si depositano a strati
uno sull’altro, uno accanto all’altro
e rimangono nel tempo.
non rotto, non spezzato ma non intero.
 incrinato

piccole zuppe inglesi 


ho sempre paura che le cose non bastino.
se faccio il pan di spagna per un dolce ho paura che non mi basti e devo farne un pochino in più per avere la certezza di averne a sufficienza.
idem  è per la crema  per guarnire e per tutto il resto.
e dopo? e dopo che si fa quando ci si rende conto dell’enorme avanzo?
si prende nota per la volta dopo, in modo da sapere le quantità e non far avanzare niente o almeno una quantità ragionevole per un semplice assaggio di fine torta (avete presente mettere il ditino dentro la ciotola della crema avanzata e screanzatamente metterlo in bocca come i bambini?)
la ricetta del pan di spagna e della crema la trovate

QUA,

 io ho solo aggiunto una po’ di cacao amaro a una parte di crema chantilly e fatto un piccolo fondo con biscotti secchi, mandorle  e un filo di crema.
compattato bene e cominciato con strato di crema, strato di pan di spagna appena bagnato con lo sciroppo di melagrana e acqua, filetti di mandorle, strato di crema al cioccolato, ancora pan di spagna bagnato e crema chiara.  spolverata generosa di cacao amaro.

buon fine settimana passerotti!

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

40 commenti

  1. I dolori incrinano, Sandra, si… e restano nel tempo… insomma sono lì… però fortificano pure, ecco il lato positivo. E rendono speciali. Queste piccole zuppe inglesi sono un amore, ci affonderei volentieri il cucchiaino dentro… adesso 🙂 Un abbraccio stretto, bella Donna :* Buon inizio settimana <3

  2. Incrinato…mi viene in mente il piatto incrinato che si usa per fare colare il vino, poco alla volta, nel brasato che servirà poi per l'impasto dei cappelletti..non so se la tua incrinatura è bella o brutta. Questo piatto incrinato però mi piace!
    Mi piace la tua zuppa inglese: la prepari anche per me?

  3. Incrinato, già! anche il mio cuore in questo momento è incrinato, ammaccato, fessurato.
    Il tempo guarisce,il tempo che oggi sembra non passare mai…
    Le cose dolci, dolci aiutano a superare i momenti tristi. In questo momento mi ci vorrebbe una vagonata della tua ottima zuppa inglese!!!

  4. ma fai bene Sandra, io diverse volte mi sono ritrovata che non mi bastava la crema per il tiramisu…e poi come si fa? meglio abbondare!! queste coppette sono deliziose!! :*

  5. Sandrissima… ma le cose incrinate possono resistere anni con il loro fascino di esperienza vissuta in pieno…. l'importante è volgere quell'incrinatura come punto a favore e non come penalità! Le cose rotte invece ormai sono rotte..
    Buono il dolcino…. ti abbraccio forte fortissimo e buon w.e.!!! <3

  6. Ciao Sandra, le incrinature assomigliano alle rughe … segnano il vissuto …ma non si devono spezzare perché altrimenti crolli …
    Saranno piccoli bicchierini di zuppa inglese ma fanno venire tanta acquolina in bocca!
    Buon weekend …anche se sarà ancora piovoso!

    1. come diceva la grande Anna Magnani alle truccatrici che volevano toglierle le ruge:
      ci ho messo una vita a farmele venire e tu le vuoi nascondere?
      meglio mostrare e inzuppare il cucchiaio nella dolcezza "inglese"!
      buon fine settimana tesoro!

  7. Io AMOOOO Michael J.. e questa canzone, amo le zuppe inglesi e le cose che avanzano che così possono diventare dei piccoli capolavori come il tuo 🙂 Affondo cucchiaio e….ti auguro un felicissimo we! Un bacio

  8. Io anche grande fan di Michael J…peccato, troppi gli artisti meravigliosi che se ne sono andati troppo presto..
    Questi bicchierini di zuppa inglese sono un attentato alla prova costume Sandra…..sai che lo sciroppo di melagrana è una splendida idea??? Buon w.e.!!! ROBY

  9. Forse anche a questo servono i dolci, a medicare le incrinature, come una specie di colla a presa rapida che non ti restituisce l'integrità perduta, ma ti aiuta a tenere su i pezzi per evitare la rottura completa. E un dolcetto come questo è una coccola che ti fa dimenticare tutto ciò che è amaro. Buon fine settimana.

  10. adoro michael e sarà sempre nel mio cuore, era l'idolo della mia infanzia e continua ad essere dentro di me…lo so non si potrebbe parlare così di un cantante ma io in qualche modo l'ho sempre sentito vicino a me…grazie a lui ho imparato l'inglese, per anni ho tradotto tutte le sue canzoni e con la sua musica sono cresciuta…bellissime queste zuppe inglesi, sandrina! te ne rubo una, posso? 😛

  11. Fantastiche e golose queste coppette di zuppa inglese!! E' da tantissimo che non faccio questo dolce semplice ma delizioso. Era l'unico dolce che faceva la mia nonna materna…la cucina per me, è fatta anche di ricordi. Bravissima Sandra!! Un bacio, Mary

  12. Le tue parole mi hanno fatto riflettere..da piccola quando qualcosa a cui tenevo si rompeva dicevo sempre "lo rivoglio come prima"…ma quando qualcosa è inclinato c'è poco da fare, va accettato così com'è e imparare a conviverci…
    Il tuo riciclo è talmente goloso che spero che ogni tanto avanzi un po' di pan di spagna anche a me 😛
    Buon we cara, coccolati il + possibile <3
    la zia Consu

    1. infatti, non si puo' riavere tutto "come prima" e da donna saggia hai ragione sul fatto che bisogna imparare a conviverci.
      coccoliamoci Consu!

  13. Proprio un post da scansafatiche oggi … se poi ci aggiungi la poesia mi preoccupo proprio!!! Buon week end anche a te cara, spero sia almeno sereno. Un bacio

  14. Sublimi queste zuppe inglesi, Sandra. E presentate in maniera molto elegante. Trovo azzeccatissima la scelta di aggiungere le mandorle ed il cacao. Le trovo perfette! Bravissima!
    Grazie per il video di Michael Jackson, grande artista, e altrettanto grande filantropo, troppo spesso frainteso.
    Un abbraccio e buon week end!

  15. così è con certi dolori.. sì compattano sul fondo.. uno strato di crema.. uno strato ancora e poi ancora finché non lo vediamo più.. e ci cominciamo non esista.. però esistono i cucchiaini che affondano.. vabbè lasciamoci affondare nel pan di spagna, farà da cuscinetto 😉
    e abbracciamocisimiti :-*:-*:-*

    1. proprio così Tamara, rimangono in fondo e fino a che non hai finito tutta la zuppa inglese non li vedi… ma quando hai finito tutta la zuppa inglese… beh, allora è un'altra cosa, hai già qualcosa di morbido e appagante nello stomaco e le incrinatura sembrano meno importanti.
      abbracciamoci tanto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.