pane all’olio nel barattolo e mousse di ricotta con olive verdi

a tutto volume per favore, mentre impastate che favorisce
l’assorbimento dell’acqua con la farina e fa bene a tutti i vostri 
muscoli – perchè non potrete fare a meno di ballonzolare

l’ho scoperto con Panissimo.
andando a vedere un pane che mi avevano mandato sono capitata qua, da LEI  e avendo il lievito in tiro il giorno dopo ho provato…… ma che storia ragazzi!
fare il pane nelle forme della lattine di pomodoro vuote!
io che per il riciclo impazzisco, riutilizzare queste forme, naaaaaaaaaaaa, troppo bello,  bellissimo!
e all’ora presa dall’onda dell’emozione, infervorata dal sacro fuoco della curiosità ho provato a fare il pane anche negli stampini da muffins…..ma guardate che bellini porca miseria!

la ricetta non è niente di diverso dal solito, semplici panini all’olio, ma la forma…. la forma è meravigliosa!

i prossimi ripieni……

sono venuti così soffici e leggeri che  uno tirava l’altro, 
non so se fosse merito delle farine e del lievito o 
addirittura della cottura protetta negli stampini….. 
non lo so, so solo che erano buonissimi.

la ricetta?
uffa che uggia, ve la dico siiii!!!
ma guardate che foto… ah ah ah!!!!
:O)

panini all’olio nel barattolo 



preimpasto

100 g. licoli rinfrescato due volte
50 g. farina integrale macinata a pietra
50 g. farina tipo 0 macinata a pietra
50 g. farina di farro integrale macina a pietra
acqua 70/80 g. circa (molto dipende dalla qualità delle farine che userete)

dopo 12 ore 

secondo impasto
tutto il  primo impasto
50 g. farina integrale
50 g. farina bianca
50 g. farina di farro integrale macinata a pietra
acqua c.ca 50/60 g. 
l’impasto dovrà risultare morbido, quasi appiccicoso.
fare due giri di pieghe a libro a distanza di 30 minuti l’una dall’altra e mettere a lievitare coperto fino al raddoppio (3 ore circa)

riprendere e dividere in palline che metterete negli stampini infarinati.

incidere a croce e lasciar lievitare coperti fino al raddoppio (1 ore e 1/2 circa)

io li ho cotti nel forno della cucina economica per una ventina di minuti e poi altri dieci a sportello aperto. 

presumo che in un forno elettrico comincerei con dieci minuti a 200°C per poi scendere a 180 per almeno altri venti minuti. 
toglieteli dagli stampi per farli freddare, ce li potete rimettere dopo una volta freddi per fare scena….




una variante per farne degli antipasti sfiziosi e veloci
classicamente ottimi  accompagnati da affettati e formaggi. 
provateli invece con questa piccola e velocissima mousse
con 200 g. di ricotta fatta in casa  (ma anche no),
una manciata di olive verdi denocciolate
sminuzzate grossolanamente, 
100 g. di formaggio molle tipo Robiola
sale, pepe
e un giro d’olio extra vergine di oliva 
con una frusta o una forchetta emulsionate tutto il formaggio e gli altri ingredienti in modo da avere
 una spuma soffice e leggera che appoggerete con amore sui panini affettati ancora caldi.
vi prometto che non ve ne pentirete!

note:

  • ho messo poco impasto nei barattoli dei pomodori, io sono arrivata a poco meno di metà e in lievitazione sono rimasti sotto il bordo  del barattolo ma i prossimi saranno quasi pieni in modo da passare oltre e uscire dalla forma!
  • ripieni…. ripieni devono essere speciali….. pensavo 

con questa ricetta partecipo a Panissimo, raccolta di lieviti realizzata da me, me-medesima e dalla Barbara, Bread & Companatico che questo mese è ospitata da Sandra di Dolce forno

e anche da  Zapach Chleba per la raccolta di lieviti della nostra amica in Polonia…. e sono soddisfazioni!!!!

e anche dalla mia bambina-bis, dalla Valeria e da quelle splendide donne del Ca’ Versa per il 5° contest
“Un antipasto con i fiocchi”…… con una motivazione precisa: I MIEI ANTIPASTI sono quasi sempre a base di pane, perchè quando uno ha un bambino in frigorifero (lievito liquido) e anche una ragazza madre, sempre in frigorifero, che ama svisceratamente come io amo i miei lieviti  bisogna che si inventi sempre cose nuove!
e sono felice di aver  “contagiato” anche loro con la voglia e la passione dei lieviti!!!!

e partecipo anche al contest “la rivincita dei cereali” d     A tutto pepe    e     Giochi di Zucchero che scade il 31 marzo 2014

Print Friendly, PDF & Email

ti potrebbe interessare anche

26 commenti

  1. Perfetti per fare delle tartine tagliandoli a fettine…ho fatto la rima O_o!!!!!
    Ottimi…davvero da provare!!!

    Un abbraccio
    monica

  2. Ma quanto sono carini., Sandra! Foto strabelle. Bene ora ti dico, io non sono fortissima sul pane senza glutine, ma ho già fatto qualche esperimento, la cosa che mi secca è che spesso, avendo degli impasti mooolto morbidi devo ricorrere a stampi o stampini , invece vorrei impastare delle belle pagnottelle gonfie… Ora vedendo queste tue creazioni mi devo ricredere, saranno le belle foto, sarà che i panini hanno un aspetto molto invitante ma il panino in vaschetta mi pare anche molto chic!! Baci

  3. Secondo me anche la cottura protetta aiuta.. io l'altra settimana ho fatto un pane integrale nella forma del plumcake ed è rimasto morbidissimo, una cosa mai vista!
    Anche io adoro il riuso (e la mia casa ne è la prova provata), quindi questi paninetti mi conquistano!!

  4. Ascolta tesoro, tu devi dormire la notte … non puoi stare sempre a pensare a come impastare/lievitare/cuocere/farcire il pane!!! Scherzi a parte, è una bellissima ideaaaaaa! Bravissima

  5. Noooo ma guarda ganzi!!! Mia mamma con i barattoli dei pelati ci ha fatto dei portapenne, certo non avrei mai pensato di poterli usare anche nel forno…troppo bello riciclare, io cerco sempre di conservare un sacco di cose (di nascosto da Dino) ma purtroppo non è così facile, ormai mi conosce e lo legge nel mio sguardo che sto per nascondergli qualcosa! ^_^
    Ti bacio amica del cuore!

  6. Sono incantata da questi panini…sorprendentemente belli e che uno tira l'altro ci credo eccome 😛
    Un bacio tesoro <3
    la zia Consu

  7. sono davvero bellissimi, io avevo visto le focaccine mignon così però questi paninelli tagliati a croce sono davvero belli!

  8. Vero, belli e primaverili! Sarà che con questa pioggia incessante la voglia di bella stagione è altissima, ma io ci vedo gemme appena nate, pronte a sbocciare, nella forma di questi panini… 🙂

  9. Bellissima l'idea, molto coreografica e il pane deve essere senza dubbio buonissimo. Mi sembra quasi di sentire il profumo. Mannaggia solo che oggi è il giorno del digiuno… Brava brava brava, come sempre!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.